DEMONE Parte 4

1.8KReport
DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta.

"Oh sei tu." Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa.

"Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi?" Ha chiesto gentilmente.

"No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere." Gli feci segno di entrare. "Sei stato occupato", dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina per vedere che cibo potevo preparare.

"Ho fatto quello che mi hai chiesto." Lui ha risposto. "Ho una domanda però. Perché non mi sento male per le avventure di una notte? Prima mi sentivo male, ora mi sento solo..."

"Indifferente. Viene con i poteri." Parlando di poteri, penso che si sia guadagnato la sua seconda serie di poteri. Forse manipolazione del tempo? No, è troppo presto.

"Non preoccuparti di darmi da mangiare, posso mangiare più tardi." Ha interrotto la gara di sguardi che avevo con il frigorifero aperto.

"Questo mi farà risparmiare un po' di tempo", chiudo il frigorifero. "Sai una cosa? Di solito vado a fare una corsa mattutina. Vuoi venire con me?" Ho guardato cosa indossava.

"Certo, sono giù. Vuoi che me ne vada mentre ti cambi?"

"Non è necessario", dissi mentre mi infilavo la camicia da notte sulla testa, mostrandogli di proposito il mio corpo completamente nudo. Voglio dire, se volessi scoparmelo di nuovo, ho bisogno che pensi che sia lui a iniziare.

Arrossì di un rosso brillante e fissò il mio corpo. "Sei sicuro che non vuoi che me ne vada? Sarò subito fuori, "

"Puoi, ma ho quasi finito", dissi mentre tiravo giù il reggiseno sportivo dal divano e mi mettevo dei pantaloni da jogging. "Inoltre, ormai, sono abituato ai ragazzi che fissano il mio corpo, quindi se è nudo o no non mi importa. Fatto. Vedi? Non è un gran problema."

"Va bene allora." Il suo viso si offuscò, tornando lentamente alla normalità. "Andiamo, immagino."

Mentre giravamo intorno a Bassline, ho iniziato a capire cosa stesse dicendo Korra. Mentre correvamo, stava seriamente girando la testa. Era come una pornostar, senza gli interventi chirurgici. I ragazzi la fissavano dall'altra parte della strada, in particolare le sue tette e il suo culo. Voglio dire, mi ha beccato più volte, sorridendo e arrossendo ogni volta che guardavo. È quasi come se ignorasse tutti tranne me.

"Allora, come sta il tuo nuovo condominio?" Ha detto abbastanza forte da farmi sentire mentre rallentavamo per una passeggiata.

"Va bene, immagino. Voglio dire, i miei nuovi mobili e i miei soldi sono arrivati, ora sto solo aspettando i miei vestiti." Mi asciugai una goccia di sudore dal viso.

"Posso passare presto? Mi piacerebbe vederlo."

"In realtà, sì! Stavo giusto per chiederti se puoi venire alla mia festa di inaugurazione della casa stasera."

"Sì, non ho niente in programma." Si è sistemata i leggings. "Quand'è?"

"Inizia alle sette, ho anche il catering e le bevande, quindi non c'è bisogno di portarne."

"Ok, ci sarò. Vuoi chiamare un passaggio? Ho finito di correre e non voglio tornare indietro." Infilò una mano nella cucitura dei suoi pantaloni da jogging e tirò fuori il telefono.

"Certo", dissi. Potrei sicuramente resistere alla corsa di ritorno, e sono decisamente sicuro che anche Korra potrebbe farlo, ma immagino che fosse solo annoiata.

Circa dieci minuti dopo, la corsa era qui, io e Max siamo saliti sul sedile posteriore, lui a sinistra e io al centro, per proteggerlo dall'autista.

"Prima di tutto, ci ho pensato," dissi quasi in un sussurro, appena udibile da lui. "Penso che tu abbia guadagnato il tuo secondo round di poteri." Ho strofinato il segno sul suo braccio, facendo pulsare energia dalla punta delle mie dita nel segno, costringendolo a sussultare abbastanza forte da essere sentito dall'autista.

"Stai bene là dietro?" L'autista ha interrogato.

"Si è solo fatto male al braccio piuttosto gravemente. Starà bene quando torneremo a casa."

"Oh. Ok. Allora prenderò una scorciatoia."

"Lo apprezzerei," dissi, contemplando poteri utili da dare a Max. Dopo aver trovato un set abbastanza buono, mi sono preparato per il rituale.

"Sei pronto per questo? Sei sicuro di volerlo?" Annuì in silenzio e posò la sua mano sulla mia.

"Ok, normalmente lo farei mentre dormi perché non lo sentiresti. Per favore, abbi pazienza. Farò in fretta." Ho sussurrato mentre disegnavo forme nell'aria, solo perché si trasformasse in un simbolo blu brillante. Ho afferrato il simbolo e l'ho sbattuto sopra il segno precedente sul suo braccio.

"AHH!!! CAZZO!!!!" Lui gridò.

"Scusa scusa." dissi, accarezzandogli dolcemente il braccio, cercando di calmarlo e confortarlo. Il dolore era solo l'inizio. "Quanto siamo vicini? Sta perdendo la presa." Ho chiesto con calma all'autista mentre Max iniziava a tremare e grugnire.

"Cosa intendi con 'perdere la presa'? Stava bene un secondo fa. Ma va bene, immagino che mi sbrigherò-" L'autista fu interrotto da Max che vomitava sul sedile del passeggero.

"CHE CAZZO GLI E' SUCCESSO?!" L'autista ha perso la testa.

"Non preoccuparti. Fammi pagare di più. Ma da qui in poi sarà solo peggio." dissi con calma.

"Cazzo." E l'autista lo calpestò. Dopo circa un minuto e due semafori rossi, siamo arrivati ​​al cancello. Scesi dal lato destro della macchina e mi girai intorno per aiutarlo.

"Dove siamo?" Gemette quasi tristemente. Il cervello e il corpo di Max sono stati forzatamente riorganizzati e modificati per adattarli ai suoi nuovi poteri, e lui stava prendendo lo strumento.

"Siamo a casa mia", dissi con la voce più dolce che riuscii a raccogliere.

"Fanculo." Era quasi come se fosse ubriaco fradicio e prendesse cocaina allo stesso tempo. Non appena gli ho tolto la cintura di sicurezza e l'ho sollevato dal sedile, ho sentito una voce strana ma familiare. Trascinandolo in giro per affrontare questa voce, fui sia decimato dalla rabbia che pervaso dalla paura.

"Eccoti, prigioniero." Alzai lo sguardo per vedere un volto che speravo di non rivedere mai più. L'ascensore in cui eravamo stati per coincidenza è stato tirato via, quasi come se fosse in fila per uno spettacolo teatrale.

"No! Non ho bisogno di te qui, Orion! Non ora! Non mai!" Era l'assassino di mia madre.

"Oh, per favore. Non comportarti come il bambino che sei. Ascoltami e lascia uscire quella metà adulta di te."

"Vaffanculo!" Ho materializzato la mia spada nella mia mano libera.

"Non sto cercando di combatterti." Alzò il braccio e fece un cenno. In quell'istante sono stato lanciato in aria. Ho sbattuto contro un pilastro con grande forza, abbastanza per una forte emorragia interna. Quando la gravità ha preso il sopravvento, trascinandomi a terra, ho visto Max precipitarsi verso di me. Non appena ho toccato il pavimento, ho spinto contro il pavimento e mi sono alzato in volo verso di lui, prendendolo in aria. Solo pensando di mantenere il suo corpo fragile il più illeso possibile, sono atterrato in piedi, solo per crollare sulle ginocchia, sputando una quantità malsana di sangue.

"In effetti, sei così debole che se dovessimo combattere, perderesti in un batter d'occhio. Sei così debole che devi usare umani umili per eseguire i tuoi ordini."

"Vaffanculo, Orione." Ho sputato altro sangue nelle sue scarpe.

"Fortunatamente per te, onorerò la tua richiesta. Faremo questa chiacchierata domani. Non preoccuparti. Ti troverò." E se ne andò in un torrente di piume.

"No, non lo farai", ho detto mentre iniziavo il rituale di guarigione, raddrizzando la spina dorsale, riparando i reni, riformando i polmoni e sostituendo i tessuti danneggiati nel mio cervello. Poi, mentre stavo per guarirlo, ha aperto gli occhi.

"Ugh. Dove sono?" Mi sembrava di aver dormito otto ore. Tranne che era ancora giorno. Luce del giorno ampia e ardente. Ho strizzato gli occhi alla luce abbagliante.

"Bene. Sei sveglio. Non lavorare troppo, hai... una mega-sbornia." Ha parlato Korra. Mentre la guardavo, ero completamente scioccato. I suoi vestiti erano strappati, c'era sangue dappertutto, ma non c'erano tagli.

"Korra-" ho iniziato.

"Sto bene. Dobbiamo andare. Adesso." La sua voce si fece arrabbiata. "Qualcuno ha rivelato la mia posizione. È... Questo.." Fece un gesto intorno, "non è più al sicuro. Devo prendere la mia roba. Resta qui." Mi ha lasciato gentilmente sul pavimento e, mentre mi muoveva, ero così eccitato dal movimento, che mi sembrava di avere il caso di vertigini più violento del mondo. "Non potevi muoverti comunque." Corse nella villa. La villa che era brulicante di donne fino a due giorni fa. Quanto è cambiato negli ultimi due giorni. Cominciai a perdermi nel pensiero di come avrei potuto usare i miei nuovi poteri, poteri che, tuttavia, non ho idea.

"Sono tornata," disse Korra dal lato esatto opposto da cui era partita. Ovviamente ho saltato. Ho provato a rotolarmi e sono stato accolto dal vomito quando ho finito.

"Ehm. Hai un aspetto diverso." Mi sono schiarita la gola. E lei lo ha fatto. Indossava un'armatura da cavaliere, tranne per il fatto che era fatta di cristalli neri e rossi. Aveva anche una piccola borsa che emetteva costantemente una luce rossa delicata.

"Non l'obiettivo principale. Dov'è il tuo appartamento?"

"5126 Harold Road. Perché?"

"Merda. Troppo lontano per il corto raggio. E tu non sei in condizioni per il lungo raggio."

"Che cosa?"

"Non possiamo teletrasportarci lì. Hm. Ci faremo venire a prendere da Vesp."

"Who's Vesp-" ho iniziato quando sono stato interrotto da un fischio che era troppo alto per essere udito, ma abbastanza forte per essere sentito. In risposta al fischio è stato un ruggito. Un ruggito profondo, basso e spaventoso. E poi, in una nuvola di fumo, apparve una creatura delle dimensioni di un cavallo. Era quasi come un mix tra un drago e una volpe. "Questo è un Coaxe. Il mio famiglio personale. Ehi amico! Come va?" Il persuasore saltellava su di lei come un cucciolo che non vede il suo proprietario da settimane. "E' con me da qualche anno ormai. Va bene se ti cavalchiamo ragazza?" Vesp rispose con un grido di gioia.

"No, non posso." Non stavo cavalcando su quello. Non c'è modo.

"Cosa? Non abbiamo tempo per occuparci della tua figa."

"Che cosa?!" Non l'ho mai sentita parlare così!

"Upsy margherita!" Mi ha sollevato come un sacchetto di Cheetos. Neanche lei era così forte. Ho posato sul retro della Vesp. "Ecco la posizione Vesp." Gli occhi azzurri di Korra diventarono di un rosso brillante, e gli occhi di Vesp si abbinarono rapidamente. Vesp fece le fusa mentre Korra mi saltellava davanti. "Pronto ad andare?"

"Non proprio, potremmo prendere una pioggia-" Non sono riuscito a finire quella frase mentre ci lanciavamo a una decina di metri buoni in aria. Poi, non appena siamo stati in cima al balzo di Vesp, siamo partiti a velocità razzo. Tutto era sfocato per una ventina di secondi. Gli alberi erano come proiettili che sfrecciavano e due ore di macchina erano fatte. Non potrei sopportarlo, anche se non ero "mega-hungover". Oggi ho vomitato per la terza volta. Sono sorpreso di aver mangiato abbastanza cibo per fornire questa quantità di vomito.

"Che piano?" Si è comportata come se i proiettili in una contea fossero all'ordine del giorno.

"In alto. All'estremità occidentale." Chi ha avuto l'energia per creare frasi coese?

"Fortunato bastardo", disse mentre svenivo di nuovo.

"Sarai sveglio per la tua festa?" Sono stato svegliato con Korra sul mio cazzo. "Non ti dispiace, vero?"

"Niente affatto", dissi, sbadigliando e godendomi la sensazione che mi era stata data, "ma ho bisogno di conservare il mio orgasmo per dopo, non voglio ancora usarlo."

"Sai, puoi semplicemente rendere il tuo cazzo più duro e produrre sperma in serie." Disse mentre rimbalzava dolcemente sul mio cazzo semiduro.

"Non importa." Ho cominciato a spingerla a fondo, contrastando il movimento gentile che faceva.

"Sai, il resto della festa è là fuori, e non sarebbe giusto se l'ospite abbandonasse la festa." Ha iniziato ad accelerare, cercando di farmi raggiungere l'orgasmo, a costo di accelerare il suo. "Unnhh. Oh mio Dio. Cazzo." Si chinò e si strofinò rapidamente il clitoride. È stato allora che ho avuto un flashback di ieri quando mi sono scopato Katt, l'agente immobiliare. Ho provato a fare la stessa cosa ora con Korra.

"Ehm, no grazie." Ha smesso di muoversi.

"Come mai?"

"Lo tengo sotto chiave così non rimango incinta." Mi guardò con un'espressione di disaccordo molto gentile e materna.

"Ahh. Ok. Fantastico. Lo terrò a mente."

"Sono contento che tu capisca, ma io voglio ancora..."

"Sì, ok." L'ho girata e sono andata a fare il missionario. Ho accelerato il passo in modo da poter portare sia me che lei all'orgasmo, tenendo una mano sul suo clitoride, una mano sul suo seno sinistro e il suo seno destro nella mia bocca. Leccavo, succhiavo e mordicchiavo il suo seno finché non è venuta. Il suo orgasmo era super potente, spasmodico come se avesse avuto un attacco, e la sua figa si stringeva così forte che sono venuta molto più velocemente di quanto avrei dovuto. Sono esploso in lei, costringendola a spasmi ancora di più. Crollai su di lei, baciandole il collo mentre scendevamo dai nostri alti.

"Penso che dovremmo tornare alla festa." Lei gemette appena poteva.

"Sì, hai ragione," dissi mentre mi mettevo una maglietta e dei pantaloncini dal mio armadio.

"Vai tu per primo. Io rimarrò un po' indietro."

"Va bene. Ci vediamo tra un po'." Ho aperto la porta dopo aver finito di cambiarmi.

//

Si scopre che, come ogni festa, inviti un paio di persone e quaranta si presentano.

"Festa di malattia che hai, Max!"

"Grazie", ho detto a una persona di cui non avevo idea dell'identità. Ho deciso di andare al tavolo da poker improvvisato, perché qualcuno da qualche parte ha portato un tavolo da poker portatile.

"Coinvolgimi!" dissi sedendomi con il cacciavite, posandolo accanto a me mentre lasciavo cadere una mazzetta di contanti davanti al banco. Ho dato un'occhiata al mazzo di carte e mi è sembrato di vedere un'immagine fantasma della prima carta. Era un asso di picche. Ho spinto un pensiero al banco perché mi passasse per primo, così avrei potuto prendere quella carta. Trenta secondi dopo, la mano di ogni persona è stata distribuita con le proprie carte. Dato che in precedenza avevo guardato una carta dalla cima del mazzo, ho pensato di poter guardare la mano di ogni persona perché la loro mano era di due carte, ma si è allargata in modo che potessero vedere entrambe le carte. In questo scenario, potrei probabilmente vedere le carte nelle mani di ogni persona. E forse le carte comuni.

Asso e Jack, due e tre, quattro e sei, e una regina e un due. Passo un asso e un tre. La pila della comunità aveva una regina, un asso, un due, un tre e un altro asso. Finché giocavo bene, potevo vincere. O potrei giocare a questo a buon mercato. Anche quello. Non ho mai sentito una regola che dica che non si può costringere tutti ad andare all-in. Anzi, mi farà guadagnare ben cinquantamila. Dopotutto, sono in un quartiere ricco.

"Qualche scommessa?" Il commerciante ha chiesto.

"Vado all-in", dissi.

"Tanto per l'elemento sorpresa. Anch'io." Ha detto il ragazzo accanto a me.

"Può anche darsi. All-in."

"Fanculo. Tutto dentro."

"Vuoi solo andare direttamente alla rivelazione?" Il commerciante ha detto.

"Certo, perché no?" dissi compiaciuto mentre giravo le mie carte prima che le carte venissero rivelate.

"Arrogante, capisco." La ragazza due posti davanti a me ridacchiò. "Vediamo se sei abbastanza bravo." E il dealer ha rivelato le carte, solo per farmi vincere con un full.

"Aha! Mio! Grazie per aver giocato!" Ho incassato le mie chips per il piatto. "Giocheremo dopo!" dissi alzandomi da tavola.

Ho continuato a girare per la festa, facendo chiacchiere, imparando il potenziale... indulgenze.

"Massimo!" Ho sentito una voce familiare dietro di me mentre stavo chiacchierando con uno dei miei ospiti.

"Kat?!" Mi sono girato per vedere la ragazza che mi ha mostrato l'appartamento. "Mi scusi. È un vecchio amico."

"Vecchio amico?" Ha scherzato quando mi sono avvicinato a lei.

"Preferirei di gran lunga parlare con te che con Amanda."

"Oh? Che cosa ha lei che io non ho?" Ridacchiò mentre ci dirigevamo verso una delle camere da letto.

"Una vera fottuta personalità."

"Ahi. Sembra insipida e difficile parlare con lei."

"Parlamene."

"Voglio solo dire, grazie per martedì. Non solo è stato fantastico, ma ho realizzato il mio desiderio". Si mise la mano sul basso ventre. "Posso sentirlo."

"Sono contento." Ho fatto un leggero ma onesto sorriso.

"Uhh..." Cercò di rompere il silenzio. "Beh, immagino-" non ebbe la possibilità di finire la frase quando si udì un forte crack.

"Scendi Katt!" Ho urlato quando l'ho riconosciuto come il rumore della mia pistola. L'unico che avrebbe saputo dov'era quella pistola era Korra. Le urla hanno riempito l'appartamento mentre veniva sparato un altro colpo. "Dannazione! Korra è nei guai!" ho maledetto.

"Vado ad aiutare!" Katt balzò in piedi.

"No!" La tenni ferma mentre lottava contro di me. "Non voglio perdere due persone al prezzo di una!" le ho sibilato all'orecchio. Il suo viso mostrava un misto di shock, comprensione e realizzazione. Ha smesso di lottare. "Fai finta di essere morto. Tornerò. Te lo prometto." Mi sono alzato, sono uscito dalla stanza e ho camminato verso le scale del secondo piano verso la camera da letto principale. Verso il mio avversario. Inconsapevolmente, verso la mia morte.

——————

Lacuna qui. Mi dispiace che sia passato così tanto tempo. Aveva altre cose della vita da affrontare

Storie simili

Famiglia di proprietà - CH3: Non si torna indietro

Questa è la continuazione della storia di una famiglia che si sottomette al vicino nero. Se non ti piacciono le storie su gay, interrazziali, incesto, bestialità o sesso giovanile, per favore vai avanti. Se ti piacciono questi argomenti, divertiti. Apprezzo le critiche COSTRUTTIVE. I due giorni successivi furono molto simili. Ho lavorato a casa di Ty imparando i suoi investimenti e migliorando il suo sistema di archiviazione, se così si può chiamare un sistema. Da quello che ho potuto dire è entrato in denaro lasciatogli da un membro della famiglia mentre era al college. Ha lavorato in una scuola superiore dall'altra...

1.5K I più visti

Likes 0

Bella Lilly

Nota dell'autore: se non sei un fan delle storie in cui la maggior parte dei personaggi ha poca o nessuna morale, per favore non leggere questo. Sei stato avvisato. Vai avanti se questo concetto non ti incuriosisce. Ci sono alcune persone malvagie e incasinate in questa storia. Il figlio sessualmente attivo può essere il minore dei mali. Questa non è una storia d'amore spensierata. Il suo pezzo compagno Juicy J è molto più ottimista e spensierato. Sentiti libero di leggere quella storia (sulla sorella di Lilly) se preferisci quello stile. Questo è anche un racconto a strati con diversi personaggi. Un...

1.2K I più visti

Likes 0

Festa in piscina_(1)

Ehi, tutti, gridò Gene, guardate questo, appena prima di fare una capriola selvaggia dal trampolino nella piscina del suo cortile!!! Il resto della folla gli ha rivolto una finta standing ovation e Tom ha gridato: Darei tre e mezzo a quello, e tutti sono scoppiati a ridere e poi sono tornati a fare conversazione e ad accarezzare i loro drink! Era la solita folla, le quattro coppie che erano state amiche da quando si erano trasferite nella suddivisione vent'anni prima. In estate era il nuoto e il golf, mentre durante la stagione più fredda, era il bowling o le carte, scegli...

1.1K I più visti

Likes 0

Una sorella e l'eroe della sua migliore amica

Questa è la mia prima storia in assoluto, per favore dimmi cosa ne pensi .. Mi chiamo Jack, sono 6'1'' e sono scolpito, voglio dire scolpito, da tutte quelle ore in palestra. A scuola faccio wrestling e sono stato campione dei pesi massimi nei miei ultimi due anni di scuola. Dopo la scuola sono andato a MMA e all'età di 20 anni sono stato campione di MMA. Ho gli occhi azzurri e i capelli castani che tengo corti. Comunque torniamo alla storia. Vivo con mia madre e mia sorella, che ha 3 anni meno di me. Eravamo vicini ma avevamo ancora...

913 I più visti

Likes 0

La storia di Ann parte 2

La storia di Ann parte 2 Ann non era affatto a disagio nel retro di questo veicolo e con gli orgasmi appena avvenuti, insieme a chiunque la stesse succhiando, questo la portò di nuovo a un climax tremante. Le piaceva quando suo marito si contorceva e giocava con i suoi capezzoli, ma quello che amava ancora di più era quando giocava con loro e le succhiava la figa, specialmente il clitoride. Gli uomini che l'avevano presa apparentemente erano molto bravi a dare piacere alle donne. Era sdraiata lì incapace di muoversi ed era così consumata da tre orgasmi piacevoli, quasi di...

870 I più visti

Likes 0

Il migliore amico di mio fratello_(0)

Mio fratello Lance aveva quattro anni più di me, il che significava che aveva una grande quantità di simpatici amici. Avevo appena compiuto 16 anni e adoravo i ragazzi, i loro occhi erano sempre fissi sulle mie tette 36 D e sulla mia figura snella. Avevo lunghi capelli neri e grandi occhi castani. Mio fratello e la maggior parte dei suoi amici erano al college. Aveva un amico dalla scuola media, TJ. All'inizio era un ragazzo goffo, ma quando è andato al liceo è cresciuto in se stesso. Ha iniziato a fare sport e il suo corpo ha continuato a migliorare...

830 I più visti

Likes 0

Ora cosa devo fare?

Sono cresciuto in una città di medie dimensioni, una famiglia della classe media e per lo più al riparo dalla vita della grande città di Chicago, a poche ore di distanza. Non facevamo rave party e orge, ma ovviamente li sapevamo. Ero la più grande di tre anni e sempre molto protettiva nei confronti della mia sorellina. La mia famiglia e io abbiamo cercato di tenerle lontano dalla realtà della vita cittadina il meglio che potevamo. Il mondo mi si è davvero aperto quando sono andato al college alla Northwestern University. Ho trovato le tentazioni della grande città di droghe, orge...

686 I più visti

Likes 0

Omegle Chat #1 - Il nonno e Mariah fanno un giro

Nota: sfortunatamente, la storia è incompleta perché la connessione su Omegle è scaduta. Questo è completamente inedito da me. Godere. xxxxxxxxxxxx Sconosciuto: ((donna di 19 anni (può diventare molto, molto più giovane) in cerca di un maschio più anziano per l'incesto RP come mio padre, zio o nonno)) Tu: Quanto sei giovane, schifosa troia? Sconosciuto: ((Qualsiasi valore inferiore a 17 anni, nessun limite)) Tu: Il cazzo del nonno gli è appena cresciuto nei pantaloni. Quando viene a trovarci sua nipote di 11 anni? Sconosciuto: ((Oh okay! Vuoi che ti dia una descrizione!)) Tu: Sì tesoro. Dì al nonno che aspetto hai...

723 I più visti

Likes 0

Legare papà

Prima sei entrato e mi hai detto che volevi insegnarmi del mio corpo, poi mi hai baciato. Hai giocato con i miei seni e il mio gattino. Mi hai fatto sentire così bene. Ma non sono riuscito a vedere il tuo cazzo. Ho deciso che avrei preso in mano la situazione... Ho deciso che avrei aspettato finché non ti fossi addormentato. Sapevo dove teneva alcuni dei suoi giocattoli. Non sono così dolce e innocente come sembro. Ho preso delle manette, dei ceppi e una benda dalla tua scorta. Come ripensamento, ho afferrato un bavaglio. Mi sono intrufolato nella tua stanza. Eri...

597 I più visti

Likes 0

Oh ora me lo dice!!

Bene, questa è la mia prima storia ed è vera al 100%. Spero di fare del bene per la mia prima volta.. Quindi in passato andavo a casa di mio zio e aveva un figlio che aveva un anno più di me, (avevo circa 12 anni, forse) Era un ragazzo meraviglioso !! Capelli castani e bellissimi occhi azzurri, era circa 5'5 e aveva un bel corpo :). Si chiamava Ryan e io ero innamorato, non all'inizio, ma è cresciuto con me. Abbiamo passato così tanto tempo insieme e anche se ero giovane sapevo cosa volevo ed era LUI! All'inizio non pensavo...

534 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.