Effrazione in cabina

550Report
Effrazione in cabina

Spesso le persone avevano un'impressione sbagliata di Ted a causa della sua altezza. I suoi antenati provenivano dalla Norvegia ed era alto 6'-4 pollici ed era molto muscoloso grazie alle ore trascorse in palestra, quindi molte persone pensavano che non fosse così intelligente. Suo padre era in realtà un noto scienziato e brevettò diverse invenzioni che diedero vita a prodotti molto redditizi. Dopo la morte dei genitori, Ted ereditò la loro considerevole proprietà e, dopo aver conseguito diversi titoli di studio, ebbe la capacità di assecondare la sua passione, ovvero scrivere libri. Scrisse principalmente di argomenti tecnici e storici, ma scrisse anche alcuni romanzi rosa sotto pseudonimo. Nella vita reale, però, non è stato così fortunato in amore. Adesso aveva 38 anni e non aveva trovato la donna giusta. Voleva disperatamente sistemarsi e avere una famiglia.

La maggior parte delle donne erano troppo piccole per lui, poiché preferiva quelle più alte. Le donne minuscole erano spesso attratte da lui perché erano colpite dalla sua altezza e pensavano che fosse un tipo duro, il che non era affatto vero. A causa del suo intelletto, non era attratto dalle donne stravaganti, ma alcune donne che condividevano i suoi interessi intellettuali erano un po' noiose con cui parlare, dato che le chiacchiere tra un uomo e una donna sull'astrofisica e sulla teoria quantistica non sono così entusiasmanti. . Voleva avere una relazione appassionata con qualcuno, piena di fuoco e mistero.

Inoltre, non era il tipo di ragazzo che desiderava una donna molto più giovane, poiché voleva che avesse esperienze di vita simili a quelle che avrebbe avuto una persona sulla trentina. Non voleva dominare qualcuno, ma non voleva nemmeno essere dominato. Era anche preoccupato che qualcuno lo volesse per i suoi soldi, ma trovava anche che le donne molto ricche fossero spesso molto snob. Sapeva di chiedere molto in questi tempi, in cui impegnarsi significa accettare un secondo appuntamento.

Sebbene vivesse in città, aveva una baita in montagna dove trascorreva i fine settimana. Aveva due camere da letto, una che usava come biblioteca per scrivere libri. Aveva un ampio portico anteriore avvolgente ed era adagiato su un grande pezzo di proprietà isolato. Sebbene fosse molto intellettuale, gli piaceva anche lo sport, la caccia, la pesca e l'escursionismo nella sua proprietà di montagna, che confinava con la proprietà statale, fornendogli ulteriore privacy.

Anche Marigold era una donna fraintesa. Era molto alta, circa 5'-11", e magra, con capelli sottili e leggermente ricci color oro, che cadevano leggermente sotto le sue spalle. Quando era adolescente e ventenne, faceva la modella part-time, ma come Ted si era anche laureata nelle migliori università. Ma a causa del suo aspetto e del fatto che menzionava il suo passato lavoro di modella, le persone spesso la giudicavano erroneamente dicendo che non era intelligente.

Era una professionista molto apprezzata con una carriera di successo, ma aveva problemi a rimanere concentrata su una cosa per un periodo prolungato. Passava da una relazione all'altra, senza nemmeno sapere perché non si sentiva soddisfatta in nessuna di esse. Trovava che gli uomini fossero troppo passivi o troppo prepotenti.



Sebbene fosse molto amichevole e disponibile, gli uomini erano spesso troppo intimiditi dalla sua altezza e dal suo aspetto anche solo per chiederle di uscire. Anche se aveva quasi trent'anni, aveva ancora l'aspetto di una star del cinema, ma in realtà era molto semplice ed era imbarazzata se un uomo si concentrava troppo sul suo aspetto, e si insultava se tutto ciò che voleva era una relazione sessuale a breve termine. Molti dei suoi amici e familiari le hanno chiesto quali fossero i suoi programmi per il fine settimana o chi fosse il suo ultimo fidanzato e sono rimasti scioccati quando ha detto che era "assolutamente single". Quando intervistano le modelle spesso scopri che sono molto sole, perché gli uomini spesso pensano di avere già un fidanzato o che verranno rifiutati se gli chiedono di uscire.

Il suo problema più grande era che poteva essere spericolata, impulsiva e non comprendere i segnali sociali. Quando era piccola, è stata arrestata un paio di volte per taccheggio. Quando veniva scoperta diceva semplicemente che aveva i soldi a casa per comprare l'oggetto, ma non aveva i soldi con sé, quindi ha pensato che fosse giusto prendere l'oggetto perché con così tanto inventario del negozio, un oggetto non significava molto al negozio. È stata catturata per guida in stato di ebbrezza e ha detto all'ufficiale che era a soli due isolati da casa, quindi avrebbe dovuto seguirla fino a casa per assicurarsi che fosse al sicuro. Ovviamente la cosa non è andata bene. Era il tipo di ragazza che cancellava gli appuntamenti, dimenticava di presentarsi o lasciava te e usciva con il tuo migliore amico senza pensarci. Il tipo che non mangerebbe civettuolamente una patatina fritta dal piatto, ma all'improvviso decide che vuole il tuo piatto principale per la cena e dovresti scambiarlo con lei, anche se non ti piaceva il piatto che aveva originariamente ordinato.

Con il suo ultimo ragazzo, lei lo aveva chiaramente spinto troppo oltre. Decisero di prendersi il venerdì libero e di fare un'escursione in montagna la mattina presto. Le disse di portare vestiti caldi, dato che in montagna faceva freddo, e buone scarpe da trekking, ma lei non lo aveva ascoltato e indossava un vestito succinto e scarpe da ginnastica leggere. Raggiunsero separatamente l'inizio del sentiero remoto e quando scesero dalle macchine, lui le chiese cosa avesse portato loro come cibo e acqua, dato che veniva direttamente dal lavoro. Lei si era dimenticata di portare cibo e acqua e lui andò su tutte le furie, visto che lei era stata irresponsabile tante volte prima.

“Non posso più sopportarlo con te. Sei oltre il semplice essere smemorato. Sei irresponsabile e devo seguirti come un bambino per assicurarmi che non rompa nulla. Non posso credere che tu possa effettivamente mantenere un lavoro. Pensavo che avremmo potuto passare una bella giornata, ma come al solito me l'hai rovinata. Ho finito con te. Conosci la strada per tornare in città, quindi me ne vado adesso.

Lei gridò istericamente: "Mi dispiace, per favore non lasciarmi. Prometto che cambierò! Ma non servì a nulla. L'ultimo di una serie di fidanzati salì in macchina e se ne andò. Dopo che lui se ne fu andato, lei salì in macchina e girò la chiave di accensione, ma non accadde nulla. Si era dimenticata di fare benzina. A peggiorare le cose, si era anche dimenticata di procurarsi una nuova batteria, poiché quella vecchia si stava lentamente esaurendo. Ha tirato fuori il telefono e ha visto che si era dimenticata di collegarlo. In un impeto di rabbia, ha lanciato il telefono e ha colpito il parabrezza proprio nell'angolo giusto mandandolo in frantumi. Sapeva che poche persone usavano questo sentiero, quindi scese e iniziò a fare un'escursione attraverso i fitti boschi con le sue scarpe da ginnastica e il suo vestito estivo, sperando di trovare aiuto. Ben presto si perse, ma alla fine vide una capanna nel bosco più avanti e ebbe la speranza di essere salvata.

Venerdì pomeriggio Ted era entusiasta di andare nella sua baita e intraprendere il lungo viaggio attraverso le tortuose strade di montagna. Arrivò poco dopo il tramonto, ma qualcosa sembrava non andare. Vide una luce fioca accesa all'interno della cabina e la porta d'ingresso era leggermente socchiusa. Aveva paura che qualcuno fosse entrato e lo avesse derubato e che potessero essere ancora nella cabina.

Tirò fuori silenziosamente il fucile da caccia dal bagagliaio della macchina e strisciò lentamente verso la porta d'ingresso. Vide che qualcuno aveva rotto una finestra accanto alla porta ed era entrato ma aveva lasciato la porta aperta. Adesso era in modalità combattimento, aspettandosi di essere accolto da una banda di evasi dalla prigione. Quando entrò nella cabina, vide che la cucina, la sala da pranzo e il soggiorno erano un disastro. C'erano pentole sporche sul fornello e il cibo era stato preso dalla dispensa e gettato sul pavimento. Una sedia era stata accostata agli armadietti per essere utilizzata come sgabello e qualcuno ci aveva accidentalmente infilato il piede.

C'era il fuoco che ardeva nel camino e una bottiglia mezza vuota del suo costosissimo bourbon di dodici anni sul tavolo della sala da pranzo. C'erano impronte fangose ​​su tutto il pavimento, come se un branco di cervi avesse tenuto una danza di quadriglia nella stanza. Notò anche che la scatola d'acciaio in cui teneva i soldi extra era sul tavolo e mancava del denaro. Si avvicinò lentamente alla porta della camera da letto, anch'essa leggermente socchiusa. Stranamente, vide che il suo letto era stato spostato su un'altra parete della stanza e una delle gambe del letto era stata leggermente rotta dallo spostamento.

È rimasto scioccato nel vedere una donna sdraiata sul suo letto con la schiena rivolta verso di lui. Indossava pantaloncini bianchi, un top bianco leggero e scarpe da ginnastica bianche, tutti sporchi. Anche i suoi capelli leggermente ricci color oro erano sporchi. Notò quanto fosse alto e volgare il suo corpo. Era molto alta e molto magra. Marigold presto si girò e aprì gli occhi per vedere un uomo molto alto e arrabbiato che le puntava un fucile da caccia in faccia.

"Chi sei e cosa fai in questa cabina?" Calendula gridò.

“Ho la stessa domanda per te. Questa è la mia cabina e tu ci sei entrato." Ted la guardò e vide che aveva la sua stessa età. Il suo viso era stupendo ma non era il volto di una ragazzina. Ha mostrato il carattere e l'esperienza di una donna matura. Tuttavia, se fosse finita volontariamente nella sua capanna vestita in quel modo, non sarebbe stata molto intelligente nell'andare a fare un'escursione nei boschi come se stesse andando a una partita di tennis.

“Il mio ragazzo si è arrabbiato con me perché non mi vestivo bene per un'escursione e ho anche dimenticato l'acqua e il cibo. È partito con la sua macchina e ho scoperto che non avevo benzina e la batteria era scarica. Anche la batteria del mio telefono era scarica e mi sono arrabbiato, l'ho lanciato e l'ho rotto. Ho iniziato a camminare e mi sono perso e alla fine ho trovato la tua cabina.

"Quindi hai deciso che era giusto entrare nella mia cabina?" chiese Ted con uno sguardo irritato.

"O era così, altrimenti sarei morto quando di notte faceva freddo."

“Perché hai lasciato la porta aperta dopo aver fatto irruzione? Qualcuno di cattivo sarebbe potuto entrare qui al posto mio."

“Non stavo pensando. Ero solo stanca e affamata", rispose Marigold timidamente.

“Avresti potuto anche asciugarti i piedi per non sporcare di fango il mio pavimento. Come hai rotto la sedia?"

“Stavo cercando di scoprire in quale armadietto c'era del cibo e avevo bisogno di una sedia per raggiungere l'armadietto. Non mi ero reso conto di quanto fosse fragile la sedia.

Ted scosse la testa davanti a questa donna incapace. “C'era uno sgabello nell'armadio della dispensa. È lì che viene conservato tutto il cibo”.

"L'ho capito dopo aver già rotto la sedia", rispose Marigold a bassa voce.

“Perché hai lasciato tutte le pentole sporche sul fornello? Avresti potuto ripulirlo. Sembra che tu abbia preparato la farina d'avena. Quella roba si secca come il cemento se non lavi la pentola. Hai cibo dappertutto."

"Mi dispiace. Ero così concentrato sul mangiare ed ero stanco. Non pensavo che qualcuno sarebbe arrivato presto, quindi non ne ho fatto una priorità. Non ci avevo pensato."

Ted era sempre più frustrato nei suoi confronti. "Non sembra che tu pensi troppo a qualcosa o a distruggere le cose degli altri."

Ciò fece sentire Marigold in colpa con se stessa, dal momento che quest'uomo non la conosceva nemmeno e pensava che fosse solo una donna stupida e irresponsabile.

"Se volevi solo del cibo, perché hai bevuto il mio liquore e perché mi hai rubato dei soldi?"

“Ero così stressato per essermi perso che non pensavo che a qualcuno sarebbe dispiaciuto se avessi preso un po’ di liquore. C'erano diverse bottiglie nell'armadietto. Non stavo rubando i soldi. Lo stavo solo prendendo in prestito nel caso qualcuno fosse venuto a salvarmi, e dovevo pagarlo per aiutarmi.

"Perché hai spostato il mio letto e ti sei rotto una gamba?"

"Pensavo che stesse meglio su un muro diverso ed ero preoccupato che il sole mi entrasse negli occhi quando mi svegliavo la mattina."

Ted era ora sbalordito dal fatto che qualcuno potesse essere così egocentrico e incapace allo stesso tempo. Non sembrava stupida, ma era molto carina, e a volte le donne carine se la cavano senza dover pensare troppo. “Sei così irresponsabile nel tuo lavoro? Sempre che tu abbia un lavoro."

Marigold adesso si sentiva insultata. “Ho un ottimo lavoro professionale e sono molto attento al dettaglio nel mio lavoro. È solo che a volte ho problemi a gestire i dettagli fondamentali della vita di tutti i giorni. Non ho fortuna neanche con gli uomini. Non trovo mai qualcuno che si adatti a me e nessuno mi dà una possibilità quando sbaglio. In ogni caso, mi piace il mio lavoro più delle persone. Cosa fa per vivere? Sei un taglialegna o qualcosa del genere?"

Ted non le avrebbe detto cosa faceva per vivere, perché lei avrebbe potuto sapere chi era, e non era sicuro di cosa avrebbe fatto con lei. Ha risposto “Sono anche un professionista di successo. Pensi che io sia stupido perché sono un uomo alto e bello?" sorrise.

"Immagino che non si possa riconoscere un libro dalla copertina", sorrise.

«Lasciami accendere il riscaldamento a propano per la doccia, così puoi pulire. Sei un vero disastro. Non sono sicuro di cosa farò con te. Sei entrato nella mia cabina, l'hai vandalizzata e mi hai rubato liquori e soldi.

“Non è stato così. Semplicemente non stavo pensando alle conseguenze. Per favore, lasciami restare qui stanotte. Prometto che non farò altre cose stupide. Per favore, non farmi arrestare. Sono in libertà vigilata per guida in stato di ebbrezza e per alcune altre cose sconsiderate che ho fatto accidentalmente."

“Puoi restare per la notte, ma domattina deciderò come gestire questa situazione. Sono un buon amico dello sceriffo locale, quindi faresti meglio a non rompere o rubare nient'altro stasera. Ho ancora alcuni vestiti qui della mia ragazza con cui ho appena rotto. È un po' più bassa e più formosa di te, quindi tutto potrebbe essere un po' stretto. "Ecco un paio del suo pigiama di seta che puoi indossare dopo la doccia."

“Grazie mille e mi dispiace. I pigiami sono bellissimi." Marigold si fece una bella doccia calda ed era pentita di quello che aveva fatto e aveva un po' paura di Ted, ma era anche eccitata da lui. La maggior parte degli uomini erano più bassi di lei e lui era alto, e lei poteva dire che fosse molto intelligente, ma sembrava anche molto sicuro di sé ed energico quando aveva bisogno di esserlo.

Ted era perplesso da Marigold. Sembrava molto intelligente, ma semplicemente all'oscuro di come le sue azioni potessero ferire gli altri. Tuttavia non sembrava che ci fosse alcuna cattiveria nelle sue azioni. Aveva anche una certa intensità dentro di sé, un fuoco che poteva percepire bruciare sotto la superficie. Si sentiva incredibilmente attratto da lei e non sapeva cosa fare.

Quando Marigold emerse dal bagno. Rimase sbalordito senza parole. Era così bella nel pigiama di seta rossa, anche se le braccia e le gambe erano un po' corte e un po' strette, ovviamente senza biancheria intima sotto. Il suo cuore batteva forte e non era sicuro di cosa fare con quella donna spericolata, che era anche la donna più bella che avesse mai incontrato.

“Grazie mille per la doccia. Posso sdraiarmi di nuovo sul letto, per favore?"

“Sì, ma non spostare più il letto. La tua preoccupazione per il sole mattutino che ti entrava negli occhi ha rovinato il mio letto intagliato a mano. Anch'io farò una doccia prima di andare a letto.

Emerse dal bagno in pigiama, asciugandosi i folti capelli castani con un asciugamano. Marigold si sedette sul letto e rimase sbalordita da questo alto Adone con lineamenti cesellati e bicipiti e petto abbinati. Il suo cuore batteva forte e sperava che le sbarre della prigione non la separassero da lui.

Ted aveva preso la sua decisione. "Dato che sembri una persona gentile e piena di rimorsi, non ti farò arrestare, ma devi essere corretto in modo da smettere di essere così egocentrico e sciocco."

"Come avresti intenzione di farlo?" chiese con un'espressione stupida sul viso.

"Alzati e girati."

Si avvicinò al comodino e tirò fuori un paio di manette che lui e la sua ex ragazza usavano a vicenda durante i giochi sessuali. Le fece scattare le manette ai polsi dietro la schiena e la fece voltare per guardarlo. Era terrorizzata.

"Mettiti in ginocchio." Aveva bisogno di aiutarla a mettersi in ginocchio in modo che non cadesse.

“Oh, quindi abuserai sessualmente di me. Questo ti fa sentire un grand'uomo?" gli sputò addosso.

“Immagino che sia ancora tutto incentrato su di te. Sono sicuro che riesci sempre a dominare i tuoi ragazzi perché sembri una top model.

“Pensi davvero che io sia così carino? Facevo qualche modella, ma non mi occupo solo del mio aspetto. Anch’io sono intelligente, ma i ragazzi pensano che sia stupido perché faccio cose stupide”.

Ted si abbassò i pantaloni del pigiama e si fermò di fronte a lei. “Non ti sto giudicando. Devi solo capire che ci sono conseguenze per le cattive azioni. Ora apri la bocca e accetta la tua punizione, così non devo più sentirti spiegare”.

Alzò lo sguardo verso l'imponente massa di un uomo e poi verso il suo pene completamente gonfio e all'improvviso non le importava se lui la guardava solo come un oggetto sessuale. Voleva succhiarglielo velocemente per uscire da questa situazione ma aveva anche paura che anche lei potesse goderselo.

“Va bene, lo farò se prometti di non chiamare lo sceriffo, ma ti prometto che non otterrai alcuna soddisfazione dal fatto che mi diverta. Questo è sbagliato e dovresti vergognarti”.

Aprì timidamente la bocca e si sporse in avanti avvolgendo le labbra attorno al suo grosso cazzo mentre lentamente scompariva nella sua gola. Molte volte, il cazzo di un ragazzo sembrava piccolo nella sua bocca da quando era una ragazza grande, ma altre volte il ragazzo aveva un cazzo così grosso che l'avrebbe imbavagliata. Il cazzo di Ted era della dimensione perfetta per lei, e iniziò a dondolare lentamente e con entusiasmo la testa avanti e indietro sulla spessa asta. La sua testa era all'altezza perfetta del suo inguine, quindi non aveva bisogno di guardarlo, il che era un bene perché non voleva che lui pensasse che si stava divertendo.

Lui le mise dolcemente le mani su entrambi i lati della testa e le guidò la testa avanti e indietro sul suo cazzo, che era più duro di quanto non fosse mai stato in vita sua. A volte si sentiva aggressivo con una donna che non gli piaceva molto e voleva imbavagliarla con il suo cazzo, ma gli dispiaceva per quella donna. Era come un cucciolo che continuava a fare pipì sul pavimento. Come puoi arrabbiarti così tanto con lei solo perché a volte è colpevole di essere sciocca?

Inoltre, la sua bocca era della dimensione perfetta per il suo cazzo. Sembrava liscio e invitante come una vagina. Non voleva venire nella sua bocca, quindi l'aiutò ad alzarsi. Era così eccitata dal fatto che quest'uomo fosse energico senza essere violento, ma non voleva che lo sapesse. Sperava che non vedesse la macchia bagnata sul cavallo del pigiama. "La mia punizione è finita?" chiese, sperando che dicesse di no.

"NO." La spinse di nuovo sul letto con le manette dietro la schiena che le intrappolavano le braccia. Le sbottonò lentamente la maglietta del pigiama, esponendo i suoi seni piccoli ma sodi e le abbassò i pantaloni del pigiama fino alle caviglie.

«Quindi adesso hai intenzione di violentarmi, grand'uomo? Che codardo stai facendo questo mentre sono ammanettato.

"Sii felice di non indossare vere manette in una cella di prigione." La spinse indietro ancora di più finché le sue gambe non furono sopra le sue spalle, intrappolandole e lui entrò in lei con un movimento fluido. Non riusciva a credere quanto fosse bagnata e come il suo cazzo scivolasse facilmente dentro la sua figa così comodamente. Iniziò a spingersi dentro e fuori e si eccitò sempre di più. Lui allungò una mano e cominciò a tirarle e torcerle delicatamente i capezzoli. Abbassò lo sguardo e lei aveva gli occhi chiusi, ma poteva dire che era eccitata ma non voleva darlo a vedere.

Adorava la sensazione del suo cazzo nella figa, ma non voleva che lui sapesse quanto fosse bello. “Le manette mi fanno male. Puoi toglierli per favore? Prometto che sarò bravo. Non scapperò."

Ha smesso di spingere e ha detto: "non c'è nessun posto dove scappare, qui fuori, e non credo che tu voglia scappare comunque". Le tolse delicatamente le manette e le tolse i pantaloni e la parte superiore del pigiama. Lui entrò di nuovo in lei e questa volta si sentì ancora meglio di prima. Iniziò a soddisfare le sue spinte ma cercò di comportarsi come se non le piacesse, ma presto avvolse le sue lunghe gambe da ragno intorno alla sua vita e gli afferrò le natiche mentre lui la portava lentamente all'orgasmo. Lui l'ha colpita come un proiettile, ma lei ha cercato di nascondere l'orgasmo come si trattiene uno starnuto, così nessuno lo sente. Non lo stava prendendo in giro però.

Dopo essersi ripresi, si sdraiarono sul letto uno di fronte all'altro. Poi ha fatto qualcosa che non aveva mai fatto prima. Spostò la testa sulla sua figa, leccò fuori il suo sperma e lo tenne in bocca. Lui portò la bocca alla sua e la baciò, condividendo il suo sperma con lei ed entrambi lo ingoiarono.

Marigold era sotto shock. Questo sconosciuto l'aveva praticamente violentata per vendicarsi dell'irruzione e degli atti vandalici nella sua casa, ma in realtà le piaceva. Si rese conto che lui aveva infranto la sua ostinazione, poiché quello era il miglior sesso che avesse mai avuto. Non era sicura di cosa avrebbe portato il domani. Si addormentarono l'uno abbracciato all'altro, con la passione ancora covante in loro mentre dormivano.

Quando si svegliò, lui stava preparando la colazione e lei ebbe lo strano pensiero che questo ragazzo fosse uno stupratore e uno psicopatico molto premuroso.

"Quando pensi di potermi riportare indietro per cercare di ritrovare la mia macchina?"

“Non andremo da nessuna parte. Apprezzo il tempo trascorso qui, che hai interrotto così bruscamente. Dato che ho deciso di non farti arrestare e che non sembri una persona cattiva, ti lascerò restare il fine settimana e troveremo la tua macchina domenica sulla via del ritorno in città. Non voglio sprecare metà della giornata per portarti alla macchina e tornare qui."

“Allora, mi violenterai per tutto il fine settimana? È stato terribile quello che mi hai fatto ieri sera. Sperava che dicesse di sì.

“No, penso che tu abbia imparato la lezione. Penso che ti sia piaciuto tanto quanto me, ma adesso siamo pari. È stato il miglior sesso che abbia mai fatto con qualcuno, anche se è successo a causa di circostanze sfortunate. Saresti una grande cattura per chiunque se solo potessi metterti insieme.

"Pensi davvero che io sia bravo a letto?" rispose lei, con la testa rivolta al pavimento. "Cosa avevi intenzione di fare oggi?"

“Avevo intenzione di andare allo stagno attraverso i prati e fare un po' di pesca. Ho un palo in più che il mio defunto padre mi ha regalato per il mio compleanno. Devi stare attento però. Significa molto per me." Prepararono un pranzo al sacco e lei indossò un paio di jeans e un top della sua ex ragazza e si diresse verso lo stagno. Si divertivano a pescare e a parlare dei loro amici e della famiglia, ma lui ancora una volta evitava ogni discorso di lavoro, perché non voleva che lei sapesse chi era.

Mentre stavano parlando, la canna di Marigold si piegò e lui le disse di tirare su delicatamente il pesce ma di lasciarlo andare se la canna si piegava troppo in modo che non si rompesse. Ma presto un grosso pesce si attaccò all'amo, piegando bruscamente il palo e lei, impaziente, tirò forte il palo, perdendo l'equilibrio, e cadde in avanti nell'acqua e atterrò sul palo, spezzandolo a metà.

Ted si arrabbiò e si rattristò allo stesso tempo perché lei ruppe questo ricordo sentimentale. La prese per mano e la tirò fuori dall'acqua. La condusse fino al punto in cui si trovava il cestino da picnic, al confine del bosco. I suoi jeans e la sua maglietta erano fradici e lui poteva vedere i suoi capezzoli appuntiti attraverso il tessuto sottile.

"Togliti la maglietta e girati."

"Perché? Mi stai spaventando. Non volevo romperti la canna da pesca."

“Non hai mai intenzione di fare nessuna delle cose sconsiderate che fai. Ora togliti la maglietta, girati e mettiti contro quell'albero.

Lei si tirò lentamente il top sopra la testa e gli venne l'acquolina in bocca. Non aveva mai desiderato una donna tanto quanto desiderava questa quel fine settimana. Gli piaceva davvero come persona, ma aveva bisogno di un'altra lezione sulla responsabilità personale.

Prese un pezzo di corda dalla sua attrezzatura da pesca e lo legò a uno dei suoi polsi, poi lo avvolse attorno all'albero e lo legò all'altro polso. Le aprì la cerniera dei jeans e glieli abbassò fino alle ginocchia.

"Cosa fai?" chiese con preoccupazione nella sua voce.

"Cosa avrebbero dovuto farti i tuoi genitori quando crescevi quando facevi cose sconsiderate." Sentì un sibilo mentre lui la colpiva sul sedere con metà della canna da pesca rotta.

"Oow, che male" urlò. "Per favore, non picchiarmi di nuovo."

Lui non ascoltò e la colpì ancora e ancora con il palo, dipingendole il sedere con strisce rosse e viola, mentre lei piagnucolava e piangeva.

"Per favore. Mi dispiace di aver rotto la canna da pesca. Per favore fermati. C'è un altro modo in cui puoi punirmi?"

Posò la canna da pesca, andò al cestino da picnic e prese del burro, mentre lei aspettava nervosamente. Si avvicinò a lei e le strofinò lentamente il burro nel buco del culo.

“Per favore, non prendermi per il culo. Ti sto implorando. Non mi piace il sesso anale. Mi fa male. Il mio buco del culo è troppo piccolo.

"Bene, ho intenzione di allungarlo per te." Sentì il suono della sua cerniera e sentì le sue dita aprirle delicatamente la cavità anale. Lui la penetrò e lei pensò che avrebbe urlato, ma lui fece entrare velocemente il suo cazzo ed era una sensazione strana ma bella. Amava anche la sensazione della sua cavità stretta che gli mungeva il cazzo. Anche il suo culo si adattava perfettamente al suo pene e mentre lui la accarezzava dentro e fuori, il suo culo stretto lo mungeva finché le sue palle non ce la facevano più. Ancora una volta non voleva ammettergli quanto fosse bello e ebbe un orgasmo tremante ma silenzioso mentre il suo sperma le inondava le viscere. Dopo averla slegata dall'albero, disse con voce fredda: "ora tirati su i pantaloni e torniamo alla capanna".

Si sentiva in colpa per averle preso il culo contro la sua volontà, ma aveva bisogno di una lezione. Preparò la cena per entrambi e mangiarono tranquillamente. Lei gli chiese se poteva fare una doccia e lui accese un fuoco nel grande camino mentre lei faceva il bagno e si risciacquava il culo dal culo.



È uscita dal bagno completamente nuda. “Mi dispiace tanto per la tua canna da pesca. Non so perché sono così distratto. Mi è piaciuto il nostro discorso e mi piaci davvero. Non ho bisogno di essere costretto a fare quello che vuoi. Voglio donarmi completamente a te."

Si avvicinò al tappeto davanti al caminetto e si mise sulle mani e sulle ginocchia. "Per favore Prendimi. Voglio che tu mi voglia tanto quanto io voglio te."

Ted si tolse i vestiti, si mise dietro di lei e cominciò a leccarle la figa, per poi risalire fino a leccare il suo piccolo bocciolo di rosa. Strofinò la punta del suo cazzo contro la sua fessura e spinse delicatamente dentro. Sapeva che stava iniziando a innamorarsi di questa donna innocente ma ostinata. Lui allungò una mano sotto di lei e le massaggiò i piccoli seni mentre si dondolava avanti e indietro. La fece girare velocemente e la guardò negli occhi. “Voglio vedere la tua faccia quando sborri. Non nascondermi più il tuo piacere. Penso che tu sia una persona meravigliosa. So che non intendi fare del male." Si spinse dentro di lei e la baciò con una passione che non aveva mai provato con nessuno prima, mentre venivano entrambi.

Dopo essersi ripresi, fecero di nuovo l'amore e poi si addormentarono davanti al fuoco. Quando il sole sorse, si svegliò e gli sussurrò all'orecchio: "cosa hai programmato per me oggi?"

“Beh, il mio piano era di andare a caccia di cervi. Dobbiamo fare una colazione veloce e andare avanti”.

“A caccia di cervi? Non sembra molto romantico. Ma sono stato io a intromettermi nel tuo fine settimana, quindi è giusto che io faccia quello che vuoi fare tu. Che vestito dovrei indossare?"

Le porse dei pantaloni mimetici e una giacca, mentre lei lo guardava in modo strano. Sperava che se non avesse commesso un errore oggi, lui le avrebbe dato ancora un po' di amore stasera prima di tornare in città lunedì mattina presto.

Andarono nel bosco e lui le diede un fucile per mostrarle come si caccia. Ascoltò attentamente, ma aveva paura che le affidassero un'arma carica. Si accucciarono dietro un grosso tronco d'albero caduto. Aveva qualche tiro da fare a un paio di cervi, ma erano un po' troppo lontani. Le ha detto di non fare alcun tiro poiché era inesperta. Ma si eccitò quando vide un cervo passare molto vicino e prima che lui potesse fermarla, alzò il fucile e sparò, ma quello restituì un calcio e il colpo gli sfiorò la manica della giacca, facendo un buco nella sua giacca preferita e quasi facendogli un buco nel braccio.

"Sei una donna stupida!" urlò. Avresti potuto uccidermi e suicidarti. Non c’è mai fine alla tua follia?”

“Mi dispiace, per favore non picchiarmi e non fottermi di nuovo il culo. Cerco di non essere così impulsivo. Non posso farci niente. Ti prego, perdonami."

Ted non sentiva più scuse. "Adesso abbassati i pantaloni e appoggiati subito su questo tronco."

Con riluttanza aprì la cerniera dei pantaloni mimetici e se li abbassò fino alle caviglie. Si sporse sul grande tronco dell'albero caduto e aspettò qualunque cosa lui stesse per fare. Era spaventata, non bagnata tra le gambe come durante le punizioni passate.

Sentì il rumore della sua cerniera e lo sentì sputarsi sulla mano. Si strofinò lo sputo sul cazzo e disse: "Questo mi farà male doverlo fare più di quanto farà male a te". Lui la colpì da dietro con un colpo solo, trafiggendole la figa con il suo cazzo come un attizzatoio caldo.

Ha gridato: "fa male, fa male, per favore toglilo".

Lui però non l'avrebbe fatto e ha continuato a odiare scoparle la figa perché diventava rossa e dolorante. Alla fine si riversò dentro di lei in modo professionale mentre lei singhiozzava.

"Ora tirati su i pantaloni e andiamo a casa."

Tornò alla capanna con lui, pensando che ora la odiava per sempre. Sentiva che non avrebbe mai potuto insegnarle come non essere un incasinato. Quando arrivarono alla capanna, provò di nuovo un po' di rimorso. Potrebbe essere così intelligente e matura per poi comportarsi all'improvviso come una bambina spericolata. Cenarono e lei si scusò di nuovo e si mise il pigiama.

Sono andati in veranda. Si era messo dei blue jeans e una camicia di flanella e lei non riusciva a credere quanto fosse bello e quanto si stesse innamorando di lui, anche con le punizioni, e quanto odiasse fare sempre errori.

Si sedettero sulle sedie a dondolo abbinate che lui stesso aveva realizzato e lei si divertì a dondolarsi avanti e indietro. Si è innervosito però. "Per favore, non spingerti troppo indietro, potresti rompere la sedia." Lei però non ascoltò e si dondolò sempre più velocemente finché la sedia non colpì il muro della casa e una delle gambe del dondolo si spezzò.

«Donna ridicola. Non so in quale altro modo farti stare più attento.

Lei lo guardò male, perse il controllo e urlò: “Ho sparato con il fucile apposta per farti arrabbiare, perché mi piace quando mi costringi a fare sesso. Mi fa sentire che sei attratto da me. Ho rotto apposta anche la tua sedia a dondolo.

“Sei una donna pazza. Non sai quanto vorrei stare con te dopo questo fine settimana? C'è così tanto di buono in te. Posso perdonarti per essere stato un po' irresponsabile a volte. Sei veramente un intellettuale che a volte non ha buon senso. Ma mi sto innamorando di te. Non è necessario che ti comporti male perché io voglia che faccia sesso con te.

Gli sorrise dolcemente. "Quindi non mi punirai?"

“Non ho detto questo. Hai rovinato la mia possibilità di guadagnare un dollaro più grande di quanto avessi mai ottenuto prima. Mi hai quasi ucciso giocando al tuo gioco per provocarmi e dominarti. Hai rotto una delle sedie a dondolo.

La afferrò per il braccio e la condusse verso il fienile vicino alla casa. "Ehi, dove mi porti?"

"Ti porto nella stalla dove appendo e vesto i cervi a cui vado a caccia."

“Sei un serial killer? È qui che mi troveranno sventrato e attaccato a un gancio da macellaio?» lo supplicò con uno sguardo terrorizzato.

“No, non sono un serial killer. Solo un uomo con la ragazza dei suoi sogni, che cerca di insegnarle a non essere un incubo.

Mentre entravano nella stalla, vide il gancio da carne appeso alle travi e temette che quella fosse la fine per lei.

"Per favore, non farlo."

"Togliti il ​​pigiama."

Si tolse lentamente il pigiama ma lo supplicò: "Lasciami andare e non dirò mai a nessuno quello che mi hai fatto questo fine settimana".

“Cosa ti ho fatto? È più simile a quello che mi hai fatto tu.

Prese la corda, le legò il polso e la appese al gancio da macellaio. Sollevò le braccia lentamente con una catena e una puleggia fino a quando le dita dei piedi non toccavano a malapena il terreno e le sue braccia iniziarono a soffrire.

"Mi ucciderai adesso?"

"Se intendi ucciderti con piacere, sì."

Cominciò a succhiarle i capezzoli, alternandosi tra i due e poi si baciò lungo la pancia piatta sulla sua figa calva e la leccò lentamente. Ha iniziato a gemere di piacere e non gli importava se lo avesse notato.

“Per favore, per favore, deludermi. Non riesco più a sentire le braccia. "

Si tolse i vestiti e si fermò di fronte a lei. Le prese le gambe per avvolgerle intorno alla vita e le spinse forte mentre urlava in estasi. Era l'altezza perfetta per lei per rimbalzare su e giù sul suo cazzo mentre la impalava, e lei si aggrappava a lui per la cara vita.

“Non ti lascerò venire fino a quando non mi fai delle promesse. Smetterai di rompere la mia merda? "

"Sì, per favore lasciami venire."

"Smetterai di essere egocentrico?"

"Sì, per favore lasciami venire."

"Smetterai di essere impulsivo e sconsiderato?"

"Sì, per favore lasciami venire."

“Rimarrai con me dopo questo fine settimana per sempre?

"Sì, sì, sì", gridò mentre arrivava con convulsioni, con le gambe lunghe avvolte intorno alla sua vita, mentre svuotava il suo seme in profondità nel suo grembo.

"Beh, ora che abbiamo ottenuto così, andiamo a bere qualcosa per il fuoco. Ritorniamo in città la mattina.

Si rannicchiarono sul divano accanto al camino, bevendo il suo miglior bourbon, che non aveva bisogno di rubare questa volta e fissarono amorevolmente gli occhi reciproci.

La guardò furtivamente e disse: "Non volevo che tu sapessi il mio nome e quello che ho fatto per lavoro, dal momento che ti ho rapito e ti ho violentato tutto il fine settimana".

"Beh, non volevo dirti il ​​mio nome o dove ho lavorato, dal momento che avevo commesso diversi reati contro di te e ho pensato che potresti voler dimenticare di me in qualche modo dopo tutte le cose cattive che ti ho fatto."

"Non potrei mai dimenticare qualcuno come te", disse leggermente sarcasticamente. Sei così intelligente, bello e dolce. "

Lei arrossì. "Veramente?"

"Sì, ma hai delle cattive abitudini su cui dobbiamo lavorare."

"Lo so."

"A proposito, cosa fai per vivere?"

"Sono un editore di libri."

La guardò scioccato. "Veramente? Sono un autore. Scrivo molti libri tecnici e storici, ma occasionalmente romanzi romantici. "

"Che coincidenza. Quali sono i titoli di alcuni romanzi romantici? "

"Ne ho appena pubblicati uno chiamato una partita perfetta."

Lo guardò scioccato. "Stai scherzando? Sono stato l'editore di quel romanzo. Non mi avrebbero permesso di parlare con l'autore perché stava usando un nome di penna, quindi il pubblico non si confonde con il suo lavoro più serio. Pensavo che Rod Steele suonasse un po 'inventato e banale per un nome dell'autore. Il romanzo era molto buono però. Il personaggio aveva molta passione. "

“Questa era la passione in me che esisteva solo nei miei romanzi di finzione prima di incontrarti. "Beh, ora che possiamo farci sapere chi siamo veramente, come ti chiami?" chiese Steve.

"Lock di Marigold."

"Questo è un nome molto insolito."

"Era una specie di scherzo tra i miei genitori perché quando hanno visto lo sguardo nei miei occhi quando sono nato, hanno pensato che potessi crescere per essere una ragazza birichina."

"Perché quel nome dovrebbe essere uno scherzo interno?"

Marigold lo guardò con esitazione e rispose: "Perché quando sarei stato cattivo, avrebbero usato un soprannome per me sul mio colore biondo chiaro."

"Qual era il soprannome?"

"Goldie Locks."

“I tuoi genitori hanno un senso dell'umorismo deformato, ma grande intuizione. Ti piace certamente rompere le cose delle persone e non mostri molto controllo degli impulsi ". Lo guardò timidamente. Ora sapeva perché si comporta come fa qualche volta e non era più arrabbiata. È appena nata in questo modo.

"Come ti chiami?" Chiese Marigold.

"Beh, i miei genitori potevano dire dalla mia altezza e peso quando sono nato che sarei stato un alto uomo norvegese."

“Mi hanno anche chiamato in modo che potessero avere uno scherzo interno tra loro ogni volta che mi sarei arrabbiato, il che era abbastanza spesso. Il mio nome è Ted Bear. "

"Fammi indovinare, il tuo soprannome è Teddy Bear?"

"L'hai capito", rispose con una risata forte.

"Teddy, da questo punto in poi non sarò mai un Goldie Locks, quindi non ti trasformerò in un orsacchiotto arrabbiato."

"Puoi garantirlo?"

"NO."

"Beh, sai se tiri il comportamento di Goldie Locks su di me sarai molto punito."

"Hai promesso?" gli fece l'occhiolino.

"Marigold, non ho mai trovato nessuno con cui mi adatto così bene prima."

“Tutto su di te mi si adatta anche perfettamente. Le tue sedie, il tuo letto e il tuo cazzo nella mia fica e nel mio culo. "

"Sembra che ti sia piaciuto anche il porridge che hai cucinato sulla mia stufa, dalla quantità che sembra che tu abbia mangiato."

“Sì, era la giusta temperatura. Non troppo caldo o freddo, e il tuo sperma ha un sapore giusto anche per me. Non troppo salato o acquoso, carino, appiccicoso e dolce.

Sapeva di aver trovato la ragazza dei suoi sogni e non vedeva l'ora di passare il resto della sua vita con lei. Forse non sarebbe una chiusura Goldie dopo tutto.

“Teddy, ho una confessione da fare. In realtà ho fatto un'altra stupida cosa Goldie Locks questa settimana. "

Guardò Marigold incredulo e nervoso e rispose: "Come avresti potuto fare altre cose stupide delle cose che hai già fatto che io conoscessi?"

Lo guardò con una faccia da bambina spaventata e disse: "Ho dimenticato di prendere le mie pillole per il controllo delle nascite questa settimana e sono molto fertile questa settimana". Aveva paura che fosse arrabbiato e si sarebbe fatta arrossire il culo da una canna da pesca rotta per il resto della notte.

"Questa è una grande notizia Goldie, non vedo l'ora di avere un bambino con te!"

"Allora, non sei arrabbiato?"

"Ovviamente no. Ma ci sono due condizioni su di me non essere arrabbiato con te. "

"Che cos'è?"

"Stai cambiando il tuo nome in Macigold Bear, quindi nessuno capisce il soprannome di Goldie Locks."

"Qual è l'altra condizione?"

"Se abbiamo un figlio, non lo stiamo nominando baby orso", sorrise.

Quindi, Ted e Marigold Bear vivevano felici e contenti con il loro figlio, Ted Bear Jr., che alla fine fu raggiunta da sua sorella, Mary Bear. Hanno ampliato la cabina e hanno trascorso i fine settimana lì, continuando a vivere in città durante la settimana. Hanno lavorato insieme su romanzi romantici, con lui come autore e lei come editore, ma i romanzi sono diventati molto più espliciti di prima che Ted avessero incontrato Marigold.

Occasionalmente Marigold si vedeva quel malizioso Goldie Locks sul viso, si alzava su una sedia e rompeva il piede proprio attraverso il sedile della sedia. Poi salterebbe dalla sedia rotta, guardava Teddy con un sorriso furbo e lo prendeva in giro con le parole: "Allora cosa mi farai per aver rotto la sedia Teddy Bear?"

Nella storia dei bambini, Goldie Locks saltò fuori dalla finestra della cabina e corse via nei boschi, per non essere mai più visto. In questa storia, quando Marigold si arrabbiava Teddy, si imbatteva nella camera da letto, abbassava il fondo del pigiama e si sdraiava sul letto, aspettando con ansia la punizione di Teddy Bear per essere cattiva. Teddy non l'avrebbe mai lasciata sfuggire al suo amore e alla sua disciplina, e sicuramente non voleva.

Fine.

Storie simili

Storia sexy di partner intimi-01

Questa è una storia del primo sesso con Roji, il suo primo partner intimo. Questa è la storia del mio amico Deepak Kumar. Deepak Kumar è un personaggio importante nella mia storia. Presenta una bella storia della sua vita sessuale in questa storia. La Storia come descritta dal mio carissimo amico Deepak Amici Sono Deepak, sono stato bravo negli studi fino all'età di diciotto anni. Ero uno studente brillante. Fino a quel momento non avevo amici speciali e mi occupavo solo di studio senza altre attività. Sono l'unico figlio dei miei genitori. I miei custodi erano anche servitori maschi. Sebbene mio...

2.2K I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

2.1K I più visti

Likes 0

La mia prima volta con April

Ho conosciuto April quando avevo 16 anni. Eravamo insieme nella banda musicale del nostro liceo, aveva la mia stessa età, ma aveva già delle tette enormi. Giuro che dovevano essere almeno DD. Mi bastava solo pensare a loro per potermi masturbare, cosa che a quell'età facevo molto. Eravamo buoni amici, ma non sono mai riuscito a trovare il coraggio di chiederle di uscire. Se avessi le palle lo avrei fatto, non solo perché aveva il miglior portapacchi che abbia mai visto, e non perché il suo culo fosse altrettanto buono, ma davvero perché era l'unica ragazza che abbia mai incontrato che...

2.1K I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

2K I più visti

Likes 0

Il Club dei Pensionati (12)

Andie si alzò e ci abbracciammo l'un l'altro. «Andiamo a letto», sussurrai. La sua risposta fu un gemito sommesso ed entrambi ci voltammo per andarcene, con lei che afferrava la sua borsa. Quando siamo arrivati, le ho chiesto: Mi piacerebbe farti piacere, mia cara. L'ho spinta delicatamente di nuovo sul letto, poi ho iniziato a far scorrere le mani su e giù per le sue gambe. Prendendo la fibbia e la cerniera dei pantaloni, ho aperto loro e ha raggiunto per la vita dei suoi pantaloni. Non sapevo cosa aspettarmi, dal momento che ha detto che non aveva avuto nessun cambiamento...

2K I più visti

Likes 0

Guerra a Geminar parte 3

Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per far uscire questa parte della storia. Il mio laptop si è bloccato e ho dovuto farlo riparare. Spero che questo sia valsa la pena aspettare. Ho cercato di farlo uscire il prima possibile, quindi potrei aver perso alcuni errori, quindi mi scuso in anticipo. Mi sono svegliato con la testa che mi girava e mi risuonava nelle orecchie. Ho avuto la sensazione che qualcuno mi stesse osservando e poi è tornato di corsa verso di me come un'onda anomala. Sono stato attaccato dalla ragazza dai capelli rossi con il vestito di...

2K I più visti

Likes 0

La prima gangbang di mia moglie!

Per cominciare ti dirò che siamo una coppia sposata da 20 anni e viviamo questo stile di vita da 19 anni. Mi piace guardare mia moglie Roxanne stare con e scopare altri uomini mentre guardo o da sola e lei può raccontarmelo quando torna a casa. Questa notte Roxanne stava uscendo da sola con l'idea di trovare uno strano cazzo, e l'ha fatto! Si è vestita tutta con décolleté nere da 5 pollici con tacco alto, calze cubane alte nere e abbronzate e con la linea che corre lungo la schiena, un reggicalze di pizzo nero, mutandine perizoma in pizzo nero...

2.2K I più visti

Likes 0

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

1.9K I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

2K I più visti

Likes 0

Piccola cosa rotta

Piccola cosa rotta DarksX per sexstories.com Potrei chiedere alla mamma di lasciarmi venire a vivere con te dopo che si sono sposati, sai, ha detto Ava sedendosi di traverso sul divano enorme che avevo davanti alla TV. La giovane ragazza si è svegliata tardi, ha mangiato una ciotola di cereali per colazione, poi è venuta in soggiorno a farmi compagnia mentre controllava i compiti del fine settimana sul tablet. Mi sono seduto sulla comoda poltrona reclinabile sul lato destro della grande sala TV, perpendicolare a dove sedeva lei, e ho guardato una gara di Formula 1. La mia settimana era stata...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.