Il Devastatore - Parte 1

530Report
Il Devastatore - Parte 1

Il romanzo non stava catturando la sua attenzione quanto aveva sperato. Distratta, sfogliò le pagine. Gayle Thomas controllò l'ora sull'orologio, un piccolo regalo d'oro costoso di suo marito. Uno dei suoi tanti gesti per lenire il dolore delle sue lunghe assenze per lavoro. Ancora una volta, Jeremy aveva lasciato lei e la loro figlia Amy sole per molto tempo. L'orologio segnava le 11:43. Amy era ancora fuori. Film con alcuni dei suoi amici, le aveva detto. Avrebbe voluto non preoccuparsi così tanto. Amy era un bravo ragazzo e aveva già diciotto anni. Che cosa poteva mai combinare di cui lei avrebbe dovuto occuparsi?

Il suo sguardo guardò il camino. Al di sopra, la fila di cornici abitate da istantanee scattate negli ultimi diciotto e più anni si ergeva come una fila di sentinelle d'argento. Dove sono finiti quei tempi? si chiese. Suo marito a casa meno frequentemente. E Amy, sua figlia, ora sul punto di iniziare una vita tutta sua. Questi momenti di solitudine sarebbero diventati la norma?

Si alzò, mettendo via il suo romanzo. Potrebbe anche andare a letto considerando il tempo. Amy sarebbe stata sicuramente tranquilla se fosse arrivata tardi, se non avesse deciso di passare la notte con le sue amiche. Si diresse al bagno al piano di sopra e, una volta dentro, iniziò a cambiarsi la camicia da notte. Si lasciò cadere la gonna e si tolse la camicetta, poi si infilò la camicia da notte di raso blu. Ha applicato le creme per il viso e si è spazzolata i capelli, poi ha allungato la mano nel cassetto per prendere le pillole contraccettive.

Tranne che non ha trovato nulla. Dove di solito c'era la scatola, ora era occupata da rossetto e un rotolo di tamponi di cotone.

"L'inferno?" disse ad alta voce, guardandosi intorno nel cassetto.

Niente. Li aveva smarriti? Era diverso da lei, ma non completamente fuori dal regno delle possibilità. Aveva 42 anni, prendeva ancora la pillola ogni sera e non aveva rapporti sessuali regolari con suo marito. Si sarebbe guardata intorno, ma una notte senza non l'avrebbe messa incinta.

Gayle si diresse nel corridoio. Pensò se avrebbe potuto lasciare il suo zaino in camera da letto. Poi si chiese se Jeremy potesse averli portati in viaggio, scambiandoli per una scatola di Advil. Uomo sciocco, pensò. Con un'alzata di spalle, si diresse verso la sua camera da letto.

Poi ha sentito un rumore.

Gayle si voltò. Istintivamente, parlò.

"Ciao?"

Nessuna risposta, cosa che all'inizio l'ha sollevata. Poi ha cambiato posizione, rendendosi conto che se fosse stata Amy l'avrebbe chiamata. C'era qualcun altro in casa sua?

Delicatamente, Gayle afferrò un maglione e sgattaiolò al piano di sotto, sbirciando dietro l'angolo alla porta d'ingresso. Ancora chiuso e bloccato. Nessun segno di altre effrazioni. Sospirò di sollievo. Sono stupida, pensò. Tutto agitato per niente. Si voltò per risalire le scale.

Poi un braccio venne da dietro di lei e le andò intorno al collo.

#

Con uno scatto di forza feroce, Gayle fu trascinato a terra. Disorientata, cercò di rialzarsi, ma senza successo. Una mano forte le afferrò il polso e lo attorcigliò dietro la schiena, mentre l'altra la afferrò per i suoi corti capelli neri, tirandoli abbastanza forte da spararle un dolore lancinante sul cuoio capelluto.

"Aaah!" strillò. "Co-chi sono--?"

"Chiudi quella cazzo di bocca, cagna!" ringhiò l'uomo con una voce profonda e roca.

"Per favore, non farmi del male!" guaì Gayle. “Per favore, io... non ho soldi,” ansimò.

L'uomo rise. "Uno: è una bugia", ha detto. "E due: non sono qui per soldi."

Gayle si chiese per un breve momento cosa volesse dire con questo. Ha avuto la sua risposta quando l'uomo le ha lasciato andare i capelli, solo per mettere la sua mano ora non occupata sul suo seno destro e stringergliela rudemente.

"Cosa no!" strillò.

L'uomo rise di nuovo. Il suo fervore di molestare il suo seno non fece che aumentare, muovendo bruscamente la mano mentre cercava il suo capezzolo. Non trovandolo attraverso il tessuto del suo maglione, iniziò rudemente a strapparglielo dal corpo. Nella lotta, Gayle è riuscita a liberarsi dalla sua presa e ha cercato di fuggire, strisciando sulle mani e sulle ginocchia. Era troppo lenta, poiché l'intruso l'ha afferrata per le caviglie e l'ha tirata indietro a sé.

“Ah! No per favore! Fermare! Smettila,” guaì, mentre l'uomo la faceva rotolare sulla schiena. “Per favore, mio ​​figlio potrebbe tornare a casa da un momento all'altro. Sarai... sarai nei guai così tanti. Per favore, vattene e non lo dirò a nessuno..."

"Dì a qualcuno cosa?" ringhiò l'uomo. Fu in quel momento che Gayle si accorse che il suo viso era coperto da un passamontagna nero. In effetti, tutto su di lui era nero. Gayle ha cercato di cercare qualsiasi cosa potesse far notare alla polizia, senza trovare nulla. Poi si è bloccata, rendendosi conto che non aveva alcuna garanzia che quest'uomo l'avrebbe lasciata vivere per parlare con la polizia. Cominciò a singhiozzare, le lacrime le offuscavano la vista.

“La smetterei se fossi in te. Non ha senso. Nessuno viene ad aiutarti. Gioca insieme e tutto questo finirà presto. Non ti farò del male a meno che tu non mi crei.

E con questo, le afferrò la camicia da notte per la scollatura. Con un rapido movimento, le strappò il tessuto dal corpo, esponendo i suoi grandi seni di 34 F per farlo vedere. Gayle guaì, scuotendo la testa per dire di no. L'intruso ignorò le sue grida, mentre prendeva le sue mutandine e strappava anche quelle dal suo corpo. Gayle giaceva lì sul freddo pavimento piastrellato, ansimando e borbottando per la paura, mentre l'intruso incombeva su di lei con la lussuria negli occhi.

“Per favore... sono sposato. Non farmi questo,” gridò Gayle, senza fiato.

Quindi, l'intruso le posò la mano sul viso. Gentilmente, le accarezzò la guancia, quasi accarezzandola come si fa a calmare un cane spaventato. Gayle si fermò singhiozzando e respirando in modo irregolare, ma dopo pochi minuti dal suo improvviso comportamento gentile iniziò a calmarsi.

“Che ne dici di questo,” disse, alzando il dito indice. “Offerta una tantum. Mi succhierai il cazzo e, se fai un buon lavoro, me ne vado. Che ne dici?"

Gli occhi di Gayle si spalancarono, scioccati dall'idea. Non era abituata alla fellatio. Persino suo marito si umiliava solo di tanto in tanto. Per farlo a un perfetto sconosciuto? Ma lei sarebbe al sicuro.

"Ultima possibilità. Andando una volta...» disse.

"IO..."

“Due volte,” disse, aggrappandosi all'erezione che era rimasta nascosta nei suoi pantaloni.

"TUTTO OK!" sbottò Gayle.

L'intruso ridacchiò, sedendosi sulle ginocchia mentre teneva Gayle tra le gambe. Cominciò a sbottonarsi i pantaloni, mentre Gayle cercava di sollevarsi da terra. Si era aspettata di dover essere in ginocchio mentre lui si alzava per ricevere il suo pompino. Ha avuto un sussulto quando l'uomo l'ha spinta indietro.

"Nu-uh", ha detto. "Resta lì."

Era confusa ma fece come le era stato detto. Sperava solo di farla finita, qualunque cosa questo mostro avesse pianificato per lei. Si alza, appoggiando la parte inferiore delle gambe sulle sue spalle. Ha distribuito il suo peso in modo da non schiacciarla, assicurandosi comunque che fosse bloccata sul pavimento. Poi, ha rivelato il suo cazzo con l'orrore di Gayle... e il curioso stupore.

Il suo cazzo doveva essere di circa sette-otto pollici a prima vista. La testa luccicava di pre-sborra, che poi decise di strofinare sul viso di Gayle. Sussultò, respingendo la sua repulsione per la violazione. Eppure il suo cazzo l'ha attirata. Era duro come un ariete, e il suo odore distinto cominciò a suscitare in lei un po' di desiderio. Ha cercato di combattere il desiderio per lui, fingendo il suo disgusto per il suo cazzo. Con la faccia socchiusa, inclinò la testa verso il suo cazzo.

"Eccoci qui. Ora, apri», sibilò l'uomo.

Gayle iniziò ad arricciare le labbra, tremando mentre apriva lentamente la bocca. Immediatamente premette la testa del suo cazzo sulle sue labbra. Sentì il sapore della sua melma pre-sborra nella sua bocca e sulla sua lingua. Amaro, trasalì al gusto. Le posò una mano sulla testa e si premette ancora di più contro il suo viso. Gayle resistette più che poteva, cercando di allungare il tempo e prolungare il suo ingresso nella sua bocca il più a lungo possibile.

L'intruso si impadronì e con la mano le prese l'orecchio e glielo torse. Il dolore fece sussultare Gayle, concedendogli la sua finestra di opportunità.

Con grande forza e senza curarsi delle sue condizioni, ha speronato il suo cazzo in profondità nella bocca di Gayle, facendolo scivolare sulla sua lingua e avvicinandosi al suo esofago.

Gli occhi di Gayle si spalancarono per lo shock. Per un momento, si sentì come se non potesse respirare. Istintivamente, si imbavagliava, mentre le sue mani si agitavano invano, con le braccia ancora bloccate sotto le sue gambe.

Teneva il suo cazzo a posto, rimanendo perfettamente immobile mentre Gayle piagnucolava e si imbavagliava sul suo grosso cazzo. Poi, lentamente, si ritirò dalla sua gola e dalla sua bocca.

Gayle sussultò, tossendo grossi grumi di catarro. Si sentiva disgustosa e voleva liberarsi e fare qualsiasi cosa per lavarsi il sapore della bocca.

Ma non è stato concesso nessun quarto, poiché l'intruso ha fatto scivolare il suo cazzo di nuovo nella sua bocca. In effetti, iniziò a sporgersi in avanti per avere un'angolazione migliore, fottendo letteralmente la bocca della povera donna sotto il suo controllo.

“Ah, succhiacazzi. Fottuto succhiacazzi incredibile,” grugnì mentre le faceva scivolare il cazzo in gola, il suo ritmo aumentava.

Gayle chiuse gli occhi, cercando di liberare la mente dalla violazione della sua bocca. Cercò di immaginare suo marito e, quando questo non riuscì a distrarla, pensò alla sua famiglia. Ma qualunque immagine cercasse di inventare, niente poteva distogliere l'attenzione dal cazzo che le stava fottendo la bocca. Quando si aggrappò alla sua faccia mentre si spingeva con maggiore ruvidità, si sentì come se la stesse letteralmente fottendo in faccia.

E sì, nonostante la vergogna e il disgusto, si sentiva bagnarsi di secondo in secondo. L'eccitazione, provocata dalla perdita di controllo e dall'audacia dell'atto, fece praticamente scintillare le sue regioni inferiori. Una parte di lei desiderava potersi toccare, ma era fuori questione. Per un breve momento, si chiese come si sarebbe sentito questo cazzo se lo avesse inserito nella sua figa. Pensiero vergognoso e sporco che cercava di togliersi dalla testa. Oh, sperava che finisse presto, così se ne sarebbe andato e avrebbe potuto allontanare questo nuovo desiderio dalla sua mente.

Il suo ritmo è aumentato. I suoi grugniti sono diventati più pesanti mentre raggiungeva un climax violento. Gayle si sentì rabbrividire per l'anticipazione, muovendo con lussuria la testa insieme al suo cazzo.

“Aah, cazzo!!!” grugnì l'uomo, lasciandosi andare per un'ultima spinta nella gola di Gayle, poi scatenando il suo carico.

Grosse gocce della sua sborra hanno sparato a Gayle, che è stata costretta a ingoiare dall'agitazione del suo riflesso del vomito. Una lacrima solitaria le scese lungo la guancia, mentre l'uomo ritirava il suo cazzo oltre le sue labbra. Il sapore era disgustoso, mentre l'odore del sesso indugiava sotto il naso di Gayle. Singhiozzò silenziosamente, senza fiato e con gli occhi chiusi. Era finito.

L'uomo si sdraiò accanto a lei per un po', rimuovendo la presa su di lei. Anche Gayle non si mosse mentre lottava per recuperare la sua compostezza. Passarono quindici minuti buoni prima che l'uomo si girasse, avvicinando il viso mascherato al suo.

«Ehi», sussurrò. "Indovina un po?"

D'istinto, rispose Gayle. "Che cosa?"

“Ho mentito,” disse, ridacchiando cupamente.

"C-cosa--?" borbottò Gayle, a malapena in grado di reagire prima che l'intruso balzasse in piedi, la issò tra le sue braccia e le sue spalle, mentre si dirigeva verso le scale.

Gayle strillò, colpendogli la schiena con i pugni. La vergogna di essere portata come un pezzo di carne, nuda come il giorno in cui è nata, era quasi troppa. Smise di provare a buttarsi dalle sue spalle quando lui riuscì a salire a metà, temendo di cadere dai gradini e romperle il collo. Lo malediceva ancora e supplicava di essere lasciata andare. L'uomo ha ignorato le sue suppliche. Invece, ha fatto l'inventario del piano superiore. La seconda stanza che controllò sembrava soddisfare le sue esigenze, e irruppe e gettò Gayle sul letto che c'era. Lo riconobbe immediatamente come il letto di sua figlia Amy.

“No, non qui! Per favore--!" ha implorato.

Ancora una volta, il suo devastatore non ha mostrato pietà. Si tolse i pantaloni e riuscì a togliersi la maglietta senza spostare il passamontagna, lasciando il suo corpo tonico nudo come il suo. Per un momento, Gayle si è sentito ipnotizzato dalla sua giovinezza e dalla sua corporatura, per non parlare del suo cazzo eretto. Ma ogni piacere colpevole che aveva ottenuto dalla vista svanì rapidamente mentre lui, senza un momento di esitazione, si avvicinava, le prese le caviglie nelle mani, allargò le gambe e conficcò senza pietà il suo cazzo nella sua fica umida.

Gayle rimase senza fiato.

La stava violentando.

#

Le labbra di Gayle tremarono, sia per lo shock che per l'incapacità di trovare le parole. Quando finalmente parlò, l'intruso riuscì già a fare dieci buone spinte profonde nella sua figa, praticamente colpendole la cervice.

"Fermare! Uscire! Togliti dalla mia figa!”

La sua mano volò, colpendola sulla tetta destra. Lei guaì. La colpì di nuovo, questa volta alla sua sinistra. Dopo aver liberato una delle sue caviglie dalla sua presa, Gayle scivolò su un fianco. Ha colto l'occasione per far scivolare l'altra gamba sulla sua spalla, scopandola di lato.

"Aaah!" Gayle gemette. “C-perché sei--!”

"Vuoi che ti schiaffeggi di nuovo?" ringhiò il suo trasgressore.

"N-no--",

"Pensavo così", rise, spingendo le palle in profondità nella sua fica umida. Il suo passo aumentò, martellando in lei senza alcun riguardo per il suo dolore.

Gayle seppellì il viso tra le lenzuola di Amy, piangendo piano. Tuttavia, lo ha fatto anche per nascondere la sua eccitazione. La sua violenta penetrazione nel suo corpo aveva cominciato a smuovere qualcosa dentro di lei. Per quanto cercasse di combatterlo, poteva sentire la sensazione crescere dentro di lei. Non è riuscita a fermare il suo corpo dal muoversi, spingendo la sua fica sul suo cazzo duro mentre lui si tuffava dentro di lei, sempre più a fondo.

Così, tanto più grande era la sua delusione quando lui disse quello che disse.

"Fottimi... sto venendo", grugnì.

Gayle nascose il viso, mezzo sollevato che stesse per finire, mezzo deluso dal fatto che non fosse nemmeno vicina all'orgasmo. Tanto che non si aspettava le sue prossime parole.

“Pronto per questo, cagna? Pronto per il mio sperma? Lo pomperò proprio in quella fica!

"Che cosa! No! Nonono, per favore no! Non là dentro!» implorò Gayle. «Per favore, ovunque tranne che dentro. Io... ingoierò anche!"

"Non fa parte del programma, troia", grugnì. "Oh cazzo, ecco che arriva."

“Nooooo!!!” Gayle sussultò.

Poteva sentirlo nel profondo di sé. Spessi colpi di sperma che eiaculano dentro di lei. Singhiozzò e rabbrividì, vergognandosi che qualcuno che non era suo marito fosse appena entrato nella sua figa.

Il suo stupratore si appoggiò allo schienale, il suo cazzo ancora pulsava dentro di lei mentre tratteneva il respiro. Ha schiaffeggiato il suo culo nudo giocosamente un paio di volte, poi alla fine si è tirato fuori da lei. Gayle rabbrividì mentre si allontanava, senza badare a lui mentre iniziava a rovistare nei cassetti di Andrew. Si mise una mano sull'inguine, cercando di catturare lo sperma che fuoriusciva da lei. Lentamente, ha cercato di togliersela di dosso, ma questo ha solo fatto gocciolare sulle lenzuola di suo figlio. Una macchia scura rendeva il blu scuro ancora più scuro. Scoraggiata, si alzò a sedere.

“Tu... fottuto bastardo. Come hai potuto? Come hai potuto farmi questo?" singhiozzò.

Ma quando alzò lo sguardo, tutte le parole le mancarono. I suoi occhi divennero grandi come piattini, mentre lo guardava prendere una delle cravatte della domenica di Andrew, afferrare entrambe le estremità nelle sue mani e avvicinarsi a lei con la cravatta tesa.

"Cosa... cosa stai facendo?" lei sussurrò.

“Non è ovvio? Non posso lasciare testimoni, piccola.

"No... no, per favore non...?" Gayle mormorò, mentre una lacrima le rigava il viso.

“Mi dispiace, davvero. Non posso rischiare. È stato divertente,” ha detto, mentre prendeva la cravatta e l'avvolgeva attorno al collo di Gayle e iniziava lentamente a stringerla.

Gli occhi di Gayle si spalancarono mentre boccheggiava. Istintivamente, iniziò ad agitare le braccia. Il suo stupratore, imperterrito, si gettò all'indietro sul letto, usando tutto il suo peso corporeo per stringere il più possibile la sua garrota improvvisata.

L'aria impedita di entrare nei suoi polmoni, Gayle volò in preda al panico. Cercò di urlare, ma le parole uscirono come deboli gargarismi. Cercò di scalciare con i piedi, ma non colpì altro che aria. La sua lingua sfrecciò fuori dalla sua bocca mentre ansimava disperatamente, ma la cravatta intorno al collo si strinse solo.

"Dai, lascia perdere", grugnì il suo devastatore. "Lascia che accada."

Gli occhi di Gayle sono praticamente saltati fuori dalla sua testa, mentre la sua lingua si è gonfiata e il suo viso è passato da un rosso brillante a un viola scuro. Le sue labbra divennero blu, mentre la sua lotta diminuiva di forza.

Il suo aggressore, incoraggiato, le mise una mano sul petto. La sua frequenza cardiaca era alle stelle. Un po' di più adesso.

"Aaargh, fottutamente muori, stronza", grugnì, macinando il suo cazzo nella sua schiena con eccitazione.

Il colore iniziò a sbiadire dal viso di Gayle, mentre i suoi occhi le giravano dietro la testa. Lei ebbe le convulsioni, mentre il suo cuore batteva furiosamente. Poi, ha rallentato. E presto, con i suoi ultimi sussulti d'aria, si fermò. Le sue braccia caddero di lato, mentre fissava il nulla.

Lo stupratore le afferrò il collo, cercando un battito ma non trovandolo. Rimase lì per un po', sentendo i suoi ultimi spasmi, prima di rilasciare finalmente la presa sul suo collo. Vertiginoso ed eccitato, la fece rotolare via da lui e iniziò ad accarezzare furiosamente il suo cazzo. Non ci volle molto.

“Aaah, fuuuuck,” gemette, mentre sparava un grosso carico di sperma sul viso senza vita di Gayle. Un glob le ha preso l'occhio, a cui naturalmente non ha avuto alcuna reazione.

Il razziatore fece un passo indietro, ammirando il suo lavoro. Si sentiva quasi male che fosse finita, ma alla fine ce l'aveva fatta. Il suo primo. Afferrò il suo telefono e scattò istantanee del suo lavoro per poi ammirarlo. E sarebbe fuggito nella notte per iniziare a pianificare la ricerca della sua prossima vittima, se una voce non lo avesse spaventato dalla porta.

"M-mamma?" Amy, la figlia di Gayle borbottò, fissando con occhi attoniti il ​​cadavere nudo e macchiato di sperma di sua madre. Poi i suoi occhi caddero sul devastatore, il cui cazzo scattò istantaneamente di nuovo eretto.

È stata una buona notte per lui.

-Fine della parte 1-

Storie simili

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

6 I più visti

Likes 0

Papà non può più dire di no alla sua ragazza

Mia madre aveva un ragazzo quando ero molto, molto giovane. Gli piaceva giocare con le ragazze e giocava con me alle spalle di mia madre. Questo ha creato impulsi sessuali in me che sarebbero emersi costantemente crescendo. Ciò ha causato molte angosce e problemi mentali a causa del fatto che non sapevo come liberarmi da quegli impulsi, ma sapevo che doveva esserci un modo per soddisfare questi impulsi e liberarmi. Andando avanti anni dopo, mia madre sposò Bruce, il mio nuovo patrigno. Abbiamo avuto una vita familiare molto piacevole fino a quando quegli impulsi non sono ricominciati in pieno vigore. Il...

353 I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

357 I più visti

Likes 0

Aggiornamento incompiuto della terza parte del campo

Giona:- Celeste io..i..io sono.. Celeste:- Jonah non è colpa tua, non lo è mai stata, tutte le cose che hai fatto non sei mai stato tu, ti ha contorto, ti ha trasformato in qualcosa che non sei Giona:- Ma.. Celeste:- No ma è mister, alla fine arrivi a fare l'eroe, devi finire questo, finire di lancia per sempre, proteggi il campo e proteggi te stesso Giona:- Ma tu..io..io.. Celeste:- Conosco Jonah ed è troppo tardi per fare qualsiasi cosa, voglio che tu faccia una cosa per me, Jonah, voglio che tu sia l'eroe, finisci quello che ho iniziato e uccidi Lance...

288 I più visti

Likes 0

Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

Capitolo 4: Inizia la rottura di Hannah Proprio come pensava Hannah, i motociclisti tornarono subito al bar. Erano via solo da circa un'ora, ma quando sono entrati nel parcheggio Hannah ha notato che c'erano almeno altre 10 moto sedute lì. Il suo cuore batteva per il terrore mentre veniva trascinata di nuovo nella grande taverna, con gli altri Fuorilegge proprio dietro di lei. C'erano diversi motociclisti che bazzicavano nel salone e bevevano birra, ma non appena videro Hannah si alzarono e la seguirono nel retro. Prendi il tuo culo nudo, troia, ordinò Tank, spingendo il piccolo asiatico verso il materasso mentre...

797 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

727 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

800 I più visti

Likes 0

Tutto sbagliato con

Ogni cosa che non va in Era stupro se ti piaceva? di Cuore legato Narrativa, Bondage e restrizione, Crudeltà, Dominazione/sottomissione, Droga, Maschio/Adolescente, Sesso orale, Stupro, Riluttanza, Romanticismo, Sculacciata, Adolescente, Verginità, Scritto da donne, Giovane Introduzione: Lise, una ragazza del secondo anno, ha avuto una relazione con Alex, che si era già diplomato al liceo. Liza ha rotto con Alex. Ma chissà cosa può succedere a una festa? 1: Festeggiare? Capitolo I - Liza Lise! Lisa! Elisabeth!! Alex mi ha chiamato mentre passavo. Ho continuato a camminare a passo svelto, mettendo distanza tra me e il mio ex ragazzo. 2: Wtf, non...

657 I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

525 I più visti

Likes 0

JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti. Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo...

371 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.