Affari Parte 1

139Report
Affari Parte 1

Jeb grugnì mentre adagiava con cura sul pavimento l'ultima delle ragazze prive di sensi. Facendo un passo indietro, si fermò ad ammirare le loro forme nude, prima di chiamare sua madre, Amy, per ripulirle. Si precipitò dentro, tutta rotonda e nonna, ed esclamò,
“Oh Jeb, ti sei superato! Randal sarà così contento, scommetto che tiene per sé quel biondo argenteo. aggiunse sfacciatamente, e lui ridacchiò. Dietro di lei si trascinava una minuscola ragazza con la pelle molto abbronzata, una criniera bionda e occhi incredibilmente viola.
“Ciao Violetta cara. si chinò per baciarla e lei arrossì dolcemente.
“Ora Violet, prenderò questi due, puoi occupartene, giusto? chiamò Amy da sopra la sua spalla, Violet annuì enfaticamente e si sedette accanto a una delle ragazze addormentate. Jeb si appoggiò allo schienale di una sedia e guardò sua madre e sua figlia che facevano il bagno di spugna alle ragazze, partendo dai loro piedi e risalendo.
Violet non era sua figlia di sangue, ma attraverso una sorta di adozione. Inizialmente era stata pensata per Randal per irrompere, allenarsi e poi essere venduta per un grosso profitto. Jeb aveva avuto una grande fortuna durante la caccia quella notte, tornando con quindici ragazze! E non era che potevi scegliere qualsiasi ragazza per strada. Dovevano essere creature minuscole, magre e belle, senza tatuaggi o piercing, non dovevano avere più di quindici anni né meno di tredici. Le vergini erano di gran lunga preferite ma non sempre necessarie, e di questi tempi era difficile ottenere quel genere di cose.
Quando aveva condiviso la buona notizia con Randal, ne era stato felicissimo e aveva dato a Jeb il permesso di prendere quello che voleva per la notte come ricompensa. Jeb aveva fatto la sua selezione con cura, scegliendo Violet per i suoi splendidi occhi viola, e l'aveva portata nella sua stanza.
Violet era stata sorprendentemente docile, permettendogli di succhiare avidamente i suoi minuscoli capezzoli rosa, rimanendo immobile e guardandolo con quegli occhi miracolosi mentre faceva scivolare il dito nel suo minuscolo buco della fica, senza mai sussultare quando le rompeva l'imene. Aveva cominciato ad innamorarsi di lei quella notte, quando aveva fatto scivolare il cazzo nel culetto rosa più stretto che avesse mai sentito con un grugnito e un sospiro, e aveva sentito il suo sospiro di rimando. Era stata così incredibilmente dolce per l'intera faccenda, non aveva avuto bisogno di legarla quella notte, piuttosto lei si era sdraiata tra le sue braccia e aveva dormito profondamente.
Quando si svegliò la mattina dopo, fu preso dal panico quando si rese conto che Violet se n'era andata. In pochi secondi l'aveva immaginata scappare alla polizia, l'intera operazione, la sua vita, tutto andato in malora.
“STUPIDO STUPITO STUPITO! si infuriò contro se stesso mentre fuggiva rapidamente attraverso il corridoio, tirandosi su i pantaloni. Entrando in cucina, si era bloccato. Lì, seduta al tavolo senza restrizioni e con un'aria abbastanza soddisfatta, c'era Violet che ridacchiava con sua madre davanti a una pila di frittelle ai mirtilli. Amy l'adorò subito e da quel giorno Violet era diventata parte della famiglia.
Quella sera aveva catturato quattro ragazze, probabilmente le quattro più squisite di tutta la sua carriera, pensò con orgoglio. Randal era stato molto chiaro sul suo ordine per questa volta: due bionde pallide con la stessa altezza e peso, tipo di corpo, il più possibile identiche. Entrambi avevano occhi verde brillante che avevano brillato di paura quando Jeb si era avvicinato, bocche imbronciate rivolte verso il basso e una spruzzata di lentiggini sul ponte del naso.
Al contrario, gli altri due, anch'essi della stessa altezza e peso, avevano invece una carnagione crema scura, riccioli castani ondeggianti ed esotici occhi azzurri che si inclinavano verso l'alto alle estremità. Sospettava che una delle ragazze potesse avere più dodici anni che tredici, ma in questo caso Randal avrebbe sicuramente fatto un'eccezione.
Nonostante il loro aspetto diverso, tutte e quattro le ragazze erano molto piccole, alte un metro e mezzo, con minuscoli seni arrotondati e fighe rosa senza peli. Andrebbero a prendere un bel penny sul mercato. Anche se non aveva controllato, era sicuro che almeno tre fossero vergini, non che fosse così importante. Le vergini erano più redditizie di una schiava sessuale ben addestrata, ma Randal non aveva intenzione di rinunciare al più grande vantaggio della sua carriera scelta.
Quando Violet e Amy ebbero strofinato ogni superficie del corpo delle ragazze, Jeb scelse quattro abiti da scolaretta abbinati, completi di mutandine di cotone e calzettoni da indossare.
"Là! gridò Amy, sempre così eccitata, mentre faceva un passo indietro per osservare il suo lavoro. La parete era fiancheggiata dalle forme accasciate di quattro angeli incoscienti in camicie bianche abbottonate, gonne scozzesi rosse, gambaletti e scarpe Mary Jane. Il sogno di ogni uomo: Jeb sentì il suo cazzo ingrossarsi e tendersi contro i suoi jeans, quando sentì bussare pesantemente alla porta.
“Tempismo perfetto, Violet, vuoi far entrare Randal? Lei annuì e corse ad aprire la porta.
“Ecco il mio angelo! udì il ruggito della voce sommessa e lo strillo di gioia di Violet quando Randal si precipitò lungo il corridoio, con Violet appollaiata sulle sue spalle.
“Jeb, cosa pensi di fare? chiese con finta rabbia, lasciando correre una delle ragazze più belle che abbiamo appena visto! Potrebbe scappare! Violet stava ridacchiando follemente ora, nascondendo il suo dolce sorriso nella parte superiore della sua testa, e lui le accarezzò la gamba con affetto.
Poi rivolse la sua attenzione al pescato di oggi e fischiò in segno di approvazione. “Hai fatto un ottimo lavoro stasera. Farò in modo di aggiungere uno zero in più al tuo assegno questa settimana. Splendido in effetti. Posò Violet e si chinò per vedere meglio, allungando la mano per accarezzare di tanto in tanto una coscia satinata, o avvolgere le dita attorno a un ricciolo irregolare.
"Colore degli occhi?"
"Le bionde hanno il verde come hai chiesto, le brune hanno il blu brillante."
"Eccellente. Età? mentre parlava, tirava alacremente indietro le labbra della ragazza, ispezionando i loro denti dappertutto come un cane.
“Una bionda ha sicuramente quindici anni, le ho trovato addosso il permesso di studio, le altre due quattordici, ma quella…”.
La testa di Randal si alzò di scatto per fissare Jeb, e sentì quel dito inquieto di paura scivolargli lungo la schiena.
"Che dire di questo? la sua voce non era più leggera, ma mortalmente seria mentre la sua mano scivolava lungo l'interno della coscia della ragazza.
"Potrebbe essere più giovane... Potrebbe avere dodici anni o giù di lì."
“Sai che non approvo questo Jeb. Sono molto specifico su quali gruppi di età ho bisogno.
"Lo so mi dispiace. Ho pensato che avresti fatto un'eccezione, visto che è bellissima e quasi identica all'altra che ha interrotto, cominciando a preoccuparsi. Le persone che hanno fatto incazzare Randal non sono vissute a lungo dopo.
“Ah beh, avevi ragione. Sono squisiti e identici. Hai fatto il tuo lavoro nel miglior modo possibile e ti ringrazio amico. Randal si alzò ancora una volta e allungò la mano per stringerla.
“Certo che hai rubato il gioiello della corona della collezione: un giorno tornerò a rubarla! aggiunse, la voce ancora una volta leggera e amichevole mentre guardava maliziosamente Violet. Lei ricambiò il sorriso e sbatté le ciglia in modo civettuolo.
«Be', te li preparo io. Jeb rispose, sollevato e iniziò a spostare le ragazze. Dopo che Jeb gli assicurò che le ragazze non si sarebbero svegliate finché non fosse tornato sano e salvo a casa, gli firmò un assegno e se ne andò, gridando un ultimo ringraziamento alle sue spalle. Una volta che l'autocarro fu scomparso dalla sua vista, Jeb si rivolse a Violet, che aveva aspettato con calma dietro di lui. Lo conosceva così bene.
In silenzio lei lo seguì nella sua stanza e si tolse i vestiti con facilità. Si arrampicò sul letto, sistemandosi sulle mani e sulle ginocchia, le gambe divaricate, la schiena inarcando il culo rotondo in aria in modo invitante. Anche se alla fine aveva imparato ad apprezzare il sondaggio e le carezze della sua lingua, rabbrividiva ancora quando lui si tuffava nel suo ano, il suo viso si contorceva per il dolore anche se cercava di nasconderlo. Questo è stato uno dei motivi per cui gli è piaciuto così tanto.
Slacciò i pantaloni, tirò fuori la sua ora dolorante erezione, e rapidamente sputò nella sua mano diverse volte prima di ricoprire il suo cazzo con esso. Con una mano le afferrò i fianchi, allargandole il culo, e con l'altra diresse il cazzo verso quel piccolo bocciolo di rosa ancora piccolo. Senza esitazione forzò la grossa testa a fungo in quel stretto anello di muscoli, le sue mani serrate sui suoi fianchi.
“Lo vuoi dolce Violetta? sussurrò con voce rauca, tirando fuori la punta con un-pop!- e rimettendola subito dentro, godendosi il suo respiro affannoso e doloroso mentre cercava di trattenere i singhiozzi.
“Ooooh sì papà. lei respirò attraverso la sua agonia, e lui la colpì fino in fondo, gemendo di piacere per il suo orribile dolore.

Storie simili

Mi sono svegliato - Parte 2

PASSANDO AL SUO NUOVO GIOCO Avevo passato le ultime settimane da quando mi ero diplomato al liceo uscendo con Ronnie. Ho anche trascorso diverse notti con lei nel suo appartamento in centro. Mia madre non era il suo solito severo. Dopo essere stata lontana da casa diversi giorni, non mi ha interrogato nemmeno un po'. Penso che abbia avuto molto a che fare con mia sorella maggiore Katrina che mi ha coperto. Passava da Ronnie tanto tempo quanto me. Lei e l'assistente di Ronnie, Mel, si stavano dando da fare. La scorsa settimana, Katrina aveva ricevuto un invito da Ronnie, perché...

1.1K I più visti

Likes 0

Moglie e sorella scopano duramente

Questo è Alì. Sono un uomo sposato di 32 anni. Sono sposato e mia moglie Niha ha 28 anni ed è una casalinga. Lei è una bella signora. Ovunque vada, i ragazzi intorno non distoglieranno gli occhi da lei. Sono molto fortunato ad averla. La sua taglia è 36-28-40. Ha un seno bello e sodo e un culo rotondo e spumeggiante che oscilla mentre cammina e molte persone per strada aspettano di vedere il momento del suo culo mentre cammina per il mercato vicino. Indossa sempre Sari e talvolta a casa, le piace indossare la notte. Abbiamo avuto una buona vita...

880 I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

777 I più visti

Likes 0

La sorella mi lascia II

Inutile dire che ero molto preoccupato per il resto del giorno e della notte. Già solo il pensiero del dolce culetto di mia sorella mi eccitava, ma averlo leccato davvero era il paradiso. Tuttavia, per me e la sorella è stato tutto normale per i due giorni successivi. La mamma stava tornando a casa dal lavoro in orario e presto il papà l'ha seguita. Eravamo anche a scuola, quindi era difficile trovare del tempo da soli. Ogni notte, però, fantasticavo su mia sorella e sul nostro piccolo gioco che di solito si concludeva con una rapida sessione di jack off che...

732 I più visti

Likes 0

Papà non può più dire di no alla sua ragazza

Mia madre aveva un ragazzo quando ero molto, molto giovane. Gli piaceva giocare con le ragazze e giocava con me alle spalle di mia madre. Questo ha creato impulsi sessuali in me che sarebbero emersi costantemente crescendo. Ciò ha causato molte angosce e problemi mentali a causa del fatto che non sapevo come liberarmi da quegli impulsi, ma sapevo che doveva esserci un modo per soddisfare questi impulsi e liberarmi. Andando avanti anni dopo, mia madre sposò Bruce, il mio nuovo patrigno. Abbiamo avuto una vita familiare molto piacevole fino a quando quegli impulsi non sono ricominciati in pieno vigore. Il...

679 I più visti

Likes 0

Bella Lilly

Nota dell'autore: se non sei un fan delle storie in cui la maggior parte dei personaggi ha poca o nessuna morale, per favore non leggere questo. Sei stato avvisato. Vai avanti se questo concetto non ti incuriosisce. Ci sono alcune persone malvagie e incasinate in questa storia. Il figlio sessualmente attivo può essere il minore dei mali. Questa non è una storia d'amore spensierata. Il suo pezzo compagno Juicy J è molto più ottimista e spensierato. Sentiti libero di leggere quella storia (sulla sorella di Lilly) se preferisci quello stile. Questo è anche un racconto a strati con diversi personaggi. Un...

480 I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

389 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

354 I più visti

Likes 0

Mia sorella è un cassonetto di sperma

Mi chiamo Zack e la mia sorellina Melinda è il mio cassonetto personale da quando aveva 12 anni. Questa non è una storia d'amore incestuosa. Non è ricatto o coercizione. Mia sorella è solo una troia e adora scopare. Fortunatamente per lei, anche suo fratello adolescente è una fabbrica di ormoni pubescenti che scopa 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Mi capita anche di avere un bel cazzo da 8 e un apprezzamento per adolescenti sexy, atletiche e bionde con pance piatte e tette vivaci. A dire il vero avevo 7 anni e lei ne aveva quasi 6 quando...

221 I più visti

Likes 0

Mi scopo la mamma del mio amico

Alicia che fai stasera? chiesi a mia sorella. Vado a stare con il mio amico a casa sua Pensi di potermelo passare? Come si chiama? Sono sempre stato protettivo nei suoi confronti, e ora che ha 16 anni ci saranno molti ragazzi che cercheranno di approfittarsi di lei. Anche io penso che sia sexy, ed è mia sorella. Non preoccuparti, penso che sia gay. Anzi, gay. Sai? Avevo fretta, non avevo più tempo per interrogarla. Sii prudente urlai mentre uscivo dalla porta. Sono saltato sul mio F-150 sollevato e ho iniziato a guidare. C'era questo night club di 18 e più...

105 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.