Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

936Report
Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

Capitolo 4: Inizia la rottura di Hannah

Proprio come pensava Hannah, i motociclisti tornarono subito al bar. Erano via solo da circa un'ora, ma quando sono entrati nel parcheggio Hannah ha notato che c'erano almeno altre 10 moto sedute lì. Il suo cuore batteva per il terrore mentre veniva trascinata di nuovo nella grande taverna, con gli altri Fuorilegge proprio dietro di lei. C'erano diversi motociclisti che bazzicavano nel salone e bevevano birra, ma non appena videro Hannah si alzarono e la seguirono nel retro.
"Prendi il tuo culo nudo, troia", ordinò Tank, spingendo il piccolo asiatico verso il materasso mentre salutava uno dei motociclisti già nella stanza. “Cosa c'è Jimmy? Porti tu la roba?"
"Che succede amico? Sì, l'ho fatto”, rispose il gigante pesantemente tatuato, sollevando un grande borsone.
"Bene, tira fuori il bastone", chiese Tank, prima di riportare la sua attenzione su Hannah. “Ho detto di mettere a nudo il tuo culo! Che cazzo stai aspettando?"
"Per favore, non violentarmi più", implorò Hannah nervosamente, mentre iniziava a spogliarsi. "Per favore, farò quello che vuoi, ma non violentarmi."
«In ginocchio, fica», ordinò Tank, mentre torreggiava sopra Hannah con un grosso bastone d'acciaio in mano. “Sai cos'è questa stronza? Questo è quello che sentirai sul tuo culo e sulle tue graziose tette ogni volta che non eseguirai gli ordini. Se vuoi evitare che il tuo culo e le tue tette diventino sanguinanti, diventerai una brava puttanella e farai quello che ti chiediamo".
"Per favore, non... non farmi del male, per favore", pianse Hannah, sussultando per il terrore mentre il motociclista premeva la punta del bastone contro il suo capezzolo.
"Non sei altro che una puttana sporca e a buon mercato, e d'ora in poi è esattamente come verrai trattato", ha continuato Tank. “Non hai più un nome, e non ti è mai permesso nemmeno di usare 'io'. Ti riferirai a te stesso d'ora in poi come "questa puttana" o "questa troia" e ci chiamerai "padrone" o "signore", capito?"
"Sì signore", rispose Hannah, tremando mentre l'enorme fuorilegge picchiettava l'asta d'acciaio contro i suoi seni.
"Ora dato che abbiamo scopato il tuo culo e la tua figa abbastanza bene stamattina, daremo una pausa a quei buchi", ha dichiarato Tank, prima di sorridere maliziosamente all'asiatico. “Quindi faremo tutti a turno per fotterti la bocca e sborrarti in gola. Non voglio che tu implori troia, ci implori di succhiare i nostri cazzi e ingoiare il nostro sperma, fallo subito.
"No, per favore, io—non posso, per favore non costringermi a farlo", implorò Hannah, guardando disperatamente l'enorme motociclista.
"Wow sei davvero una stronzetta ritardata, che cazzo ho appena detto sul chiamarti 'io'?" disse Tank con rabbia, prima di rivolgersi agli altri motociclisti. "Tienile le braccia."
"No, per favore, mi dispiace, per favore, questa puttana è dispiaciuta, per favore non farlo", supplicò Hannah, mentre un paio di Fuorilegge si inginocchiavano accanto a lei e le afferravano le braccia.
"Tira fuori le sue tette e tienila stretta", ordinò Tank, mentre alzava minacciosamente il braccio all'indietro.
"No! Per favore no! Lo farò! Per favore!" gridò Hannah in preda al panico, dimenandosi tra i grossi motociclisti.
"Troppo tardi puttana, devi imparare il tuo posto", rispose Tank, sorridendo eccitato mentre fissava i suoi seni nudi e indifesi. "Ti darò cinque colpi sulle tue tette piccole e cinque sul tuo culo, poi vedremo quanto bene cooperi troia."
“No, per favore, no! Lo farò! Non colpirmi per favore!” gridò Hannah, spalancando gli occhi per il terrore mentre il motociclista si preparava a colpirla.
Tank abbassò brutalmente il braccio e piantò l'asta d'acciaio nel seno di Hannah più forte che poteva. Il suono del bastone che penetrava in profondità nella tenera carne dell'asiatico era nauseante, ed è stato immediatamente seguito dal grido di agonia più penetrante della ragazza. La reazione di Hannah al colpo è stata così intensa che per poco non si è liberata dalla presa dei motociclisti che la tenevano.
"Questa è una cagna", dichiarò Tank, fissando il lungo e scuro livido che stava già iniziando a formarsi sulla parte superiore delle piccole tette rotonde di Hannah.
“Aaaaauuuugghhhhhhh!!!” Hannah gemette, girandosi miseramente mentre l'enorme fuorilegge le strappava il bastone sui seni una seconda volta.
"Sono due!" Tank rise, guardando i seni dell'asiatica tremare pateticamente per il potente colpo.
"Per favore fermati!! Per favore!!! Farò quello che vuoi, smettila per favore!!” Hannah implorò pietosamente il demonio.
"Sono tre!" gridò di rimando Tank, strappando ancora una volta il bastone d'acciaio nelle tette di Hannah. "E che cazzo ho detto sul chiamarti 'io'? Non stai ancora imparando un cavolo di puttana!"
“Aaaaoooowwwww!! Per favore mi dispiace!! Questa puttana è dispiaciuta!! Questa puttana non lo farà di nuovo per favore!!” Hannah implorò, con le lacrime che le rigavano le guance mentre fissava il pavimento con assoluta vergogna e infelicità.
Tank tirò indietro il braccio e sferrò altri due colpi devastanti sulle tette dell'asiatico in rapida successione. L'ultimo è atterrato proprio sul suo capezzolo e ha provocato lo strillo più forte e più atroce della ragazza. Gli altri motociclisti erano raccolti intorno ad Hannah e fissavano con lussuria i suoi seni tremanti. I cumuli erano ricoperti da cinque lunghe strisce rosse infuocate che sembravano incredibilmente dolorose.
"Girala intorno e porta quel culo bello e alto", ha detto Tank ai motociclisti che tenevano in braccio l'asiatico singhiozzante.
"Per favore! Smettila, farò quello che vuoi, per favore!” Hannah implorò, mentre gli uomini la giravano rapidamente e la facevano girare sulle mani e sulle ginocchia.
"Accidenti a quel culo", uno dei motociclisti ha elogiato l'asiatico terrorizzato. "Non vedo l'ora di fare a pezzi quel culo."
“Cosa sei puttana? Come ti chiami?" chiese Tank alla ragazza, facendo scorrere dolcemente la punta del suo bastone sulle sue natiche.
"Hannah, voglio dire sgualdrina, sono una sgualdrina", si corresse rapidamente Hannah, piangendo per l'imbarazzo a quelle parole.
"Meglio stronza", ha risposto il motociclista. "Però dovrò ancora battere questo culo."
"Per favore non farlo, padrone, te lo prometto: questa troia promette che sarà brava", implorò Hannah, tremando per l'orrore mentre sentiva che il bastone le veniva sollevato dal culo.
“Nooooooooooo!!!” Hannah urlò, dimenandosi febbrilmente mentre il gigante le sbatteva il bastone nel culo con tutta la sua forza.
Gli enormi motociclisti riuscivano a malapena a tenere ferma Hannah mentre Tank continuava a percuoterle furiosamente il culetto con il bastone. Diede altri quattro colpi torturanti, fermandosi per alcuni secondi tra uno e l'altro per guardare l'asiatica mentre si contorceva in agonia. Stava urlando a squarciagola e implorando disperatamente pietà a Tank. Quando ebbe finito, anche il culo di Hannah fu decorato con cinque lividi severi e pieni di vesciche.
"Gira la fica", ordinò il motociclista, un pizzico di delusione nella sua voce per aver finito.
"Sei pronta per essere una brava puttanella adesso?" chiese Tank, battendo il bastone contro il seno dell'asiatico inginocchiato.
"Sì, questa... questa puttana andrà bene", singhiozzò Hannah, le lacrime che le rigavano le guance mentre fissava abbattuta.
"Bene, allora ricominciamo da capo", rispose Tank, sorridendo sinistramente. “Voglio che ci implori di succhiare i nostri cazzi e ingoiare il nostro sperma. Dopo averlo fatto, passi al prossimo uomo e fai lo stesso. Non fermarti finché non avrai succhiato ognuno dei nostri cazzi, capito?"
"Sì signore", rispose Hannah tristemente.
"Puoi iniziare con me puttana", ordinò l'enorme motociclista, mentre lasciava cadere i pantaloni e la biancheria intima sul pavimento.
"Posso—posso questa puttana succhiare il tuo cazzo signore", ha chiesto Hannah, prima di aggiungere finalmente, "e ingoiare il tuo sperma?"
"Perché sì che puoi, fottuta piccola troia sporca", rispose Tank felicemente, inclinando il suo cazzo verso il basso in modo che fosse puntato sul viso di Hannah.
La piccola asiatica stava piangendo apertamente ora mentre si allungava in avanti e prendeva il grosso cazzo tra le mani. Tremante, si sporse in avanti e avvolse le labbra strettamente attorno alla spessa asta. Tank gemette di gioia quando Hannah iniziò a pompare la bocca su e giù per il suo pene duro.
"Guardami puttana, guardami negli occhi e continua a succhiare quel cazzo", ordinò Tank, allungandosi e afferrando una manciata di capelli della ragazza.
Hannah diligentemente alzò lo sguardo verso il bruto sorridente. Ha bloccato i suoi occhi guardinghi sui suoi per tutto il tempo mentre lo serviva. Mentre lo faceva, Hannah cercò alcun segno di misericordia o umanità nell'uomo, ma non trovò nessuno dei due. Era chiaro che non gliene fregava un cazzo del suo benessere e la considerava solo un pezzo di carne da usare per il proprio piacere.
"Okay, basta stronzate, mettiti tutto in bocca", disse Tank, mentre la ragazza succhiava solo i primi due pollici della sua asta.
"Per favore signore, non posso—questa puttana non può, è troppo grande", rispose Hannah, staccando le labbra dal cazzo enorme ma tenendo gli occhi fissi sul motociclista.
"Ho detto metti quel cazzo dentro la tua fottuta bocca puttana, non me ne frega un cazzo di quanto sia grande, trova un modo per farlo", ribatté il fuorilegge con rabbia. "O devo girarti e picchiarti ancora un po'?"
"No, lo farò, voglio dire, questa puttana lo farà", ha risposto rapidamente Hannah, prima di avvolgere la bocca intorno all'enorme asta.
"Fino in puttana, non fermarti finché quelle palle non ti schiaffeggiano il mento", ordinò Tank.
Lacrime di totale miseria stavano scorrendo lungo le guance di Hannah mentre si piegava in avanti e lentamente si inseriva pollice dopo pollice del cazzo di Tank nella sua bocca. Riuscì a inserirne circa la metà prima di sentire la punta spingerle contro la gola. Cercò di spremere più dell'asta mostruosa ma iniziò immediatamente a vomitare violentemente. Dopo qualche altro tentativo di infilarle il cazzo in gola, si fermò e guardò Tank implorante.
"Per favore, io—questa troia non può signore, è troppo grande", implorò Hannah, togliendosi il cazzo dalla bocca per un secondo.
"Puttana, riprendi quel cazzo in bocca in questo momento e smettila di lamentarti, sei una fottuta puttana, so che hai un sacco di esperienza con i grossi cazzi in gola", ordinò Tank.
Hannah con riluttanza rimise le labbra intorno all'enorme cazzo e lo seppellì profondamente nella sua bocca. Ha cercato inutilmente di ottenere l'intero 8 "di esso nella sua gola, ma ha continuato a conati di vomito ogni volta che ha provato. Dopo aver aspettato un paio di minuti, l'enorme motociclista ha finalmente perso la pazienza e ha afferrato Hannah per la nuca e le ha sbattuto la faccia contro il suo cazzo più forte che poteva. Hannah iniziò immediatamente a soffocare mentre l'enorme cazzo si infilava brutalmente nella sua gola. Tank tenne la piccola asiatica contro di sé per un momento, ignorandola mentre lei batteva freneticamente i pugni contro le sue gambe. Quando alla fine l'ha rilasciata dopo quella che sembrava un'eternità per Hannah, lei ha immediatamente tirato via la testa e ha iniziato a vomitare sul pavimento.
"Stupida stronza del cazzo!" gridò Tank, afferrando i capelli dell'asiatica e schiaffeggiandola brutalmente in faccia.
“Aaaggghhh!! Per favore! Mi dispiace—questa puttana è dispiaciuta, questa puttana...”, strillò Hannah, asciugandosi il vomito dalle labbra mentre scoppiava in lacrime.
"Apri quella bocca puttana, non ci fermeremo finché non imparerai a fare un vero pompino", ordinò Tank.
Hannah tremava di paura mentre schiudeva le labbra, permettendo allo spietato motociclista di affondare il suo pene nella sua bocca. Tank non perse tempo mentre le tenne ferma la testa e spinse il suo cazzo in profondità nella sua bocca e verso la parte posteriore della sua gola. Hannah ha iniziato di nuovo a soffocare subito e ha cercato di spingere via l'enorme motociclista con le mani. Ha tenuto la sua faccia sul suo cazzo fino a quando il suo bavaglio è diventato così violento che era chiaro che stava soffocando, poi finalmente l'ha rilasciata e le ha permesso di prendere un po' di ossigeno. Dopo pochi secondi, tuttavia, ordinò ad Hannah di riaprire la bocca e senza pietà immerse il suo cazzo in profondità nell'apertura. Dopo un paio di minuti passati a sopportare il costante assalto alla sua gola e ripetutamente quasi soffocata a morte, Hannah alla fine non ce la fece più.
“Oh Dio, per favore, smettila!! Per favore!!! non ne posso più!!” Hannah singhiozzava miseramente, mentre Tank estraeva il suo cazzo dalla sua gola dopo averlo forzato quasi tutto laggiù per quella che sembrava la centesima volta. “Per favore, non farlo più!! Mi stai uccidendo!!"
Hannah chinò la testa per la vergogna e la disperazione mentre piangeva. Il suo viso era di un rosso scuro per la costante mancanza d'aria e scie di bava le scorrevano lungo il mento. I suoi seni piccoli rimbalzavano su e giù mentre tossiva intensamente.
"Apri la tua fottuta bocca, pezzo di merda puttana", ordinò Tank, tirando i capelli di Hannah e costringendola a guardarlo.
"Per favore fermati!! Non posso, per favore signore... questa puttana non ce la fa più", supplicò Hannah, guardando Tank con compassione.
“Vuoi che ti batta di nuovo il culo e le tette? Perché sarei più che felice di fare la troia", ha avvertito Tank.
"No, per favore non picchiarmi, io—questa troia ci sta provando, per favore", singhiozzò Hannah.
"Allora apri quella bocca da puttana e rilassa quella gola", ordinò Tank, tirando forte i capelli di Hannah e sbattendole brutalmente il cazzo contro la faccia.
Hannah socchiuse leggermente le labbra e chiuse gli occhi mentre il motociclista gigante spingeva il suo pene in profondità nella sua bocca. La tenne stretta per la parte posteriore del cranio e iniziò a sbatterle ferocemente il viso contro la sua asta, ignorando i suoi violenti conati di vomito mentre tuffava il suo cazzo oltre le sue mascelle e giù per la sua gola. Il viso di Hannah era contorto in uno sguardo di assoluta infelicità e le lacrime le scorrevano lungo le guance mentre Tank le scopava spietatamente la bocca.
"Fanculo!! sto venendo!! Gesù Cristo sì, sto venendo! Tieni quella bocca chiusa, troia! E preparati!!” Serbatoio muggito.
L'enorme motociclista tirò fuori il suo cazzo finché non rimasero solo un paio di pollici nella bocca di Hannah, poi ruggì con orgoglio mentre iniziava a eiaculare. Poteva sentire l'asiatico gemere di pura angoscia mentre la sua bocca si riempiva rapidamente del suo sperma caldo e denso. Gli altri motociclisti erano tutti riuniti intorno a Tank in un cerchio stretto e ridevano e lo acclamavano mentre scaricava il suo carico nella bocca di Hannah.
“Bevi, puttana! Ingoia subito quella sborra!" urlò Tank, afferrando saldamente la testa dell'asiatico con le sue enormi mani mentre finiva di spararle in bocca.
Hannah si lamentava miseramente e lottava per controllarsi mentre Tank le tirava il cazzo dalle labbra. È stata molto vicina a sputare fuori l'enorme carico di sperma, ma si è ricordata del bastone e lo ha tenuto in bocca. Dopo alcuni secondi fece appello a tutta la sua forza di volontà e iniziò a tracannare il terribile succo d'uomo. Le ci sono voluti un paio di sorsi, ma alla fine ha ingoiato l'intero carico di Tank, urlando di disgusto e tortura non appena lo ha fatto.
"Questa è una brava puttana", si è congratulato Tank con la ragazza asiatica, prima di asciugarsi il cazzo con i suoi capelli.
"Sai cosa fare dopo", disse il bruto senza cuore, indicando il cerchio di uomini. "Mettiti al lavoro puttana, hai un sacco di cazzi da succhiare."
"Per favore, smettila... non posso farlo, per favore signore, io—questa troia ti darà tutto ciò che ho, per favore," implorò Hannah istericamente, seppellendo il viso tra le mani mentre piangeva tristemente.
"Ecco, amico, gira questa cagna", ha ordinato Tank alla banda, mentre si chinava per raccogliere il bastone dal pavimento. "Stupido pezzo di merda ancora non lo capisce."
"No!! Per favore!! Per favore smettila lo farò!! Questa troia lo farà per favore!!” Hannah urlò di orrore, dibattendosi quando tre Fuorilegge si fecero avanti contemporaneamente e la afferrarono.
Hannah ha continuato a implorare freneticamente mentre gli uomini la giravano in modo che il suo culo fosse rivolto a Tank. L'hanno costretta a mettersi a quattro zampe, mentre due di loro le tenevano le gambe divaricate mentre l'altro le teneva le mani bloccate sul pavimento. Hannah sentì la punta del bastone sul suo culo nudo e all'insù e iniziò immediatamente a piagnucolare di puro terrore.
"Devi imparare qual è il tuo posto, troia", disse Tank, alzando il bastone sopra la sua grossa spalla. "Ora preparati, potrebbe farti un po' male."
“Aaaaaagggggghhhhhh!!!” Hannah urlò, dimenandosi per l'agonia mentre l'enorme motociclista infilava il bastone d'acciaio in profondità nel suo tenero culo con tutta la sua forza.
"Questa è una cagna! Ne hai altri quattro, e poi tocca alle tue piccole tette!” urlò Tank, prima di sferrare un altro colpo follemente feroce sulle splendide chiappe di Hannah.
“Nooooo!!! Per favore mi dispiace!!! Starò bene lo giuro!!” strillò Hannah, contorcendosi per l'agonia.
"Due!! E che cazzo ho detto di chiamarti 'io' troia?!” Tank ruggì, frustando furiosamente le natiche dell'asiatico una terza volta.
“Aaaaooowwww!! Questa troia è dispiaciuta!! Per favore, questa troia è così dispiaciuta!!!” Hannah implorò miseramente.
Quando l'enorme fuorilegge le ha strappato di nuovo il bastone nel culo, Hannah ha lanciato un urlo penetrante e ha iniziato a piangere in modo incontrollabile. Non poteva più sopportare questo abuso. Il suo culo era estremamente crudo per la prima botta, e ora sembrava che la pelle venisse effettivamente strappata via ad ogni colpo in più. Il dolore era così atroce che pensava che sarebbe svenuta. Il gigante pazzo la stava picchiando più forte che poteva con l'asta di metallo, e Hannah non riusciva a credere quanto fosse follemente sadico.
"Un'altra puttana!" Serbatoio dichiarato.
Hannah gemette in totale agonia mentre il motociclista le infliggeva un ultimo terribile colpo alle guance. La carne sul suo culo era ora ricoperta da molti lividi lunghi ed estremamente gravi, e molti di loro stavano persino iniziando a perdere un po' di sangue. Il culo di Hannah sembrava quasi che avesse appena sopportato una fustigazione stile Singapore, e certamente si sentiva così per il povero asiatico.
"Okay, gira la piccola troia", disse Tank, dopo aver ammirato per un momento il culo infiammato e coperto di lividi di Hannah.
"Per favore, smettila!!" Hannah implorò i motociclisti sadici, mentre la giravano e la costringevano a inginocchiarsi davanti a Tank.
"Tieni fuori le tette", disse Tank ai due uomini che tenevano le braccia di Hannah.
Hannah tremava di paura e cercava con tutte le sue forze di scappare dagli uomini, ma la loro presa era salda e lei riusciva a malapena a muoversi di un centimetro. Spinsero le sue spalle in avanti in modo che i suoi seni fossero spinti fuori, rendendoli un bersaglio molto invitante per Tank. Sorrise alle piccole tette sode prima di alzare il braccio indietro e colpire ferocemente il bastone attraverso entrambi i monticelli.
“Aaaaiiiieeeeggggghhhh!!!” Hannah urlò di tortura, mentre la frusta si posava perfettamente su uno dei suoi capezzoli.
"Quello è uno! Pregami di colpire le tue tette, troia! Cazzo, implora!" Tank ruggì, tirando indietro il braccio ancora una volta.
"No!! Per favore, smettila!!!” gridò Hannah, guardando il Fuorilegge in completo terrore.
“Implorami di battere le tue tette puttana! O farò dieci colpi invece di cinque!” Serbatoio avvertito.
"Oh Dio... ehm... per favore... per favore batti le tette di questa troia... signore", chiese Hannah, a malapena in grado di pronunciare le parole.
"Con piacere, troia", rispose Tank, prima di strappare felicemente il bastone nel petto in fiamme di Hannah.
“Aaaooowww!! Pleeeassssse!!” Hannah urlò di agonia.
"Continua a mendicare puttana!" ordinò Tank, tirando indietro lo strumento d'acciaio ancora una volta.
"Per favore, batti le tette di questa troia!" gridò Hannah, chiudendo gli occhi mentre aspettava un'altra atroce frustata.
"Sì! Guarda quelle piccole tette che ballano!” Uno dei motociclisti rise, mentre Tank picchiava brutalmente le tette di Hannah due volte in rapida successione.
"Prega puttana!" Tank ordinò ancora una volta.
“Per favore batti le mie tette! Per favore, batti le tette di questa troia!” Hannah urlò miseramente.
Tank fendette furiosamente il bastone nel petto dell'asiatico un'ultima volta, suscitando un gemito agonizzante dalla ragazza. Hannah stava piangendo deplorevolmente e tutto il suo corpo tremava per il dolore e l'orrore. La pelle dei suoi piccoli seni rotondi era ricoperta di terribili lividi e sembrava proprio come il suo culo ora.
"Ora sei pronto per essere una brava puttanella?" chiese Tank all'asiatico inginocchiato e piangente. "O devo iniziare a farti sanguinare?"
"Sì... questa troia... questa troia sarà brava", singhiozzò Hannah.
"Allora mettiti al lavoro stronza, inizia a succhiare i cazzi di questi ragazzi, non fermarti finché non li hai succhiati tutti quanti", ordinò Tank. "E ricordati che li implori di succhiare i loro cazzi, come una brava puttanella."
Ancora singhiozzando, Hannah si avvicinò al primo uomo che vide. Era uno dei motociclisti di ieri sera. Era molto grasso e peloso e Hannah ricordava quanto puzzasse. Il pensiero di assaggiare il suo cazzo era troppo orribile per essere espresso a parole, ma lei si convinse a passare allo sciatto e si inginocchiò davanti a lui come una schiava.
"Può questa troia succhiare il tuo cazzo, signore?" chiese Hannah, fissando con disonore il pavimento.
"Sì, puoi fare la puttana", ha risposto il motociclista sporco, spingendo felicemente i pantaloni e i boxer sul pavimento. "E puoi anche ingoiare il mio sperma."
Hannah gemette cupamente mentre si allungava in avanti e prendeva il cazzo completamente eretto dell'uomo con le mani. Avvolse le labbra intorno alla testa bulbosa e iniziò a pompare la bocca avanti e indietro lungo il pene carnoso. L'espressione di puro disgusto sul suo viso rivelava quanto fosse acido e putrido l'asta e quanto fosse difficile per lei concentrarsi sul pompino.
"Dio cazzo sì", gemette il fuorilegge sovrappeso, afferrando la testa di Hannah e spingendo il suo cazzo avanti e indietro tra le sue mascelle tese.
L'uomo dura solo un paio di minuti, ma sono stati un paio di minuti brutali per Hannah poiché è stata costretta a prendere costantemente quasi tutto il suo cazzo nella sua gola. Ha imbavagliato innumerevoli volte sul pene mentre lui continuava a ficcarglielo in gola e tenerlo lì fino a quando non era sul punto di svenire. Era uno dei più orrendi tipi di tortura immaginabili e Hannah implorò disperatamente pietà durante l'intero calvario. Quando finalmente sentì il cazzo dell'uomo che iniziava a contrarsi nella sua bocca, quasi lo accolse.
"Sì! Cazzo sì! Eccoci puttana!” esclamò il motociclista, spingendo il suo cazzo in profondità nella bocca di Hannah prima che iniziasse a venire.
Hannah chiuse gli occhi e rabbrividì di repulsione quando un fiume di sperma sgorgò nella sua bocca. Poiché il cazzo è stato sepolto così lontano, il seme sporco veniva praticamente scaricato direttamente nella sua gola, quindi è stata costretta a ingoiare il carico in sorsi veloci piuttosto che lasciarlo ristagnare nella sua bocca. Lei gemette miseramente ma continuò a ingoiare lo sperma dell'uomo come una brava puttana. Poteva sentirlo grugnire di piacere animale e desiderava così tanto ucciderlo, insieme al resto dei motociclisti.
"Questa è una brava puttanella, ecco, ingoia fino all'ultima goccia, piccola puttana sporca", ha dichiarato il motociclista orribilmente grasso, mentre ha finito di depositare tutto il suo sperma nella gola di Hannah.
Quando ha finito ha tirato fuori il suo cazzo dalla bocca dell'asiatico e si è congratulato con lei per il lavoro ben fatto prima di schiaffeggiarla in faccia. Hannah seppellì il viso tra le mani e iniziò a singhiozzare miseramente. Non riusciva ancora a credere che tutto questo le stesse realmente accadendo, era peggio di qualsiasi incubo che avrebbe mai potuto immaginare.
"Andiamo a puttane, metti un altro cazzo in quella bocca adesso", ordinò Tank, dopo aver dato all'asiatico un minuto per piangere.
Hannah stava per iniziare a implorare Tank ma si fermò quando si ricordò del bastone d'acciaio. Si avvicinò strisciando all'uomo più vicino e si inginocchiò davanti a lui. Guardò il pavimento in completa desolazione e ripeté le stesse terribili parole.
"Questa troia può succhiare il tuo cazzo, signore?"
"Certo stronzo, puoi succhiarlo", rispose il muscoloso Fuorilegge. "Non preoccuparti di ingoiare il mio sperma però, sparerò su tutto quel tuo bel faccino."
Hannah sentì il suo stomaco rivoltarsi alle parole dell'uomo, ma rispettosamente prese il suo grosso cazzo e lo seppellì tra le sue labbra. Ha subito iniziato a succhiarlo con passione, sperando che lo soddisfacesse e gli impedisse di ingoiarla. Quelle speranze sono state deluse, tuttavia, quando ha afferrato rapidamente una ciocca dei suoi capelli e ha iniziato a sbatterle il viso con cattiveria contro il suo pene duro come la roccia.
Hannah batté i suoi piccoli pugni contro i fianchi dell'uomo mentre lui le scopava la bocca nello stesso modo brutale di Tank e dell'altro grasso motociclista. Il suo cazzo era grande quasi quanto quello di Tank e ogni volta che glielo ficcava in gola il piccolo asiatico vomitava orribilmente. Poi si tirò fuori e le diede solo pochi secondi per riprendersi prima di immergere la sua enorme asta di nuovo tra le sue labbra.
"Esatto, piccola puttana", disse il fuorilegge con disprezzo, mentre strattonava la testa di Hannah avanti e indietro lungo il suo cazzo. "Questo è ciò per cui sei stato creato, l'unica fottuta cosa per cui sei bravo."
La vista di Hannah era offuscata mentre nuove lacrime scorrevano dai suoi morbidi, grandi occhi marroni. Il suo viso era rosso e stava iniziando a sentirsi stordita per la costante mancanza di ossigeno. Stava lentamente imparando a sopprimere il riflesso del vomito e a far entrare più cazzo dell'uomo nella sua gola. Tuttavia, con il modo in cui lo stava sbattendo violentemente nella sua bocca, non poteva evitare di soffocare con l'asta.
Dopo qualche altro minuto del terribile pompino, il Fuorilegge iniziò a urlare di piacere e anticipazione. Hannah poteva sentire il suo cazzo iniziare a contrarsi e sapeva cosa stava per succedere. Si è dimenticata della sua promessa prima e si è preparata per lo scarico di sperma in bocca. Lei ansimò per lo shock, quindi, quando all'improvviso si tirò fuori e fece esplodere un'enorme quantità di sperma direttamente sui suoi occhi.
“Niente stronza! Tieni giù quelle mani!” Il motociclista ruggì, mentre Hannah cercava istintivamente di proteggersi con le braccia.
Hannah piagnucolò tristemente ma mise le mani lungo i fianchi. Chiuse gli occhi e pianse di assoluta infelicità quando l'enorme motociclista iniziò a spararle il suo sperma su tutto il viso. Poteva sentirlo grugnire di gioia selvaggia e avrebbe voluto urlare così tanto. Ci volle tutto il suo autocontrollo per rimanere immobile mentre lui le dipingeva il viso con il suo sperma caldo e appiccicoso. Quando ebbe finito, la faccia di Hannah era quasi completamente ricoperta di sperma e sembrava davvero una puttana vergognosa.
"Guardati", ha dichiarato il motociclista disgustato, mentre fissava l'asiatico piangente. “Non sei altro che un pezzo di merda puttana. Smettila di piangere puttana, so che ti stai divertendo".
"Andiamo puttana, inizia a succhiare", ordinò Tank, mentre Hannah rimaneva in ginocchio e si asciugava lo sperma viscido dai suoi occhi.
Piagnucolando in totale dolore, Hannah si tolse tutto lo sperma dal viso che poteva, quindi si spostò con riluttanza al successivo motociclista che vide. Aveva già il suo enorme cazzo fuori e lo stava accarezzando mentre le sorrideva. Hannah lo riconobbe come uno dei due fuorilegge che l'avevano tenuta in aria e l'avevano brutalmente scopata la mattina presto. Sembrava un completo maniaco e Hannah rabbrividì di paura mentre si inginocchiava davanti a lui.
"Posso ... questa troia può succhiare il tuo cazzo, signore?" chiese piano Hannah.
"Sicuramente puoi troia", rispose il gigante fuorilegge, stringendo la testa di Hannah con una mano mentre guidava il suo cazzo alle sue labbra con l'altra.
In pochi secondi Hannah stava vomitando orrendamente mentre il motociclista iniziava a sbatterle il cazzo in bocca e in gola. Gli ci sono voluti quasi dieci minuti per raggiungere l'orgasmo, e non si è fermato per tutto il tempo mentre scopava violentemente la faccia dell'asiatico. Per Hannah è stato il pompino più estenuante e brutale di sempre. Quando ha finito di depositare il suo sperma in gola, lei non ha avuto quasi tregua ed è stata costretta a succhiare un altro cazzo.
E così via, mentre Hannah serviva con la bocca un motociclista dopo l'altro. Passò più di un'ora quando fece esplodere altri otto fuorilegge. Cinque di loro hanno drenato il loro sperma nella sua gola e nella sua pancia mentre gli altri tre hanno deciso di sborrarle su tutto il viso. Hannah ha vomitato due volte durante il calvario, una volta da un motociclista estremamente crudele che aveva tenuto il suo cazzo infilato nella sua gola praticamente senza sosta, e un'altra volta dopo aver ingoiato il terzo carico di sperma.
"Per favore!! Non ce la faccio—questa troia non ne può più!!!” Hannah implorò, dopo aver trangugiato lo sperma di un altro motociclista.
Finora l'asiatica aveva servito dodici fuorilegge in totale, e lei era solo a metà del suo lavoro. Hannah aveva anche ingoiato otto diversi carichi di sperma, e la sensazione assolutamente putrida di tutto quello sperma dentro di lei le fece rivoltare lo stomaco. Mentre guardava l'orda di motociclisti ancora in attesa del loro pompino, il corpo di Hannah si accasciò per la disperazione e non aveva idea di come avrebbe finito il suo compito.
"Riporta il culo al lavoro, puttana", l'avvertì Tank, picchiettando il bastone d'acciaio contro la testa della ragazza. "Oppure giuro su Dio che spacco via la pelle da quelle belle tette."
Hannah piagnucolò disperatamente e strisciò verso un altro dei grossi motociclisti tatuati. Ripeté la stessa linea che era stata profondamente incisa nel suo cervello a questo punto, chiedendo educatamente se poteva succhiargli il cazzo. Lui accettò di buon grado, ovviamente, e lei impiegò diversi minuti a succhiarglielo prima che depositasse il suo sperma in gola. Tank le ha dato circa 30 secondi per riprendersi prima di ordinarle di riprendere i suoi doveri.
Ci sono volute quasi altre due ore, ma alla fine Hannah ha trovato in qualche modo un modo per succhiare tutti i cazzi dei motociclisti. Quando ebbe completamente finito, 18 fuorilegge avevano scaricato il loro sperma nella sua pancia e altri sette le avevano eiaculato in faccia. I suoi lunghi capelli scuri erano arruffati da spesse linee di sperma e torrenti di sostanza appiccicosa erano spalmati su tutto il suo bel viso. La mascella di Hannah sembrava slogata dai pompini feroci e si sentiva come se stesse per morire per quanto sperma aveva consumato.
"Congratulazioni sgualdrina, sapevo che potevi farcela", ha applaudito Tank, mettendosi di fronte all'asiatico singhiozzante. “Penso che ti sia guadagnato una piccola pausa. Fatti una doccia e ti prenderemo qualcosa da mangiare, puttana, ma poi si torna alla fottuta ora».
Hannah era completamente stanca e ha dovuto essere portata fuori dalla stanza da due dei motociclisti. L'hanno portata in bagno e l'hanno messa dentro la vasca prima di aprire la doccia e andarsene. Hannah rimase in ginocchio e pianse in totale disperazione mentre l'acqua calda le cadeva sul corpo. La sensazione di bruciore sul suo culo battuto e sulle sue tette era insopportabile e dovette abbassare la temperatura. Anche adesso non riusciva ancora a capire come stesse realmente accadendo tutto questo, e pensò a quanto dovevano essere preoccupati i suoi amici a Cabo a quel punto. Il pensiero che non avrebbe mai più rivisto loro, la sua famiglia o il suo ragazzo le attraversò la mente, e iniziò a piangere più forte.
"Andiamo stronza", ordinò uno dei motociclisti, sorprendendo Hannah mentre scostava la tenda della doccia e le afferrava il braccio.
“Per favore, aspetta, solo un altro po' per favore,” chiese Hannah, cercando di liberarsi dall'omone mentre la tirava fuori dalla vasca.
Hannah implorò freneticamente il fuorilegge mentre la trascinava fuori dal bagno. Era come se fosse stata dentro la doccia solo per un paio di minuti e fosse riuscita a malapena a pulirsi. Anche se si era lavata via tutto lo sperma dal viso, poteva ancora sentire un po' del disgustoso sperma nei suoi capelli. Le sue suppliche sono cadute nel vuoto, tuttavia, quando il motociclista l'ha trascinata nel salotto adiacente dove gli altri uomini l'aspettavano. La costrinse a sedersi a un grande tavolo di legno prima che Tank si avvicinasse.
"Ora di cena puttana", annunciò l'uomo, mentre metteva un altro piatto di avanzi di spazzatura davanti all'asiatico. “Eat up bitch, you’ll need the energy, you got another long night ahead of you.”
Hannah stared at the plate of nasty, half-eaten food and felt her stomach turn. There were various pieces of steak and ribs that had been already chewed as well as a big pile of soggy salad that had also been recycled. Even though she’d barely eaten anything earlier, Hannah could not bear the thought of consuming this utter crap.
“I said eat your dinner slut,” Tank ordered, tapping the steel cane on the table. “Or do I need to remind you what happens when you don’t listen?”
Hannah quickly grabbed the fork next to the plate of food and began eating the disgusting remains. Every single bite she took was intolerable, and it took her nearly half an hour to finish the meal. The men were nice enough to also give her a glass of water, and she gulped down the entire thing as soon as she was done with the food. She then sat nervously at the table, with her hands in her lap as she waited for what was going to happen next.
“Well, what do you say?” Tank asked, taking the plate away. “Thank us for that wonderful meal slut. Say it.”
“Thank you for the…for the wonderful meal, sir,” Hannah replied.
“No problem whore,” Tank said. “I think that was a long enough break, don’t you? You ready for another round with us bitch? I know these boys are just dying to fuck your tight little ass again.”
“Please no, please stop, I can’t—this slut can’t take anymore, this slut is so tired, please sir,” Hannah pleaded.
“Get over here slut,” Tank commanded, as he stood near the other side of the room.
“No cunt, on your hands and knees, I want you to crawl over here like the bitch you are,” the cruel biker clarified, as Hannah began walking toward him.
Hannah wiped the tears that were starting to flow again and got down on all fours. She slowly began crawling over to the giant Outlaw. She could feel herself blushing in shame as the other men stood by and watched her, making vulgar comments about her body. She could feel her ass swaying from side to side and knew how much it was turning all of the bikers on.
“I want you to beg us like you did last time, except now you’re gonna beg us to fuck you and cum in your body,” Tank instructed.
“Please, this whore is so tired…please just give me a break,” Hannah beseeched the man, as she looked up at him in agitation.
“This is your last warning slut,” Tank said, as he grabbed the steel cane from the floor. “If you complain even one more time it’s gonna be ten hits on your ass and tits. When I tell you to do something you fucking do it whore, no complaining or bitching. Now beg.”
“Can this slut…can you fuck this slut…and cum in her body?” Hannah asked after several seconds, as she barely managed to get out the words.
“Yeah I’ll fuck you whore, it’s all you’re good for anyway,” Tank replied, as he began unbuckling his jeans. “Get on the bed slut, on your back and spread those legs real wide.”
Hannah was crying dreadfully as she slowly crawled over to the large mattress and climbed onto it. She rolled over onto her back and parted her legs. She could see the huge biker walking menacingly towards her while he massaged his cock with his hand. She whimpered as he grabbed her ankles and roughly yanked her legs far apart before he positioned himself between them.
“Get ready whore, I’m gonna fuck your tight little pussy,” Tank declared, pressing his massive cock against Hannah’s twat.
Hannah squealed in pain as the biker viciously rammed into her, stuffing her sore vagina with his meaty shaft. Tank grabbed the girl’s flailing arms and quickly pinned them to the mattress. He was crushing Hannah beneath his large frame and could feel her desperately struggling to free herself as he began pounding into her pussy.
“Aaaauuuhhhh!!!” Hannah screamed, wrapping her skinny legs around the man’s hips as he brutally fucked her.
“Yeah bitch, wrap those legs around me! Beg me to fuck you whore!” Tank bellowed.
“Please stop!! Please!!!” Hannah wailed, as the huge biker fucked her will all his might.
“Beg me to fuck you slut!! Now!!” Tank demanded angrily.
“Please—please fuck me!! Please fuck this slut!!!” Hannah screamed wretchedly.
Despite her words, Hannah continued to struggle feverishly as Tank hammered away at her aching pussy. He held her wrists against the bed for several minutes while he used his big, strong hips to rip his cock into her. Finally, when he could not hold off anymore, the biker gave one last thrust and began shooting his seed deep into Hannah’s tight little vagina.
“God please just stop!! Please!!!” Hannah sobbed, writhing around beneath Tank’s massive frame as he pumped her full of cum.
“Thanks bitch, that was nice,” Tank said, before pulling his cock out of the Asian’s cunt.
Hannah screamed in pain as the Outlaw grabbed her hair and roughly dragged her off the bed. He jerked her onto the ground and forced her to get on her hands and knees.
“Let’s go bitch, start begging these boys to fuck you,” Tank commanded. “You got a lot of cocks to pleasure.”
Hannah nearly uttered a plea for mercy but stopped herself just before it escaped from her mouth. She thought about the cane and wisely decided not to beg the man. She crawled over to the closest biker and knelt before him. Hannah could not bear the thought of another rape. She could already feel Tank’s sperm oozing out of her raw, aching pussy.
“Can this whore…can you fuck this whore, sir?” Hannah whimpered in fear.
“Sure I’ll fuck you bitch,” the hulking Outlaw replied, as he grabbed a fistful of Hannah’s hair and dragged her back to the bed.
Hannah whined pitifully as the man bent her over the edge of the mattress and stuffed a dirty pillow beneath her belly. She screamed in pain as he gave her a hard slap across her ass. The skin on her buttocks was still extremely raw and sensitive from the earlier caning, and even touching it was painful.
“Aaauugghhh!! Pleeaaaassee!!!” Hannah shrieked, flailing her legs as the biker viciously smacked her ass several more times.
“Ain’t nothin’ like beating an Asian whore’s ass, ain’t that right fellas?” The cruel biker asked, drawing a round of laughter from the other men.
“Spread those legs whore, I’m coming in through the back bitch,” the Outlaw commanded, as he pulled Hannah’s ass-cheeks apart and lined his cock up with her tiny anus.
“Aaaaaggggghhhhh!!!” Hannah screamed, instantly thrashing around in agony as the huge biker ripped his cock deep into her asshole.
“Yeah bitch! You’re still tight back here! I fucking love it!” The man roared, fiercely slapping Hannah’s ass a few more times.
“Please no!! Don’t hit me please!!!” Hannah begged miserably.
Hannah squealed in torture as the Outlaw grabbed her hips and slammed more of his huge dick inside her ass. He quickly gave a few more hard thrusts and just like that, his entire cock was stuffed inside her rectum. Hannah began screaming at the top of her lungs as the cruel giant then began pounding into her asshole with long, powerful strokes. The pain was beyond excruciating and Hannah thought she was going to pass out from it. Her raw, ultra-tender anus literally felt like it was being fucked to shreds.
“Pleeeeaaasssee!!!” Hannah wailed, clutching the sheets with her hands as the Outlaw savagely raped her.
Each time the massive biker slammed into Hannah he yanked back on her hips so that the penetration of her asshole was even more agonizing. He was fucking her so hard that the sound of his hips slamming into Hannah’s ass was audible above the cheering and laughter from all the other men in the room. Each time he drove his cock into her Hannah thought she was going to pass out from the pain.
"Fanculo! I’m cumming bitch!” The biker bellowed, after he’d spent several more minutes hammering Hannah’s anus.
He gave one last thrust and sank every inch of his dick inside Hannah’s ass just before he started ejaculating inside the opening. Hannah groaned in disgust but a huge part of her was grateful that the man was finally finished. She lay still and buried her face into the mattress while the Outlaw finished dumping his sperm inside of her. When he was finished he removed his cock and gave the Asian one last slap on her ass before walking away.
“That bitch’s ass is still tight,” the hairy beast proclaimed to his friends. “I wonder how long it’ll stay that way.”
Tank gave the Asian about a minute as she lay on the bed and wept uncontrollably. She was still bent over the mattress and the bikers all gazed at the trails of semen that were leaking out of her asshole and vagina and down her thighs. After a short moment, Tank walked over and grabbed Hannah’s hair and forced her back onto her hands and knees on the floor.
“Let’s go bitch, that’s only two cocks,” the Outlaw said. “You got a long ways to go before your night is over.”
Hannah lifted her head and looked around the room and felt her heart absolutely sink. Lui aveva ragione. There were close to two dozen bikers sitting around the room waiting to fuck her. The fact that she was going to have to beg all of them to do it was too awful to describe. Hannah had no idea how she was going to survive the night.
“Will you…will you fuck this slut, sir?” Hannah asked, as she crawled over to a nearby Outlaw and addressed him.
“Sure I’ll fuck you, get your ass on that bed bitch,” the tattooed giant commanded, as he removed his pants and boxers.
Hannah miserably crawled back over to the large mattress. She tried to ignore the countless lewd comments the other bikers made about her upturned vagina and asshole. When she got to the bed she pulled herself onto it and laid on the edge with her back to the men, waiting for the next Outlaw to use her.
“Turn around whore, get on your back and spread your fucking legs,” the beast ordered, easily flipping Hannah over onto her back.
Hannah was trembling as she looked up nervously at the huge Outlaw and spread her legs for him. He quickly grabbed her ankles and yanked them far apart before pushing them down and pinning them to the bed above Hannah’s shoulders. Hannah whined dismally as she was forced into the awkward and uncomfortable position. He held her legs down while he probed around with his hips until his cock was pushing against her defenseless vagina.
“Noooooooo!!” Hannah screamed, as the biker violently plunged his cock deep into her sore pussy.
Hannah instantly struggled to escape from the massive brute, but with the way she was bent in half and trapped beneath his hulking frame there was nothing she could do. It took the man just seconds before he started hammering away at her vagina. Hannah screamed in anguish as he slammed his cock down into her, using all of his weight to drill it as far into her sex as possible.
“God this bitch is still tight,” the Outlaw groaned blissfully as he continued to pound the small Asian.
The huge biker gazed down at Hannah as she screamed and wept miserably and simply loved it. Like the rest of the Outlaws, there was just something about watching the little Asian whore suffer that gave him so much joy. It was probably simply the fact that none of them would ever have a chance to fuck and abuse her in any other circumstance. She was so hot and probably had numerous guys pampering her back where she lived. Here, however, she was nothing but a fuck-toy to the biker gang.
“Yeah you got a nice tight pussy still slut,” the Outlaw chuckled, as he looked into Hannah’s anguished eyes. “I hope it stays tight for a long time bitch.”
“Please stop!! Please not so hard!!” Hannah squealed, gazing up at the man pleadingly as he continued to brutally ram his cock into her.
After about two or three more minutes passed the biker sank his dick into Hannah one last time before proceeding to ejaculate deep inside her cunt. Hannah turned her head to the side and closed her eyes, as she could not stand seeing the man’s depraved face any longer. Once he was finished emptying his sperm into her, the Outlaw let go of Hannah’s ankles and left the mattress.
“Let’s go whore, get back over here now!” Tank shouted, this time not even giving Hannah a minute to recover.
“Please! I’m so—this slut is so tired!” Hannah begged, as she climbed off the mattress and collapsed to her hands and knees.
Despite her suffering, Hannah respectfully crawled back over to Tank and the other Outlaws. She shuddered in disgust as she felt another fresh river of cum seeping out of her gaping pussy. When she finally got to the group of men she knelt before another one of them.
“Can you fuck this slut, sir?” Hannah whispered, looking at the floor in complete despair.
As expected, the burly man gladly accepted Hannah’s offer. He hauled her back over to the bed and bent her over it, and in an instant was fucking her ass hard from behind. He raped her for several minutes, as Hannah wailed and squirmed around in agony the whole time. When he was finished depositing his load inside her anus he gave Hannah a painful slap in the ass before leaving the weeping whore on the mattress.
After a stern warning from Tank Hannah got back on all fours and crawled over to another biker before asking him to fuck her. After he was finished using and abusing her, the process simply repeated itself. Nearly five whole hours elapsed as Hannah was continuously and savagely fucked by one Outlaw after another. Throughout that time she was forced to ask each and every one of them to fuck her, and Hannah had no idea how she made it through the nightmarish struggle.
“Jesus Christ that feels good!” The biker fucking Hannah doggy-style exclaimed, as he drained his sperm inside her badly torn asshole.
He was the 26th and final Outlaw to use her. After he finished emptying his entire load of cum inside Hannah he pulled his cock out and stepped back to admire the girl’s sickeningly damaged anus. The hole was stretched very wide and torrents of sperm and blood were flowing from it. Likewise, her pussy looked just as bad.
Hannah, meanwhile, was sobbing in total misery and shock. Her body was drenched in sweat, some of it from her own exertions and some of it from the filthy bikers. She was so utterly drained, both physically and mentally, that she could not even lift herself off the bed. Her pussy and asshole felt like they’d been literally mangled and ripped completely apart. Both holes had been battered for hours by countless massive cocks and Hannah knew that they would never be the same after tonight.
“Well boys it’s getting late,” Tank declared. “How ‘bout we take this bitch outside and shower her down before calling it a night?”
Right as soon as he finished speaking two Outlaws grabbed Hannah and pulled her limp body off the bed. Hannah moaned in sheer exhaustion and depression as the men carried her out of the room and down the hallway. She was led through a couple more doors and soon found herself in a small yard out near the back of the tavern. She was forced to kneel on the dry grass as Tank stepped in front of her with the cane in his hand.
“How you feeling whore? You having a good night so far?” L'uomo ridacchiò. “I think we’re just about finished with you for tonight. You just got one last thing to do. Tilt your head back and open your mouth, and keep your mouth open until I say different. Right now bitch let’s go.”
Hannah looked up at the man in confusion and fear, but slowly perched her head backwards and opened her mouth wide. As Tank stood in front of her, a few more Outlaws joined him and created a small semicircle around the girl. Hannah could feel the dread in her stomach as she watched the brutes unzip their jeans and pull their cocks out. All five dicks were aimed straight at her face, and Hannah began crying as she realized what was about to happen.
“Remember bitch, you close that mouth even once and it’s gonna be 20 strokes on your tits and ass,” Tank warned grimly.
“Let’s wash this bitch down,” one of the bikers declared, just before unleashing a heavy stream of urine right onto Hannah’s face.
Hannah cried in shock and dismay as the other four Outlaws quickly began pissing all over her face as well. She squeezed her eyes shut just in time to prevent any of the urine from entering. Hannah groaned wretchedly as the men quickly adjusted their aim so that they were all peeing directly into her mouth at the same time. The taste of the piss was simply too terrible to describe, and it took Hannah all of her willpower to remain on her knees with her mouth open. Within seconds, her mouth was completely filled with urine.
“Ah yeah that’s what I call the perfect toilet,” one of the bikers stated, smiling down at the Asian girl while he continued pissing into her mouth.
Hannah was weeping miserably now as torrents of urine overflowed from her mouth down her chin and onto her breasts. She could hear the men laughing and making cruel remarks about how she was a filthy whore and slut. She was beyond mortified and simply could not believe that men this evil could exist in the world.
Hannah was forced to kneel for nearly five minutes as the bikers all used her as a toilet. Whenever one of the Outlaws finished peeing on her, he was quickly replaced with another one. There was never a moment when less than three streams of piss were being dumped into her mouth. It was only a few minutes, but for Hannah, it felt like a century. To have to remain on her knees the entire time while the fiendish men urinated into her mouth was one of the worst tortures imaginable. Eventually, however, the jets of piss dwindled down before ceasing entirely.
“No bitch! Keep that mouth open!” Tank shouted, just as Hannah was about to spit the large pool of urine left in her mouth out. “Swallow it whore! You fucking swallow that piss!”
Hannah whined in horror and frustration. She could not believe how utterly sadistic the man was. It took everything she had to keep her mouth open while the gang had all pissed into it, but the thought of actually drinking the foul urine was just too much for her to handle. She tried to bring herself to swallow it but simply could not, as she remained on her knees and wept dejectedly.
“Last warning bitch, swallow that piss or I’m gonna beat the skin off you,” Tank cautioned the little Asian slut, tapping the steel cane against her glistening tits.
Hannah grumbled in despair but somehow forced herself to down the huge puddle of piss. It took her several gulps but she finally managed to get all of the urine into her belly. As she felt the fluid working its way down her system she nearly puked.
“That’s a good girl,” Tank said in approval, grinning down at the crying Asian.
After a few seconds he turned around and headed back into the bar with the other bikers. Two men quickly grabbed Hannah and towed her back inside as well. She was taken straight to the bathroom and dumped inside the tub.
“Wash up slut, you’re a fucking mess,” one of the Outlaws said, before disappearing out the door with his friend.
Hannah immediately turned on the shower and rubbed her hands back and forth along her face, anxiously cleaning the piss from her skin. She took the bar of soap and cleaned as much of her body as she could with it. Her ass and pussy burned so much from the earlier rapes and she sobbed piteously while the hot water fell onto her. This time the men gave her plenty of time, and she was able to clean herself thoroughly before one of the bikers finally entered and dragged her out of the bathroom.
“Looking fresh bitch,” Tank said, as he grabbed the Asian and led her to the mattress. “I’d fuck you one more time but I figure you’ve had enough for today. I’m a pretty nice guy you know.”
He was the only man left inside the room, and Hannah trembled nervously as he fastened one end of handcuffs on her wrist and the other end onto the metal bed frame. He then shoved Hannah onto the bed and secured one of her ankles the same way. When he was finished Hannah’s right leg and arm were both dangling down the edge of the mattress and tied to the frame below.
“Sweet dreams whore,” Tank said, as he walked to the door and turned off the light. “You got another super fun day tomorrow.”

**I hope you enjoy the story so far. Feel free to email me at [email protected] I would love to hear comments or ideas about the story.**

Storie simili

Storia sexy di partner intimi-01

Questa è una storia del primo sesso con Roji, il suo primo partner intimo. Questa è la storia del mio amico Deepak Kumar. Deepak Kumar è un personaggio importante nella mia storia. Presenta una bella storia della sua vita sessuale in questa storia. La Storia come descritta dal mio carissimo amico Deepak Amici Sono Deepak, sono stato bravo negli studi fino all'età di diciotto anni. Ero uno studente brillante. Fino a quel momento non avevo amici speciali e mi occupavo solo di studio senza altre attività. Sono l'unico figlio dei miei genitori. I miei custodi erano anche servitori maschi. Sebbene mio...

965 I più visti

Likes 0

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

955 I più visti

Likes 1

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

929 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

924 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con April

Ho conosciuto April quando avevo 16 anni. Eravamo insieme nella banda musicale del nostro liceo, aveva la mia stessa età, ma aveva già delle tette enormi. Giuro che dovevano essere almeno DD. Mi bastava solo pensare a loro per potermi masturbare, cosa che a quell'età facevo molto. Eravamo buoni amici, ma non sono mai riuscito a trovare il coraggio di chiederle di uscire. Se avessi le palle lo avrei fatto, non solo perché aveva il miglior portapacchi che abbia mai visto, e non perché il suo culo fosse altrettanto buono, ma davvero perché era l'unica ragazza che abbia mai incontrato che...

900 I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

889 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

866 I più visti

Likes 0

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

821 I più visti

Likes 0

Invadere Parigi - Parte 1

La testa le pulsava. Sembrava che stesse aumentando e diminuendo fisicamente di dimensioni. Non si mosse mentre si svegliava, perché non voleva peggiorare il palpito. Lei, semplicemente, non riusciva a pensare in modo chiaro. Le è servito tutto il suo sforzo per ricordare che era stata fuori tutta la notte scorsa, non importava i dettagli, ma anche con quello, era certa di non aver fatto nulla per meritarsi una sbornia di questa portata. Man mano che diventava più consapevole di se stessa, si rese conto che era seduta. Alzò la testa e fu allora che si rese conto che non era...

851 I più visti

Likes 0

Parkview alto

La Parkview High School era una normale scuola superiore. Tutto quello che ti aspetteresti in questi giorni. Ma stava per esserci una storia diversa con questo liceo. Jack era uno studente normale lì. Aveva quindici anni e stava appena iniziando a conoscere l'ambiente e tutto il resto. Non aveva pensato molto alle ragazze fino a quel giorno. Era il giorno in cui aveva visto quelle ragazze. Naturalmente, nessuno sospetterebbe a prima vista quando li guardava. Sembravano proprio come qualsiasi altra ragazza adolescente. Era un gruppo di tre ragazze che sono al centro di questa storia. La prima ragazza è stata Susan...

759 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.