La nuova vita di Vanessa, parte 12

221Report
La nuova vita di Vanessa, parte 12

Questa è la parte 12 del mio diario. Ho iniziato a scriverlo quando ho preso la decisione coraggiosa di cambiare la mia vita. Lasciai la mia monotona esistenza nel Galles del Nord e andai a lavorare come governante per un uomo nell'East Midlands dell'Inghilterra. È una decisione di cui non mi pentirò mai. Non sono mai stato così felice e non ho mai avuto così tanto piacere.

Vanessa

Sabato 31 luglio

Una mattinata impegnativa ed ero felice quando era ora di pranzo. Debbie ed io abbiamo fatto la stessa pausa pranzo, quindi siamo andati al bar in fondo alla strada. Ha chiesto di nuovo se le avrei rimosso definitivamente i peli pubici. Ho detto di sì e le ho ricordato di essere a casa nostra presto il lunedì mattina. Debbie mi ha detto che aveva risparmiato per comprarsi un'auto e sarebbe stata contenta di non dover fare affidamento sugli autobus. Ha detto che aveva appena ottenuto abbastanza soldi in base allo sconto che poteva ottenere con il suo "potere di figa". Le ho detto che avrei voluto aiutarla in questo e le ho detto che "Due fighe sono meglio di una". Mentre ridevamo per questo, una delle altre ragazze del salone si è unita a noi, quindi la conversazione è diventata noiosa.

A metà pomeriggio il manager mi ha chiesto di fare la ceretta alle gambe di una donna. Sembrava leggermente più grande di me e mentre salivamo al piano di sopra mi chiese a bassa voce se potevo tagliarle i capelli "laggiù". All'inizio non mi rendevo conto di cosa volesse e le dissi semplicemente: "Sì, certo, nessun problema". È stato solo quando ha sollevato la gonna e si è tolta le mutande che ho capito cosa intendeva.

Si sedette sulla sedia reclinabile con le gambe alzate in attesa che sistemassi le strisce di cera. Mentre stavo "facendo" le sue gambe, mi raccontava tutto del nuovo amore della sua vita. Quando ebbi finito le sue gambe, mi disse che voleva essere lasciata solo con una forma a cuore di peli pubici corti con la parte inferiore del cuore che iniziava nella parte superiore della sua fessura. Mentre me lo diceva, aprì le gambe e "disegnava" la forma del cuore con un dito. Ho pensato di tagliare via la maggior parte del suo cespuglio marrone scuro e poi usare una matita per eyeliner per segnare il cuore sulla sua pelle.

Diceva tutto il tempo che le stavo tagliando i capelli, ma la maggior parte di quello che diceva non aveva alcun senso. Immagino che fosse nervosa. Mi ci sono voluti solo pochi minuti per eseguire il taglio, ma quando ho finito le sue labbra della figa erano gonfie e aperte e i suoi succhi stavano iniziando a fuoriuscire. Sembrava un po' imbarazzata, quindi ho detto: "Sai, a questo punto molte donne hanno avuto il loro primo orgasmo". Questo sembrava farla rilassare un po', ma quell'aroma caratteristico della figa di una donna stava riempiendo la stanza. Ha sussultato un po' quando la matita dell'eyeliner ha toccato la sua pelle, ma si è sistemata quando eravamo d'accordo sulla forma e la dimensione del cuore.

Poi è arrivata la parte dolorosa quando ho preso un paio di strisce di cera e le ho messe su entrambi i lati delle labbra della sua figa. Non le ho chiesto se era pronta, l'ho fatto e basta. Ha urlato mentre strappavo il primo. Ero in piedi accanto a lei e non appena il primo è stato tolto la sua mano ha girato intorno alla mia gamba e su per il mio vestito. Stava aspettando che il secondo si staccasse e mentre lo faceva la sua mano salì all'interno della mia coscia e l'afferrò appena sotto la mia figa. Quella seconda striscia ha perso qualche capello e le ho detto che sarei tornato da loro.

I successivi 2 erano ai lati del cuore ed erano facili da fare. Poco prima che ognuno si staccasse, la sua mano iniziò a spingersi contro la mia figa. A quel punto penso che la mia figa fosse bagnata come la sua. Quando erano fuori, dovevo andare al tavolo per prendere delle strisce in più. Mi sono allontanato da lei e lei mi ha lasciato andare, ma mentre si stava lasciando andare la pressione ha fatto sì che le 2 chiusure inferiori del mio vestito si slacciassero e per un secondo poté vedere che ero nuda sotto il vestito. Lei sorrise e disse: "Pensavo di sì".

Eravamo soli lì dentro con la porta chiusa, quindi non mi sono preoccupato di allacciare il vestito e quando sono tornato da lei per fare la parte superiore del cuore, la sua mano è andata dritta sul mio vestito e si è girata verso la mia figa. Mentre stavo tagliando delicatamente la striscia di cera nella forma giusta, la sua mano stava giocando con la mia figa. Quando ho tolto quella fascia superiore, un dito mi è entrato dentro e lei è venuta. Rabbrividì e gemette per secoli mentre il suo dito spingeva forte dentro di me. Fui felice quando il suo orgasmo iniziò a diminuire mentre cominciava a farmi male.

C'era solo un'altra striscia da rimuovere per rimuovere i pochi peli ostinati sul lato sinistro della sua figa. Era così bagnata che ho dovuto asciugarla con un fazzoletto prima di mettere la striscia. Quando si staccò, il suo dito mi colpì di nuovo. Sono sicuro che se ci fosse stato altro da fare, avrei anche sborrato.

Dopo di che c'era solo l'ultima rifilatura del cuore da fare e poi l'ispezione. Mentre stavo tenendo lo specchio per farle vedere se stessa, ha detto: "Guardami, sembro che Ken sia appena venuto dentro di me e sta iniziando a fuoriuscire". "Sembri perfettamente normale per me." Ho detto. Poi ha detto: "Non ho potuto fare a meno di notare che hai il piercing alle labbra, ti dispiacerebbe se avessi dato un'occhiata, Ken me ne ha parlato e mi piacerebbe vedere come sarei. " Non mi importava, quindi ho tirato indietro i lati del vestito per mostrarla. Non stavo pensando a quanta pressione fosse necessaria e il resto dei bottoni a pressione si è aperto e sono rimasto a mostrare l'intera parte anteriore del mio corpo nudo. Quando ha detto: "Che aspetto ha da sotto", ho aperto le gambe. Scese dalla sedia, si mise di fronte a me e mi mise una mano sul pube con le dita premute nel mio buco spingendo dentro anche parte della catena, e disse; "Molto bello, scommetto che il tuo ragazzo lo adora." "Lui fa." dissi, e indietreggiai.

C'era qualcosa in lei che non mi piaceva molto, non so cosa, ma non le avrei permesso di fare per me più di quanto fosse necessario per portare a termine il mio lavoro. So che stavo diventando un po' eccitato sessualmente per questo, ma semplicemente non mi sentivo bene. Mi sono allacciato il vestito mentre si metteva le mutande e lei mi ha seguito giù per le scale. Quando le ho dato il resto alla cassa, mi ha dato una mancia di £ 10 e ha detto: "Grazie, sei stato meraviglioso".

Dopo non è successo niente e Jon è venuto a prendermi alle 5 e mi ha portato a casa.

Jon non aveva voglia di uscire quella sera, quindi abbiamo passato una notte tranquilla davanti alla TV.

domenica 1 agosto

Una giornata noiosa, non è successo niente di eccitante. Jon ha trascorso la maggior parte della giornata guardando le corse automobilistiche o lavorando sul suo PC mentre prendevo un po' di sole.

Settimana che inizia il 3 agosto

Lunedì - Debbie ci ha sorpreso arrivando poco prima che Jon partisse per andare al lavoro. Jon la salutò alla porta dicendo: "Sei entusiasta, vero, non vedo l'ora di liberarti di tutti quegli orribili capelli allora." Debbie sembrava un po' imbarazzata mentre Jon si salutava e se ne andava. Abbiamo fatto colazione e poi ho detto: "Dai allora ragazza, toglili". Abbiamo riso entrambi quando Debbie si è tolta il top e la gonna. Non indossava biancheria intima. Il no reggiseno era ovvio ma con una gonna ampia non è mai facile dirlo.

Debbie ora era nuda come me e l'ho invitata a venire a dare un'occhiata alla stanza della punizione mentre tiravo fuori la macchina per la depilazione Sonique. Quando Debbie vide per la prima volta cosa c'era nella stanza della punizione, si fermò di colpo e disse: "Che diavolo è tutto questo?" Le ho spiegato tutto ma lei ha detto che non riusciva a capire come funzionava la "macchina del cazzo". Le ho detto che l'avrei garantito e che glielo avrei mostrato in azione dopo che ci fossimo sbarazzati di tutti quei capelli. Come ho detto, ho passato leggermente le dita sui suoi peli pubici. La domanda successiva era dove avremmo eseguito l'operazione. Ho suggerito di uscire sull'erba, ma Debbie ha detto che era un po' "fresco" per lei a quell'ora del mattino, quindi abbiamo optato per il giardino d'inverno. Ho preso un sacco di cuscini e li ho messi a terra per lei. Debbie aveva tagliato il pube in modo che fossero tutti lunghi circa un quarto di pollice, il che mi ha reso più facile. Ho suggerito di iniziare con i peli all'interno e intorno alle sue labbra dicendo che volevo toglierli prima che si bagnasse troppo. Debbie ha detto che non si sarebbe bagnata, ma io ho solo detto: "Lo farai ragazza".

Devo dire che mi ci è voluto molto più tempo per vedere e annusare i suoi succhi di quanto pensassi. Era passata circa un'ora, poco prima che fossi pronto per una pausa. Debbie ha una bella figa, anche se non un clitoride molto grande e solo per farle sapere che sapevo che si stava "riscaldando", ho rapidamente infilato un dito dentro e poi fuori dal suo buco e poi ho detto: "Te l'avevo detto, forza, prendiamoci un caffè". Debbie aveva sussultato un po' quando il mio dito le era andato dentro e poi sembrava un po' imbarazzata quando ci siamo alzati e siamo andati in cucina. Non se ne è parlato davanti al caffè, ma quando è tornata sul pavimento e ha allargato le gambe ho potuto vedere che la sua chimica naturale aveva preso il sopravvento e tutte le labbra della sua figa erano molto bagnate.

Quando ho ricominciato con la macchina, le ho raccontato tutto del mio ultimo viaggio dal dottore quando c'erano stati un paio di studenti dottori lì e io ero sborrata nel bel mezzo dell'esame. Debbie (e io) ne ridevamo ma allo stesso tempo la sua figa si stava bagnando.

Entro la tarda mattinata le avevo quasi sistemato tutte le labbra e avevo fatto parte della parte anteriore. Avevo la schiena dolorante e avevo bisogno di una pausa, quindi siamo andati a fare una passeggiata in giardino e poi siamo saliti in camera di punizione. Debbie ha chiesto da dove ha preso il nome, quindi sono salito sulla "T da frusta" e mi sono messo nella posizione in cui mi trovavo spesso. Debbie ha detto che la parte della "macchina del cazzo" ora aveva più senso ma che non l'avrebbe mai permesso a nessuno picchiarla così. Non riusciva a capire quando cercavo di spiegare che sebbene il dolore fosse forte, mi sintonizzava davvero e che spesso avevo un orgasmo solo attraverso il dolore. Quando ha detto che ancora non riusciva a capire, mi sono offerta di lasciarla guardare la prossima volta che Jon mi ha punito. Le ho detto che ero sicuro che a Jon non sarebbe importato, ma lei non ne era sicura. Siamo tornati giù al giardino d'inverno per ricominciare, ma faceva così caldo lì dentro che Debbie ha chiesto se potevamo trasferirci nel patio.

Eravamo lì da circa un'ora quando ho sentito aprire il cancello laterale. Trevor era venuto a tagliare l'erba. Debbie fu sorpresa e cercò di alzarsi finché non le dissi che era solo un giovane che era venuto a tagliare l'erba. Penso che il suo stato di eccitazione sessuale avesse un po' a che fare con questo e si è rapidamente rilassata quando le ho raccontato delle volte in cui Trevor mi aveva visto nudo e forse fatto delle cose al mio corpo senza che io sapessi chi le stesse facendo. Debbie ha detto che ho avuto una vita fantastica.

Trevor è andato avanti con il suo lavoro e io con il mio. Ci sono state pochissime conversazioni con Trevor (probabilmente perché non riusciva a dire una parola con Debbie e me che continuavamo a parlare) ma ogni volta che lo guardavo sembrava che ci guardasse. Trevor ha impiegato il doppio del tempo per tagliare l'erba rispetto a me, ma ancora una volta cosa ti aspetteresti da un giovane in quella situazione.

Era la metà del pomeriggio quando finalmente ho finito e ho lasciato che Debbie esaminasse la sua figa ormai permanentemente pelata. Ha detto che le ricordava le volte in cui aveva dovuto usare le docce comuni alle scuole medie e c'erano state solo una o due ragazze che avevano i capelli a quel punto. Entrambi abbiamo riso e siamo andati a prendere la bottiglia di martini.

Dopo un paio di drink ho chiesto a Debbie se voleva provare con la "macchina del cazzo". Ha detto che non era sicura, quindi ho detto che prima le avrei mostrato come funzionava e poi l'avrei lasciata decidere. Abbiamo preso i nostri bicchieri e la bottiglia e siamo saliti al piano di sopra. Ho preso un paio di sedie, ho sistemato tutto e acceso il motore. Poi mi sono arrampicato, ho legato i polsi e li ho agganciati alla corda. Le mie braccia andavano su e giù, ma le mie gambe sostenevano il mio peso e tenevo la mia figa sopra il dildo. L'attesa aveva lubrificato la mia figa, quindi non ho avuto problemi mentre mi abbassavo sul dildo mentre guardavo Debbie. Il suo viso era un'immagine di fascino e invidia. Stava già tenendo una mano sulla figa.

Con una corsa in alto ho sollevato i piedi dalle sedie e li ho lasciati penzolare. Il motore ora stava facendo tutto il lavoro e mi stavo solo prendendo il piacere. Non ci volle molto prima che iniziassi a sentire un orgasmo crescere dentro di me e in circa 10 minuti stavo venendo. Mentre mi calmavo, vidi che la mano di Debbie era impegnata a lavorare sulla sua figa.

Ho alzato i piedi sulle sedie e mi sono alzato in modo da essere fuori dal dildo, quindi ho chiesto a Debbie se voleva provarci. "Scommetti!" fu la risposta e lei mi stava aiutando a sciogliere i polsi in pochi secondi. Quando Debbie si è calata sul dildo ha emesso un grande sussulto e ci sono voluti alcuni secondi prima che entrasse nel ritmo della macchina e sollevasse i piedi dalle sedie. Quando l'ha fatto, li ho spostati da parte e le ho detto di rilassarsi e di seguire il flusso.

Non passò molto tempo prima che gemesse e sospirasse e nel giro di circa 5 minuti stava urlando: "Sì, sì!" come è venuta per la prima volta. Mentre si calmava, le chiesi se voleva che rimettessi a posto le sedie in modo che potesse fermarsi. Come lei ha detto è stato: "Non osare!" Proprio mentre stava venendo per la seconda volta Jon varcò la soglia. Non mi ero reso conto di che ora fosse. Non ha perso tempo a dirmi di salire sulla "T frustata" e di legarmi. Debbie stava affrontando la fine della frustata e la mia testa era molto vicina al suo pube calvo mentre andava su e giù. Aveva visto entrare Jon ma non aveva detto niente, immagino che fosse troppo interessata al piacere che le sarebbe importato.

I gemiti di Debbie mi hanno fatto credere che stesse per venire per la terza volta, ma si sono fermati quando Jon ha colpito il primo colpo di bastone. Come ho detto, "Uno, grazie Maestro", Debbie è rimasta in silenzio. Quando sono arrivato a, "Dieci, grazie Maestro" Debbie stava gemendo di nuovo e io mi stavo avvicinando al cumming. Jon ha ottenuto i 3 successivi in ​​modo che l'estremità del bastone si sia girata e mi ha colpito il clitoride (sta diventando molto bravo a farlo). Sono arrivato al tredicesimo colpo e Debbie è arrivata poco dopo.

Jon si è fermato dopo, ha spento il motore con Debbie in posizione abbassata, poi si è abbassato i pantaloni e mi ha scopato da dietro mentre Debbie ci guardava. Dopo aver avuto la sborra, mi ha tirato fuori il cazzo e poi si è tirato su i pantaloni. Debbie rimase in silenzio mentre Jon slacciava le chiusure in velcro e mi lasciava scendere. Sistemai le sedie e aiutai Debbie a sollevarsi. Quando si è alzata in piedi ha detto: "È stato semplicemente fantastico, non ho mai sentito niente del genere prima e non ho mai visto niente del genere prima. Ti è davvero piaciuta quella Vanessa?" "Sono venuto, vero?" dissi.

Debbie ed io siamo andati in bagno a lavarci e poi siamo scesi per raggiungere Jon. Debbie ha preso il top e la gonna e li ha indossati. Come ha detto Jon, "La tua figa pelata sta bene Debbie". Per qualche strana ragione questo l'ha messa in imbarazzo ed è diventata tutta rossa. Ho portato del tè a tutti noi e poi Debbie ha detto che era meglio che se ne andasse, ma non prima di aver chiesto se poteva tornare di nuovo e se l'avremmo aiutata a comprare un'auto. Quando le ho spiegato di cosa stava parlando, Jon ha detto che sarebbe stato felice di dare ad alcune macchine la "riunione" per lei, quindi fare un passo indietro e lasciare che noi ragazze manipoliamo il venditore.

Il resto della settimana non è stato niente di speciale, né il lavoro il venerdì. Il giornalaio è venuto a prendere i soldi giovedì sera, ma mi ha visto nudo così spesso che non fa più niente per me.

Sabato 7 agosto

Sabato non è stato male. Abbiamo chiacchierato con Debbie che ha chiesto se l'avremmo aiutata a comprare un'auto la domenica.

domenica 8 agosto

Jon mi ha portato in palestra e mi ha fatto davvero lavorare sodo. Ho dovuto indossare i miei pantaloncini bianchi in lycra e il top del bikini E le mie palle di Ben Wa. Non passò molto tempo prima che la mia figa si inzuppasse i pantaloncini ed ero felice di non avere peli pubici da mostrare attraverso l'allora quasi trasparente Lycra. Quando si è trattato della ciclocamera, Jon ha impostato la sella abbastanza in alto e ho dovuto scivolare da un lato all'altro su di essa. Proprio mentre stavo crescendo, un giovane di circa 16 o 17 anni è entrato in palestra e ha iniziato ad allenarsi proprio davanti a me. Entro un minuto dall'inizio del ciclo, mi sono reso conto che Ben avrebbe fatto gli straordinari e che non sarebbe passato molto tempo prima che avessi un orgasmo. Ho iniziato a sudare molto di più e non ero sicuro se fosse per l'esercizio o per i miei tentativi di non venire.

Non potevo farne a meno; Emisi un lento gemito che attirò l'attenzione dei giovani. Mi ha chiesto se stavo bene e poi ha continuato a guardarmi dopo che sono riuscito a dire "sì, grazie". L'orgasmo stava arrivando e non c'era niente che potessi fare per fermarlo. Ho provato a pedalare più velocemente per cercare di nascondere il mio tremore mentre iniziavo a sborrare. L'espressione sul mio viso deve essere stata incredibile. Più veloce pedalavo, più venivo. Alla fine ho semplicemente smesso di pedalare e sono crollato sul manubrio senza fiato. Il giovane mi ha chiesto se stavo di nuovo bene. Tutto quello che riuscivo a dire era: "Oh sì".

Quello è stato uno dei migliori orgasmi che abbia mai avuto. Mettermi fuori in quel modo con un giovane in piedi proprio di fronte a me, a guardarmi, mi ha davvero eccitato. Non so se sapeva cosa stava succedendo, ma il rigonfiamento nei suoi pantaloncini mi diceva che gli era piaciuto. Ho deciso che avrei cercato di ricordarmi di indossare Ben ogni volta che andavo in palestra. Quando mi sono calmato, ho guardato Jon che mi stava guardando e sorridendo.

Da lì siamo andati in piscina dove Jon mi ha detto di portare fuori Ben. Non avevo mai pensato di portarli fuori sott'acqua. Non è stato facile come quando mi trovavo sulla terraferma ed è stata una fortuna che c'erano pochissime persone in piscina.

Ero contento dell'acqua fresca anche se mi faceva davvero sporgere i capezzoli. Non siamo rimasti a lungo lì e siamo tornati a casa ad aspettare Debbie. Mentre stavamo guidando verso il primo autosalone le ho parlato della palestra. Non aveva mai sentito parlare delle palle di Ben Wa, quindi Jon ha promesso di comprarle alcune.

Il primo posto in macchina non era molto promettente. In primo luogo non c'erano macchine che piacessero a Debbie e in secondo luogo il venditore era un vecchio a cui né Debbie né io immaginavamo di mostrare le nostre fighe. Avevamo organizzato in modo che io e Debbie entrassimo e ci guardassimo intorno, poi uscissimo e dicessimo a Jon quale macchina le piaceva. Jon quindi entrava e gli dava un'occhiata e poi usciva e ci diceva cosa pensava. Se fosse stato felice, allora saremmo tornati e avremmo iniziato a lavorare sul venditore. Debbie indossava una camicetta ampia e una gonna corta e attillata. Ho indossato il mio ampio vestito di garza. Non un pezzo di biancheria intima tra noi.

Al secondo posto siamo stati fortunati. Era un posto grande e c'erano parecchie macchine che Debbie immaginava. Inoltre, la maggior parte dei venditori aveva vent'anni e ce n'erano alcuni che erano piuttosto disordinati. Mentre ci guardavamo intorno, abbiamo visto alcuni di loro che ci osservavano e 3 di loro si sono avvicinati e ci hanno chiesto se avessimo bisogno di aiuto. Debbie ha finalmente deciso per 2 macchine che le piaceva e siamo andati dove si trovava Jon e gli abbiamo detto quali.

Dieci minuti dopo Jon era tornato dicendo che entrambi gli sembravano a posto, ma ci ha ricordato di chiedere informazioni sulle garanzie. Dopo pochi secondi da quando abbiamo iniziato a guardare una delle auto, uno dei venditori si è avventato. Debbie gli ha chiesto di raccontarci tutto dell'auto mentre noi ascoltavamo e guardavamo.

Debbie è stata la prima a mostrargli le tette mentre si chinava a guardare il motore. Era fermo dall'altra parte della macchina e ho visto i suoi occhi spalancati mentre la camicetta le cadeva dal petto. Mi sono seduto al posto di guida e mi sono aggiustato il vestito mentre lui stava ancora guardando Debbie. Quando si è girato per guardarmi stava fissando la mia figa. Mi ero seduto con le ginocchia aperte in modo che potesse vedere il sacco. Stava borbottando qualcosa e sembrava un po' arrossato in faccia quando Debbie gli ha chiesto se c'era molto spazio per i passeggeri per entrare nel retro (ha solo 2 porte). "Lascia che te lo mostri", disse il venditore mentre si girava al suo fianco e teneva aperta la porta. Debbie si chinò per salire ma rimase metà dentro e metà fuori con lui dietro di lei. Deve aver avuto una fantastica vista ravvicinata della sua figa. Potevo appena vedere una parte di Debbie e potevo vedere il rigonfiamento nei suoi pantaloni.

Dopo quelle che sembravano ore, Debbie alla fine si arrampicò e si lasciò cadere con le gambe al suo fianco e il sedere dall'altro lato. Anche se la sua piccola gonna aderente non si fosse alzata, sarebbe stato in grado di vedere tutta la sua figa. Dato che era salito a cavallo, poteva vedere anche la metà inferiore del suo stomaco nudo. Dopo un paio di secondi Debbie disse: "Non dovrei davvero indossare gonne corte quando mi arrampico sul retro delle macchine, dovrei?" "Oh, non mi sto lamentando", ha detto il venditore. Ho detto: "Nemmeno io". Questo lo fece girare verso di me con un'espressione perplessa sul viso.

"Allora, diamo un'occhiata a quella rossa laggiù." ha detto Debbie.

Mentre seguivamo il venditore, sussurrai a Debbie che era il mio turno di salire sul retro. "Spoil-sport" è stato tutto ciò che ha detto.

Il venditore ha parlato della storia dell'auto o qualcosa del genere, ma non stavo davvero ascoltando.

Nemmeno Debbie lo era e continuavamo a chiedergli cosa fosse un po' o cosa facesse qualcos'altro. Ogni volta ci chinavamo in modo che potesse vedere le nostre parti superiori o le nostre gonne. A un certo punto ho visto che un altro dei venditori era salito nell'auto accanto a noi e stava fingendo di fare qualcosa mentre ci guardava.

Mi sono assicurato che l'altro venditore avesse una buona visuale del mio culo e della mia figa mentre mi mettevo nella parte posteriore. Scommetto che avrebbe avuto un'erezione per ore dopo che ce ne siamo andati. Debbie era salita al posto di guida e stava chiedendo al venditore di spiegare cosa facevano ciascuno dei "manopole e cazzi". Almeno penso che abbia detto "cazzi" e non "bastoncini", il venditore l'ha preso come "bastoncini" perché ha detto rapidamente "e questo bastone controlla gli indicatori".

Mentre scendevo dall'auto all'indietro per dare un'altra occhiata all'altro venditore, Debbie ha chiesto: "C'era abbastanza spazio per avere un po' di hanky-panky nella parte posteriore di Vanessa?" Ho finito di scendere, poi sono tornato sul sedile anteriore e ho detto: "Penso di sì, vuoi provarlo ora?" "No, il sesso non è proprio in cima alla mia lista di priorità al momento", è stata la risposta.

Dopo di che siamo scesi e Debbie gli ha detto che le piacciono entrambe le macchine e che voleva parlare di soldi e sconti. Il venditore ci ha chiesto di seguirlo in un edificio dove ci ha offerto un posto a un lato di una scrivania mentre lui si è seduto all'altro. Entrambe le nostre sedie non erano vicine alla scrivania e sono sicuro che stesse guardando le mie gambe non incrociate e il mio vestito. Quando Debbie ha chiesto degli sconti, il venditore ha detto che doveva andare a parlare con il suo capo e ci ha lasciato. Quando se ne fu andato, Debbie disse: "Non incroci mai le gambe?" Dato che Jon non me lo permette, ho detto: "Mai". Dopo qualche secondo Debbie disse: "Lo so, ricordi quel film con Sharon Stone?"

Non è stato detto nient'altro, ma quando il venditore è tornato eravamo entrambi seduti lì sdraiati sulle sedie con le ginocchia a pochi centimetri di distanza. Quando il venditore ci ha visto è arrossito di nuovo e mentre si è seduto ho notato che il rigonfiamento nei suoi pantaloni era ancora lì. Debbie è abbastanza brava a contrattare ed è riuscita a far ridurre il prezzo di una delle auto un po' più di quanto avrei pensato fosse possibile. Mentre uscivamo da lì e giravamo l'angolo, Debbie strinse il pugno e disse: "SÌ, guarda cosa può fare il potere della figa per noi donne". Jon l'ha sentita e ha detto: "Sì, voi donne potete quasi ottenere quello che volete, se lo fate nel modo giusto".

Jon ci portò a pranzo in un pub e Debbie insistette per pagare.

A casa Debbie era ancora abbastanza soddisfatta di se stessa e chiese a Jon se poteva usare di nuovo la "macchina del cazzo". Jon ha dato l'impressione di non essere molto entusiasta dell'idea, quindi Debbie gli ha detto: "Prima ti lascerò scopare me". La risposta di Jon è stata: "Il potere della tua figa non funzionerà con me, ma se prima puoi fare l'amore con Vanessa, puoi usare la macchina".

Senza alcuna esitazione Debbie si voltò verso di me e iniziò a baciarmi alla francese. Mi ha colto di sorpresa, quindi ho guardato Jon che ha appena alzato le spalle ed è uscito dalla stanza.

Debbie è una brava baciatrice e mentre mi stavo godendo il fatto che le sue mani stessero facendo scivolare la parte superiore del mio vestito sopra le mie spalle e giù per terra. Quando le sue mani risalirono il mio corpo, si fermarono al mio seno e lei strinse i miei capezzoli tra le dita. Sono diventati duri come una roccia e io ho gemito un po'. Debbie indietreggiò, si tolse il top sopra la testa e si slacciò la gonna. Dopo una piccola spinta è caduto a terra lasciandoci entrambi nudi.

Jon è tornato a quel punto e ci ha detto di uscire al sole sull'erba. Debbie mi prese per mano e mi trascinò fuori. Mi dava l'impressione di avere una sorta di fretta ma è andata via quando mi ha detto di sdraiarmi sull'erba e poi ha iniziato a baciarmi dappertutto. È stato molto sensuale, è partita dai miei piedi e mi è salita su per le gambe. Ha bypassato la mia figa e mi ha baciato sullo stomaco e sul petto, ma non sul seno. Ha poi iniziato sulla mia faccia e poi sul collo. Era così rilassante che era incredibile.

Poi mi aprì le gambe, poi si inginocchiò tra di loro e si chinò e French mi baciò di nuovo. Questa volta le sue mani hanno iniziato a massaggiarmi il seno e i capezzoli. Ad un certo punto ho pensato che stavo per venire e lei non mi aveva nemmeno toccato la figa. Poi ha iniziato a baciarmi e leccarmi lo stomaco. Questa volta è andata dalla mia figa bagnata e dolorante e ha iniziato a giocare con il mio clitoride con i suoi denti. Potevo sentire l'orgasmo crescere, ma riuscivo comunque a vedere che Jon era uscito e si trovava proprio sopra la mia testa. Era nudo e aveva una grande erezione. Anche Debbie lo vide e smise di mangiarmi abbastanza a lungo da dire: "Per favore, fottimi". Jon (calmo come sempre) disse: "Sei sicuro?" Debbie quasi urlò: "Fottimi, adesso". Jon le girò dietro, l'afferrò per i fianchi ed entrò in lei. Mentre lo faceva, la spinse in avanti e il suo viso premette forte contro la mia figa. Mi ha fatto un po' male e subito dopo che ha spinto la lingua dentro di me. Non passò molto tempo prima che arrivassi e mentre mi calmavo vidi l'espressione sul viso di Jon. Aveva anche sperma.

Siamo rimasti tutti fermi per circa un minuto prima che Jon dicesse: "Bene, dritto al piano di sopra e su quella macchina". Ci ha fatto correre al piano di sopra e mentre ha sistemato i cinturini da polso, le corde e il motore, ho preso le sedie e ho fatto alzare Debbie e pronta per essere calata sul dildo. Jon ha fatto un rapido giro di controllo, poi ha detto a Debbie di calarsi sul dildo. Mentre scendeva emise un grande sospiro. Jon accese il motore e quando Debbie salì io spostai le sedie. Dopo averla vista andare su e giù un paio di volte Jon mi ha detto di pulirgli il cazzo (con la mia lingua). Mentre lo facevo, potevo vedere Debbie con la coda dell'occhio. Ci stava fissando con un'espressione vitrea sul viso.

Stavo per pulire il cazzo di Jon quando ho sentito Debbie iniziare a gemere. Jon si sedette su una delle sedie e mi adagiò sul suo Dick che era diventato di nuovo duro. Abbiamo visto Debbie attraversare 3 orgasmi prima che Jon decidesse che ne aveva abbastanza. A quel punto Jon aveva di nuovo sborrato dentro di me, ma non avevo più sborrato. Sono rimasto un po' deluso quando Jon mi ha detto di togliermi di dosso. Abbiamo dovuto aiutare Debbie a scendere dalla macchina perché era completamente distrutta e l'abbiamo lasciata sul mio letto per riprendersi. Quando alla fine scese le scale era vestita. Anche Jon si è vestito e stava lavorando in giardino. Ho portato una tazza di tè a Debbie, ma era ancora troppo stanca per parlare. Tutto quello che ha detto in realtà è stato: "Questa è una macchina infernale che hai lì ragazza". Jon l'ha portata a casa lasciandomi a preparare del cibo.

Settimana che inizia il 9 agosto

Davvero una settimana tranquilla, non è successo niente di eccitante. Anche l'eclissi di sole non valeva lo sforzo di guardare.

Quando sono andata a lavorare il venerdì, Debbie mi ha detto che aveva ritirato la sua macchina e che c'era stato un piccolo ricevimento in attesa quando era arrivata. C'erano quattro venditori, tutti desiderosi di mostrarle ogni pezzo dell'auto. Ovviamente si era dovuta chinare un paio di volte e ce n'era sempre stata una dietro di lei e davanti a lei in attesa di dare un'occhiata alla gonna o al top. Le erano bastati pochi secondi per rendersi conto di cosa stava succedendo, quindi aveva deciso di mungerlo un po' ed era riuscita a farle riempire il serbatoio della benzina (lo pagavano) prima che se ne andasse.

Sabato 14 agosto

Nel primo pomeriggio Jon è entrato nel salone e si è fermato quel tanto che basta per dare a Debbie una scatoletta. Continuavo a guardarla e quando andava in bagno l'ho seguita e le ho chiesto se aveva intenzione di mettere al lavoro il suo nuovo amico Ben Wa. All'inizio non ne era sicura, ma alla fine lo fece. L'ho osservata per il resto del pomeriggio, è stato piuttosto interessante e guardarla mi ha fatto bagnare completamente. Per due volte le persone le hanno chiesto se stesse bene e quando si è trattato di tornare a casa ha detto che doveva solo andare a portarli fuori. Ha detto che non c'era modo che avrebbe potuto raggiungere a piedi la sua macchina e poi tornare a casa con loro dentro.

Jon mi portò in città quella sera e in giro per alcuni dei pub più vivaci. Nessuno ha dato una seconda occhiata al mio vestito ultra corto e la maggior parte delle ragazze indossava gonne così corte. Mi chiedo quanti di loro non indossassero quello che non indossavo io.

domenica 15 agosto

Dopo i giornali è stato subito in palestra e un allenamento. Ho indossato i miei pantaloncini bianchi in lycra, il top del bikini e di nuovo Ben. Non avevo intenzione di inserire Ben, ma quando ho visto lo stesso ragazzo che era lì la settimana precedente ho cambiato idea. Inutile dire che ha sorriso e salutato quando siamo entrati e ha continuato a guardare verso di me tutto il tempo. Sono sicuro che ha visto il contorno dei miei anelli e della mia catena E la macchia bagnata sui miei pantaloncini quando ho usato la macchina che allunga le gambe spalancate. La sua faccia è diventata tutta rossa e ha distolto lo sguardo per un bel po'. Sono sicuro che stava aspettando che usassi la cyclette, lo so.

Ben aveva lavorato prima che salissi sulla bicicletta, ma non appena ho iniziato a muovermi in bicicletta con le gambe, Ben si è davvero guadagnato da vivere. Ho pedalato sempre più veloce mentre cercavo di nascondere l'orgasmo in costruzione. Non so davvero perché ho pedalato più veloce perché c'erano solo 3 persone in quella stanza e tutti e 3 sapevano che stavo scendendo davanti a un uomo che non conoscevo. Jon stava procedendo tranquillamente con il suo sollevamento pesi e io e il giovane ci stavamo fissando l'un l'altro. Sono sicuro che sapeva esattamente cosa stavo facendo.

Ho rallentato quando sono arrivato ma non ho smesso di pedalare finché non sono diventato qualcosa di normale. Sono sceso dal ciclo con il sudore che mi colava addosso (e uno sguardo molto soddisfatto sul mio viso). Il giovane mi stava ancora fissando finché non l'ho guardato direttamente e ho detto: "Ne avevo bisogno!" Il povero ragazzo tornò di nuovo sulla terra e riprese a usare il vogatore.

Poi siamo andati a fare una nuotata e mentre camminavamo verso gli spogliatoi Jon mi ha detto di lasciare Ben dentro e di cambiarmi i pantaloncini per il resto del bikini. In piscina c'era un gruppo di circa una mezza dozzina di adolescenti, ragazzi e ragazze. Mentre uscivo dagli spogliatoi i ragazzi mi videro e mi fissarono. I wondered if one of my pussy rings had ‘escaped’ from the confines of my bikini bottoms but I just ignored them and jumped in after Jon.

We did a few lengths and the movement of swimming made me cum again, then we went into the Jacuzzi. We were the only ones in there to start off with and Jon told me to take my bikini off and put it on the tiles at the side. This didn’t bother me for 2 reasons, firstly I would be below the bubbles and no one would be able to see me even if there had been anyone there; and thirdly, I enjoy the feeling of the bubbles on my naked pussy.

I was laying back end enjoying the experience for about 5 minutes when 2 of the boys came and joined us. No problem as I was below the bubbles, except that one of them was looking at my bikini on the tiles outside the water and then looking back at me. He nudged his mate and they were whispering to each other.

A couple of minutes later there was a problem, the bubbles stopped (the last few times that we’d been there the bubbles were on all the time). After about 10 to 15 seconds the water was calm and very clear. The boys could see everything that I’ve got. I looked down and with me being sat at the edge of the underwater seat I could see all my pussy and jewellery. If I could see it then they could. I looked at Jon who said, “Young lady, do you often take your swimwear off in a Jacuzzi?”

It took me a few seconds to think of what to say then I said, “Where I live people don’t normally wear anything at all.” “That’s not the done thing here so I suggest that you leave. Better still I’ll take you out.” Jon replied. With that he grabbed my arm and pulled me up out of the water and then the Jacuzzi. I just managed to grab my bikini as Jon pulled me by my arm right round the pool to the stairs towards the changing rooms.

I didn’t make it up the stairs before Ben took me over the top again. The fast pulling that Jon had been doing brought on a strong orgasm and I just couldn’t move. Jon saw what was happening and let go of my wrist. I leaned against the wall while I shook as it arrived with force. As I started to calm down I looked round the pool and saw that everyone in there was watching us.

Outside the changing rooms Jon laughed and said, “Good reply, I’m glad to see that you didn’t tell any fibs, otherwise I would have had to punish you. Go and get dressed, we need to be back at home.” As I walked into the changing room I said, “Must remember to tell a fib next time.” I just heard Jon say, “I heard that.”

Back home we both stripped off and I got us some food then Jon settled down to watch some motor racing. I’d just finished clearing up when the doorbell rang. It was Debbie; she was out for a drive and had called to thank us (again) for helping her buy it. She didn’t look at all surprised when she stuck her head into the lounge to thank Jon and saw him naked. We went into the kitchen and no sooner than I’d got us a drink than the doorbell rang again. This time it was Bridie and she was upset. I took her into the kitchen and poured her a drink as I introduced Bridie to Debbie.

As Bridie sat down she said to Debbie, “I know you don’t I?” After a few minutes of working things out it turns out that they went to the same school and that Debbie was in her last year whilst Bridie was in her second year. Debbie couldn’t remember Bridie but Bridie certainly remembered Debbie because of all the gossip about her. Needless to say that Debbie (and me) wanted to know what everyone had been saying. It turns out that all the kids knew that Debbie shaved her pussy and that she used to sit at the front of the class so that she could flash her pussy to most of the teachers. Bridie said that she had been amazed by it all at the time, but now she’d wished that she’d had the guts to do it, especially when Debbie told her that it got her lots of A+ grades.

Bridie had come round because she was upset - she’d just bust-up with her boyfriend. He’d started getting all possessive about her and wanted her to wear underwear all the time. Now that Bridie had discovered the joys of being knickerless there was no way that she was going back to sweaty crutches and not having any flashing fun. Well not when the weather was reasonable. After a couple of drinks and lots of talking we all made a pact never to wear knickers again.

About an hour later (and most of a bottle of martini) Jon came in to get himself a drink. He hadn’t heard Bridie arrive and was a little surprised to see her. When she saw his lack of clothes she said, “Well if both you two are starkers then I might as well be as well.” As she stood up and started taking her top and skirt off, Debbie stood up and said, “What the hell!” and off came her dress as well.

There were now 3 naked, shaved, women and 1 naked, shaved man in the same room. I guess that most men in that situation would have had a raging hard-on and be wanting to screw all 3 of them but Jon was so cool about it. He just said, “Cheers!” took a mouthful of his drink and walked out. I suppose it must have been something to do with the fact that he could probably have any one (or all 3) of us anytime that he wanted.

The 3 of us took the bottle into the conservatory and it wasn’t long before we were talking about sex. Debbie was telling Bridie the truth about what she got up to at school and how she used ‘pussy power’ to get things that she wanted. She also told her that she’d flashed her pussy at the salon owner to get her the job, and that she still did it sometimes if he’d asked her to do a job that she didn’t want to. I made a mental note of that in case there came a time when I was asked to do something that I didn’t want to.

We spent the next couple of hours finishing off the bottle of martini and telling each other about the ‘exploits’ that we had been up to in the last few months, and the next thing that I knew was when Jon came in and told us that we were all drunk. He brought us another bottle of booze in and left us to it. I know that we went on talking for ages but the next thing that I really remember was that it was getting dark and that Jon was carrying me upstairs.

Week commencing August 16

Monday - I woke up next morning in Jon’s bed with both Debbie and Bridie next to me. We were all still naked and they were both fast asleep. I don’t remember anything happening between us.

Jon had slept in my bed and he was trying to wake us all up so that Debbie and Bridie could get to work on time. He finally managed to get them up and away then he told me that I couldn’t go back to bed because we was taking the week off and that we were going for a walk to clear my head. He told me to put just a dress and trainers on and we went off towards the open country.

I have to admit that even though my head hurt it was quite nice walking through the fields at that time of the morning; everything was so quiet and fresh.

By lunchtime I was back in the land of the living and Jon decided that we’d go and play tennis in one of the local parks. He told me to wear just trainers, one of my very short, thin ‘A’ skirt and a crop top that is so short that you can see the lower part of my tits. It’s quite a loose fit and every time that I lift up an arm it rides-up over my breasts. Sometimes, if my nipples are hard it gets caught above them and leaves me exposed when my arm comes down. When I was putting it on I was thinking that playing tennis would be quite ‘interesting’, especially when I serve. As we were driving down there I hoped that there wouldn’t be any young kids there.

We got there and as we were hiring the court the old man was looking me up and down. He looked what I imaging the typical ‘dirty old man’ to look like, shift eyes, eyeing me up and down, and wearing shabby clothes. I’ve had more than my share of men staring at me over the last year or so, so it didn’t bother me in the least.

The court we were given was a grass one in the middle of a few of them. There were a couple of teenage girls playing on a court to one side and 2 teenage couples playing doubles on the other side. We were about half way through our first game when I noticed the 2 girls talking and looking over towards me. My little skirt was still covering my bum and pussy but my right breast was uncovered. The action of serving had caused my top to ride up and my bullet like nipples were stopping it going down again. When that volley ended I went up to Jon and pointed-out my predicament. At first all Jon said was, “Yes, nice isn’t it.” “Master,” I said, “those girls are staring at me and they now know that I know that I’m exposed.” “Okay,” Jon said, “at the end of each volley you can pull your top down. That way it will look as if you’re not doing it on purpose.” “Thank you Master.” I said, and we restarted the game.

Needless to say that as soon as my right arm stretched to hit the ball my boob popped-out again. Then when Jon won the volley I pulled my top down again. This went on for ages until Jon won the first game. In the second game Jon had me running around more and a couple of times when I had to turn or run quickly I tripped-up and went flying headlong onto the grass. As I got up the second time I noticed that we (or should I say me) had an audience. The 2 girls and the 2 couples AND the old man of an attendant were watching me. Not only that, when I came to get up I saw that my top was above both my boobs and my skirt was nearly up round my waist. No wonder I had an audience.

At the end of the next game Jon told me that we would play one more game the leave. After a brief rest (where the others started playing again), Jon told me to walk back to the other side of the court scratching the top of my right cheek - under my skirt. He said that he’d once seen a very sensuous picture called ‘The Tennis Girl’ where a girl had been doing just that. The last game was just as energetic as the previous one (for me anyway). The teenagers had given up looking and were getting on with their game but the old man was still there. Half way through Jon told me to stop adjusting my top and we played the rest of the game (Jon won again) with me virtually topless.

When it came time to go we collected the balls but we were one short. After a couple of minutes Jon said that he remembered me hitting one right out of the court. We went looking for it and eventually Jon saw it stuck in a branch about 4 metres up a tree. The old man had come over to help us look for it and kept saying that we’d have to pay for it if we couldn’t hand it in.

There was no way that we could shake it down so Jon said that I’d have to climb up and get it. “Besides, it could be fun.” For him and the old man he meant. The last time I’d climbed a tree was when I was a kid but after a few seconds working-out how, I started to climb. As soon as I lifted my foot of the ground I realised that the old man was going to get one hell of a view of my pussy. When I got onto the first branch I saw that the 2 couples who were playing doubles had stopped and all 4 of them were up against the fence watching me.

I made it onto the next branch then I had to stretch right across to the branch that the tennis ball was stuck on. ‘What the hell’ I thought as I virtually did the splits above Jon and the old man. I glanced down to see Jon smiling and the old mad drooling. The branch that I stretch out to wasn’t as solid as it looked and my legs opened even further. I started to fall and my arms grabbed out for anything they could find. They found the branch that I was trying to get on and I just saw the tennis ball get shaken lose and fall before I lost my grip and started to go down. As I went down I saw my thin ‘A’ skirt blew up round my waist.

I deliberately rolled over on the grass to break my fall and when I came to a stop I was on my back with my skirt still round my waist and my legs reasonably wide open. The worst (or best) part was that I was about 2 meters from the fence where the 2 couples were watching me, and my feet were facing them. I just lay still for a few seconds getting my breath back then I saw Jon and the old man come over to me. Jon knelt down beside me and as he was asking me if I was okay I saw the old man appear at my feet. Guess where he was looking? I was winded and I tried to tell Jon that I was but the words wouldn’t come out. Jon said, “Stay still and I’ll check you over.”

Jon then started to slowly run his hands all over me to see if he could find anything out of place or anything that hurt when he touched it. Fortunately nothing hurt but he did find something out of place. My skirt was still round my waist and my top was round my neck. As Jon moved down my body he lightly ran his hands over my breasts. This made my nipples stand to attention. As his hands went down up one leg then down the other he pressed the side of his hand onto my pussy. I let out a moan that made the old man jump a bit. As Jon reached my other foot he said, “Nothing seems to be out of place, does it hurt anywhere?” I waited for a few seconds thinking what to say, then said, “I’ve got this burning feeling between my legs can you do something about that please?” Jon said, “There’s nothing wrong with you get up and cover yourself up.” As I got up I saw that the old man’s face was a picture.

We didn’t go directly back to the car; we went for a walk round the park. There was no one in the kids play area so we went and had a go on the swings. As Jon pushed me higher and higher my skirt blew up. It was a good job that there were no kids there. After that Jon told me to climb over the climbing frame. When I got to a sort of arch in the frame Jon told me to hang upside down by my knees. Of course my skirt was round my waist and my top was round my neck and my blood was rushing to my head.

I never heard them approaching but I definitely saw the 3 young teenage kids when they stopped their bikes just in front of me. I started to pull myself up but Jon said, “Stay!” After what seemed like an eternity where I could hear my blood pounding in my head Jon finally got hold of my body and lifted me off. As my head slowly cleared I saw the lads sniggering then biking away. Jon had to hold me a bit as we walked back to the car. I enjoyed that.

Before he would let me into the car I had to take my skirt off and we drove home with me wearing just my trainers and skimpy top. Not one person gave any indication that they’d noticed.

Back home Jon and I packed the car. We were going camping at Blackpool for a couple of days.

Tuesday - We set off very early and got to the Manchester area before we hit any real traffic problems. We got held-up in a traffic jam just before we needed to turn off the M6 and it was late morning when we finally found a campsite. As we entered the campsite I remembered that I was wearing my favourite cheesecloth dress and that I’d have to bend-over and squat down a lot to put the tent up then get everything into it. I felt a bit disappointed when there was no one around the area that Jon decided we’d use.

After we’d pitched the tent we went for a walk round. The site was a little self-contained village with its own little shop, café and bar. Jon decided to give that a miss and we walked onto the main road and got a bus into the centre of Blackpool. We walked along the beach and I was glad (I think) that I was wearing my cheesecloth dress rather than the skirt and top that I’d worn the previous day. At least the dress dropped back down into place after the wind had blown it up, the skirt was so light that it would probably have stayed up. I got a few people looking at me when the dress did blow up.

We had some ‘typical’ British Fish and Chips for lunch, I thought that they were all right but Jon said that he’d had a lot better. On the walk back to the campsite we stopped at one of the hundreds of amusement arcades along the seafront. Jon gave me some coins and I spent ages dropping them into one of those machines that slowly push the coins over the edge. I think I just about broke even by the time I’d finished.

Near the campsite was a bit of a fun fair that we had a look round. We had a go on the bumper cars, that was fun. Jon had a go at rifle shooting and won a big pink teddy bear that he gave to me. For a laugh we went into this hall of mirrors. There were hundreds of them on the walls and ceiling. They really did distort shapes. There were a few other people in there as well, quite a laugh. At one point I saw a lad of about 14 who didn’t seem to be enjoying himself. After a few seconds I realised that he was looking at a mirror on the floor, one that I was stood on. Guess what he was looking at. What the hell I thought; I’ll give him something to have a quiet wank about in bed that night so I looked away from him and opened my legs. After a couple of minutes Jon came over to me grabbed my arm and pulled me away saying, “Stop it,” you’ll drive the poor lad crazy.

Back at the campsite I made a cup of tea on the little camping stove. We didn’t have a table with us so I was doing everything down on the grass. At first I forgot that with me being squatted down with my dress not covering all my legs that my pussy would be on show for everyone to see (if they looked). It was only when I saw some young lads playing football in the area in front of our tent spend a lot of time on the grass looking over towards me that I remembered. Too late by then so I just stayed there letting them get educated.

Before we went out that night we went for a shower. The ladies shower block backs onto the men’s and there was a hole in the wall at the back of the shower cubicle that I went into (the only one free). I couldn’t be sure but I’m think that there was someone looking through it because I kept seeing light coming through it, then it going off. Anyway someone watching me take a shower isn’t going to upset me. I made a point of standing where whoever would be able to get a good look at my pussy. And I frigged myself to a quick orgasm just for the fun of it.

It was a bit windy that evening so Jon let me wear a sweater over my dress. That didn’t stop the skirt part blowing up, but at least I was a bit warmer. We walked to a pub on the seafront that was full of young people. Nothing exciting happened other than that we had a good time watching everyone get drunk.

Both Jon and I climbed into a double sleeping bag that night. Jon fucked me from behind and I went to sleep with Jon still inside me.

I woke up at about 4:00 o’clock in the morning dying for a pee. I climbed out of the tent and squatted down behind it. I hadn’t bothered putting any clothes on as it was dark and quiet but when I was in mid flow I was lit-up by someone shinning a torch at me. Everything was still quiet and the beam was coming from a tent a short distance away. The torch beam stayed on me as I finished off then stood up. When I was upright the beam was on the lower part of me so I could see where it was coming from but I couldn’t see a face. After a few seconds of trying to see I gave up and went back into the tent. The beam followed me all the way.

Wednesday - Next morning I was up early and in the shower before Jon got up. I checked the showers and found that the cubicle that I’d been in had the smallest hole in the wall. All the others were bigger and one was so big that I thought that I’d be able to get my hand through. The wall wasn’t very thick either. Anyway I decided to have my shower in that cubicle and half way through I saw the light in the hole go a bit darker. I made sure that whomever it was got a good look at my pussy and jewellery then I bent over so that my bum and pussy was close to the hole.

The next thing that I knew was that something was just touching my bum. I looked round and saw about 2 inches of this dick sticking out of the hole. It was circumcised like Jon’s but I don’t think that it was his and I wasn’t going to let it fuck me. I thought about backing onto it but I decided against it. What I did do though was to grab it and wank whoever until a whole load of his cum shot into my cubicle.

After that I decided to get out and quickly get dried in the open area, wrap my towel round me and get back to our tent. Fortunately I didn’t see any men around as I almost ran back to our tent. Jon was still in the sleeping bag when I got back and when I went into the tent he got out of the bag and told me to sit on his morning erection. As I sat there I amused him by telling him what had happened.

I wore my dungaree dress and a short crop top that day and I had the expected problem (ha) of my pussy showing as I cooked some bacon and eggs for us. As I was doing that 2 youths got out of the tent where torch had been shining from when I’d got up for a pee. Both of the youths stared at me as they walked passed us.

After breakfast we walked away from the centre then turned round and ended up back at the fun fair. Jon was in a bit of a daft mode and we had a ride on a roundabout. Jon told me to ride on a horse while he got on a motorbike. That plastic horse was cold on my bum and anyone who was looking must have had quite a sight when I got on and off it.

As we got off I said that I remembered that last time that I was on a horse, in Tenerife. It brought back some nice memories. Jon said that we could go horse riding there; he’d seen an advert back at the campsite. I reminded him that I’d only got dresses with me but all he said was, “so what? “Before I knew it we were back at the campsite telephoning the riding school and booking a session that afternoon.

When we got there this young girl looked me up and down and said, “Haven’t you got any trousers?” before I could say anything Jon said, “It doesn’t matter, she can ride like that.” The girl gave me a funny look and then turned away. There was another couple who arrived about the same time as us; they were in their early twenties. He was wearing shorts and a T-shirt and she looked as if she was wearing black tights under a T-shirt. When she got on the horse they gave her I’d swear that I could see her pussy. It was just a quick flash but I couldn’t see any trace of any knickers and I’m sure that it was her hairy pussy that I could see through the stretched material.

Jon got on his horse then it came to my turn. They put the horse next to a big lump of concrete so that it was easy but as I swung my leg over I saw that all the others were looking at me. By then they must all have seen my jewellery. As the horses started to walk out of the yard 3 other girls on horses joined us. Two of them were only wearing bikinis and the third a pair of shorts and a T-shirt. Those 3 were obviously experienced riders and they were galloping round the fields as soon as they got the chance. The rest of us stayed at a walking pace. One of the girls has big breasts and a lose fitting bikini top. As soon as she started galloping I wondered how long it would be before that top came off.

We all started going a bit faster and I was starting to enjoy the feeling of the leather saddle on my pussy and between my legs. We went from the fields and down onto a quiet stretch of beach. The 3 girls were riding up and down the beach at the waterfront. The 2 girls in bikinis were both having problems (not that they looked as if they minded). The one with the big breasts had come out of her bikini top and both Jon and the other man were watching the bouncing. The other girl’s bikini bottom had turned into a wedgie. She looked as if she was wearing a thong.

The girl from the stables stopped us then told us that we could ride up and down the beach for a bit. While we were doing that she said that she was going to join the 3 girls who were racing up and down. As we set off I looked back and saw that she had got off her horse and was taking her T-shirt off (she had a bra on). I kept looking and watched her take her jodhpurs off. As she pulled them down her knickers came down with them. She pulled the knickers back up then got back on her horse and was off.

The 4 of them came passed us a few times and all of them looked as if they were in some sort of trance. It was obviously a happy trance as the all had a grin on their faces. I don’t know why I didn’t twig, but it was Jon who said, “They’re getting off on that aren’t they?” The other man heard him and said, “Yeah, great isn’t it?” He turned to his woman and said, “Why don’t you have a go?” With that she was off, not as fast as the others though. Jon turned to me and said, “You have a go.”

I’d never ridden a horse fast and was a bit nervous but I wanted to have a go. I’d already got a wet patch on the saddle and my pussy was telling me that it wanted more so off I went. As the horse started to gallop I was scared at first but I managed to get into some sort of rhythm bouncing up and down. I don’t know if I was doing it right from a horse riding point of view but the bouncing up and down on the saddle was doing my pussy the world of good. I think I was starting to realise why so many girls like horse riding. Maybe the material that jodhpurs are made of is so thick because it needs to absorb all that pussy juice.

Anyway I was off. My dress was up round my waist with all the bouncing up and down and I was starting to get close. I turned (somehow) the horse and started back. It wasn’t long before I was cumming and I was still shaking as I went past Jon and the other bloke who were both trying to watch all of us at once. When it came to the turning point I got the horse to slowly walk back with me squelching as I gently bounced up and down on the saddle. My dress was still up when I got back to Jon and the other man who just couldn’t take his eyes off me. Jon said, “Good was it?” All I could manage was, “You bet!” as I swung one leg over and slid off the horse. As I stood there my dress slid back down to cover my bum and pussy.

After a few minutes the other girls came back over to us. They were all wet and I’m still not sure if it was with sweat or spray as they rode through the waves. Four of them had their bottom halves lost into the cracks of their bums and the girl with big breasts hadn’t bothered to cover them. All 5 of them had nipples that were sticking out, and the girl with the man had her tights looking as if she’d sat in a bowl of cum. She looked quite silly really.

When the girl from the stables got her breath back she put her T-shirt and jodhpurs back on then said, “That was good, let’s start back shall we?” She didn’t wait for an answer, but I heard the other man say to Jon, “That was one hell of an experience there’s times when I wish I was a woman.” Jon just said, “Yes” and came over to help me get back onto my horse. Needless to say that as I got my leg over (no pun intended) everyone could see my jewellery again.

The walk back to the stables was uneventful and we left as soon as we got back. On the way back to the campsite Jon decided that he wanted to go for a walk on his own so I decided that I’d walk back into the noisy part for another look around. I walked along the beach and then up towards the crowds. I was busy looking at something up on the road and lost my footing on a rock near the steps. Over I went twisting my ankle as I went. Fortunately I landed on the sand and didn’t hurt anything other than my ankle, which hurt like hell. A middle-aged couple saw me go over and not get up so they came over to help me. When I told them about my ankle they helped me up and over to a first-aid point.

It wasn’t long before 2 first-aiders were administering their skills. They’d told me to lie on this bed while they slowly removed my shoe then prodded and poked my foot to see what the damage was. At first I was more interested in my ankle to realise that the men were lifting my leg up and out a bit. I guess that they were expecting to see a pair of knickers, or at best a hairy pussy. One pair of eyes lit up when they saw my jewellery.

“What the hell,” I thought, my priority was my ankle and whatever they were doing was helping. I didn’t care about the little modesty that I still have. One of the men eventually told me that he didn’t think that anything was broken and asked me if he could spray something on my ankle. I haven’t a clue what it was but it was amazing, one minute my ankle was throbbing and the next it was nearly normal. With most of the pain gone I decided to have a bit of fun and sat up, bent my knee and brought my ankle to my lap so that I could rub it.

After a couple of seconds I looked at the men, both sets of eyes were riveted on my pussy so I stopped and pulled my skirt down so that they couldn’t see it anymore. As I did I said, “Whoops, it was such a nice day that I didn’t bother putting any knickers on, hope you don’t mind.” After a couple of seconds as their brains realised that the show was over one of them said, “Not at all young lady, we’re used to it.” The bulges in their trousers told me that they weren’t used to it. I thanked them and left.

I took the tram back to close to the campsite and was having a lie down when Jon got back.

After an uneventful shower Jon told me to put my best dress on and we got a taxi into town. I’d put my silky dress on and as I got into the taxi the driver watched my every move. Because I had to bend over to get into the car I’m sure that he was getting a good view of my breasts.

Jon took me to a big hotel and the taxi driver watched us walk up the steps to the main entrance. I knew that he was watching so I bent forward a bit so that he got a good view of my bare ass. We had a fantastic meal but no dancing; my ankle was still hurti

Storie simili

JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti. Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo...

1 I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

411 I più visti

Likes 0

La mia prima esperienza gay_(2)

Introduzione Era venerdì sera ed ero seduto a casa a guardare il porno come al solito. Quando ho deciso di guardare Craigslist, cosa che di solito facevo perché mi eccitavo così tanto da tutti i cazzi là fuori che avevano bisogno di succhiare. Stasera finirebbe per essere un po' diverso dalla maggior parte delle sere però. Ho finito per bere da pochi a molti e pubblicare la mia aggiunta che non avevo mai fatto prima. Ho pubblicato il mio annuncio dicendo che ero 26 bianco in buona forma e cercavo un bel cazzo grosso da succhiare. Ora a questo punto della...

309 I più visti

Likes 0

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

487 I più visti

Likes 0

La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo (((Suoneria))) (((Suoneria))) Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude. Ciao? Buongiorno Robert Marcus disse allegramente, Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”. Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare...

411 I più visti

Likes 0

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

473 I più visti

Likes 0

DEMONE

E stai fuori! Sono stato buttato fuori dall'unico posto che chiamo casa. Questa volta, probabilmente non tornerò strisciando da Rebecca. So benissimo che ho fatto una cazzata a sceglierla, e non c'è ritorno da questo. Posso almeno prendere i miei vestiti? Ho chiamato dal marciapiede, ma l'unica risposta che ho ricevuto è stata una porta sbattuta. Probabilmente li avrebbe venduti comunque. Dannazione. Ho spintonato con le tasche della giacca, cercando di trovare le chiavi della mia macchina sportiva. Trovando le chiavi nella tasca sinistra dei pantaloni, ho avviato la macchina e ho cominciato a partire. Non volevo sapere, né mi interessava...

451 I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

457 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

466 I più visti

Likes 0

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

502 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.