Onore del dovere

1.9KReport
Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata.

Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio!

Ero in congedo medico anticipato da quasi un anno. Mi è mancata l'azione, la scarica di adrenalina che colpisce il tuo sistema facendoti sentire così vivo quando sei in pericolo e combatti per la tua vita. Mi mancava essere nelle squadre, ero molto bravo a eliminare l'elemento cattivo di questo mondo. Per non parlare del fatto che non ero più nei sigilli la mia salute era calata era importante che continuassi così, mi faceva sentire bene.

Mi stavo avvicinando all'ospedale, quindi mi stavo avvicinando a due miglia di distanza da casa mia, ho controllato l'orologio fino a quel momento che stavo benissimo.

I miei polpacci stavano bruciando, il mio respiro stava iniziando a diventare irregolare, il mio petto si sollevava mentre correvo. Ho passato l'ospedale ho sempre pensato che dovrebbe essere illuminato meglio intorno alla zona. Voglio dire, era un ospedale e mi sembrava più di essere in un film dell'orrore con le luci che provenivano da lì e l'ambulanza parcheggiata fuori.

Avevo superato l'ospedale e stavo scendendo al piccolo parco appena a nord di esso, sebbene non fosse un grande parco offriva un sacco di erba corrente, alberi, alcuni giocattoli per far giocare i bambini e strisciare dappertutto. Pensavo di correre per il parco o mi chiedevo se dovevo rimanere sul mio sentiero lungo la strada e attraverso il quartiere.

All'improvviso mi sono girato ho preso velocità il dolore che entrava nel mio corpo è ciò che mi ha riportato fuori dalle mie fantasticherie per rendermi conto di cosa mi aveva fatto cambiare rotta avevo sentito un grido femminile.
Mi sono inclinato giù per la collina alla ricerca della fonte dell'urlo agghiacciante che normalmente si sente solo in un film dell'orrore. Quando sono arrivato a una fila di alberi ea una parte più boscosa del parco, ho iniziato a sentire tre voci maschili ruvide.

Dicendo alcune delle cose più volgari che abbia mai sentito. Apparentemente erano persi in qualunque cosa stessero facendo, non ci volle molto per fare due più due e ottenere quattro. Anche questi pezzi di merda si stavano preparando o stavano già violentando una donna che era stata nel parco. O l'avevano portata qui per essere violentata?

Sono un ragazzo e per un istante pensieri sporchi si sono insinuati nella mia testa come la maggior parte degli uomini ci avevo pensato, ma non avevo mai e mai voluto agire su di esso. Ci ero andato vicino una o due volte, ricordando una volta in cui avevo portato una ragazza adorabile per una serata fuori, tornando al suo posto tra le sue gambe pronto a fotterla a sangue e sentendo la parola NO!

Avrei voluto essere così vicino a dare una lezione alla ragazza che provocava il cazzo, le sue ragioni erano la sua ragione così mi sono vestito e me ne sono andato con il peggior caso di palle blu nella mia vita.

Un altro grido pieno di terrore mi assalì nella notte.

"NO!"

Questo mi ha fatto tornare indietro dai miei pensieri con un'altra serie completa di singhiozzi che oscillavano insieme alle parole di...
"Per favore no, oh dio per favore non farlo anche a me!"

Ho rallentato cercando di riprendere il controllo del respiro e ho iniziato a inclinare verso un gruppo di alberi più fitto. Raggiunto finalmente gli alberi ho chiuso gli occhi e poi li ho riaperti il ​​più lentamente possibile per ottenere il massimo dalla mia visione notturna.

Mentre mi concentravo lì, erano per lo più tre forme enormi, con due gambe molto affamate che sporgevano da loro. Quello a terra presumibilmente tra le sue gambe aveva i capelli corti e tagliati, i pantaloncini tirati giù. Potevo vedere il suo culo bianco brillante che si conficcava nell'aria, quindi il tango uno ha ottenuto il soprannome di thumper.

I ragazzi alla sua sinistra avevano una barba lunga con i capelli corti, la sua maglietta tirata su ho dato a tango 2 il nick di rover mentre la sua lingua penzolava sbavando.

Il terzo ragazzo che ho guardato non c'era niente di straordinario in lui giovane come gli altri 2, capelli corti e pantaloncini di jeans e una maglietta era quello che la teneva giù. Tango 3 era la sentinella di cui mi sarei occupato per primo.

Quando ero nelle squadre il mio lavoro era gestire l'ingresso e le sentinelle, ero basso, tarchiato e, dannatamente, qualcosa che ero sempre stato anche senza allenamento. Ho fatto una passeggiata intorno agli alberi ho tirato fuori l'unica arma che avevo con me un coltello dalla mia scarpa da tennis. Prendendo il minor tempo possibile, ho girato intorno al gruppo mettendosi dietro la sentinella, aprendo lentamente la lama in modo che non venisse emesso alcun suono.

Ho iniziato a strisciare leopardo dietro di lui. In questo modo thumper non mi avrebbe visto da dietro. Rover era così perso nell'azione che i suoi occhi erano vitrei che non pensavo potesse vedere una dannata cosa che stava succedendo. Ero quasi arrivato, ho preso il coltello con la mano sinistra puntata verso il basso e ho messo la destra sul calcio del coltello in modo da poter ottenere una spinta potente con tutto il mio peso nell'abbassare il coltello.

Ero proprio dietro la sentinella, mi sono alzato in ginocchio e ho abbassato il coltello con un movimento rapido fino alla nuca, come se avessi fatto fuori tante sentinelle quando ero sul campo. Il coltello ha guidato in pochi secondi sembrava rallentare, il coltello ha reciso la colonna vertebrale e la sentinella è caduta a terra morta e senza un suono.

Fuori dalla mia visione periferica il rover aveva finalmente notato che qualcosa non andava e ho visto la sua gamba volare verso il mio viso. Ho portato il mio corpo a destra afferrando la sua gamba e ho iniziato a sollevarmi mantenendo lo slancio che aveva, ha iniziato a cadere all'indietro perdendo l'equilibrio e a terra.

Poi sono salito sopra la sua gamba e sono sceso con il mio ginocchio sulla sua gamba usando il peso del mio corpo per spingerlo giù rompendogli la gamba con uno schiocco udibile che ha rotto il suono della notte tranquilla. Poi ho sentito un bruciore al fianco, guardandomi intorno per vedere che il thumper era entrato nel gioco e aveva il mio coltello che mi aveva tagliato le costole.

Mi lanciai su e su di lui; scostando il coltello con il braccio sinistro e sentendolo scivolare lungo il mio polso e tagliarmi la carne. Abbiamo toccato il suolo io sopra di lui facendo uscire un po' dell'aria dai suoi polmoni con un respiro potente. Ha rotolato con esso e sono andato su di lui, ma prima che potesse davvero alzarsi completamente mi sono girato di nuovo verso di lui gli ho afferrato il collo torcendoglielo e poi mi sono alzato velocemente con il mio peso dietro di me facendogli spezzare il collo mai così facile come torcerlo è in i film.

Poi, mentre mi giravo, ho sentito un pugno sulla scapola destra, ma è stato spazzato via. Nella notte ho colto il bagliore del coltello a terra, ho abbassato il braccio, l'ho raccolto e fatto rotolare.

Tornando su per affrontare il rover, un sorriso si allargò sul mio viso ei miei denti scintillavano al chiaro di luna.
La paura è entrata nei suoi occhi come avrebbe dovuto. Mi sono perso nel momento in cui mi sono precipitato in avanti passandogli il coltello sul collo recidendo la giugulare, poi girando su se stesso spingendo il coltello di nuovo nel suo fianco sotto la gabbia toracica. L'ho ritirato mentre cadeva a terra il sangue che sgorgava l'ho asciugato sui suoi vestiti poi l'ho piegato e me lo sono rimesso nella scarpa.

Il tempo è tornato anche a me, quelli che mi erano sembrati minuti erano accaduti in così poco tempo!
Mi avvicinai alla ragazza che stese a terra la luna colpendo il suo viso malconcio era bellissima. Si stava tirando su quei noiosi pantaloni ricoperti di color pastello e si preparava a sedersi.

Era un disastro ma tanto più bella per questo, i suoi capelli castano scuro arruffati. La sua canottiera si è strappata e ha rivelato un seno ben fatto avvolto in un reggiseno di pizzo bianco. Mi ha guardato con la paura negli occhi, mi sono gettato vicino a lei e le ho sussurrato che va tutto bene ho ucciso gli uomini nessuno ti farà del male meno di tutti me. Si guardò intorno e vide gli uomini ammucchiati tutt'intorno a lei, i singhiozzi che tormentavano di nuovo la sua figura minuta.

Il suo respiro uscì in un sussurro da cavallo, notando i segni di lividi sulla sua gola. Ha gracchiato fuori la mia casa laggiù indicando anche la sua sinistra, per favore portami a casa.

Avevo pensato di chiamare la polizia ma non avevo il telefono con me. Quindi mi sono avvicinato di più, ho messo il mio braccio sinistro sotto le sue gambe e il mio destro sotto il suo collo. Per un secondo mi sono preoccupato che lei impazzisse per il fatto che gli uomini la toccassero, ma non l'ha fatto. Così ho sollevato entrambi da terra mentre lei mi afferrava forte il collo e spingeva la testa nello spazio nel mio collo.

Ho camminato nella direzione che mi aveva indicato sapendo che casa mia era troppo lontana e non aveva chiesto di andare all'ospedale dove probabilmente avrei dovuto portarla. Ho camminato con lei tra gli alberi, mentre uscivamo le case hanno iniziato a prendere forma pochi minuti dopo.

Le ho chiesto se fosse viva, mi ha sussurrato l'indirizzo all'orecchio perché riusciva a malapena a parlare. Ci siamo avvicinati a casa sua, ho fatto il giro del cancello e l'ho aperto meglio che potevo con la mano destra cercando di non farla cadere. Salì il suo portico e aprì la porta. Mentre entravo potevo vedere un divano anche alla mia sinistra, l'ho portata lì e l'ho messa giù.

Si era addormentata, non so come non pensavo di aver impiegato così tanto tempo per portarla qui. Anch'io mi sentivo così stanco che il sangue mi copriva il braccio e la mia camicia ne era intrisa. Ho camminato un po' per casa sua, ho trovato una luce accesa e ho trovato la cucina aperta. Lì ho trovato quello che cercavo un panno per lavare, ho rimosso la mia camicia fradicia e l'ho gettata nel cestino, ho pulito la mia ferita sul fianco e sul braccio. Non erano profondi ed entrambi si erano praticamente raggrumati.

Mi sono lavata un po' di più togliendo il sudore da uomo dal mio corpo, gettando il panno nel cestino insieme alla maglietta e spegnendo la luce. Avevo pensato di chiamare la polizia ma ero così assonnato, avevo bisogno di tornare a casa anche io non ero sano di mente, immagino. Mentre mi avvicinavo alla porta l'ho aperta per uscire quando l'ho sentita chiedermi per favore di non lasciarla.

Non mi ero resa conto che si fosse svegliata, tornai al divano nell'oscurità la sua voce era così lacerata.

"Per favore, resta con me ha gracchiato Non voglio essere solo stanotte!"

Andai a sedermi accanto a lei; lei si allungò e mi tirò giù così mi sdraiai dietro di lei. Si spinse di nuovo tra le mie braccia e le avvolse intorno a sé e disse.

“Mi sento al sicuro tra le tue braccia stringimi, proteggimi!”

Con ciò penso che si sia riaddormentata, ero così stanca per l'adrenalina che mi ero scaricata e mi sono addormentata profondamente. Mi svegliai al suono sommesso del russare, sentendo il calore del corpo flessuoso premuto contro di me e il sole che filtrava dalle persiane. La vista della sera prima mi è tornata in testa e il braccio e le costole mi facevano male, il mio sangue proveniva sia dal braccio che dalla ferita al fianco, soprattutto perché lei lo stava afferrando.

Emisi un leggero grugnito udibile di dolore mentre si girava svegliandosi e quasi cadendo dal divano. Si è alzata in piedi mi ha guardato per un secondo poi è saltata in azione balzando fuori dalla stanza dicendo che il tuo dolore resta lì, tutto torna subito. È tornata nella stanza per prendersi cura di una borsa che aveva messo su una nuova maglietta poiché la sua vecchia era stata strappata e probabilmente coperta del mio sangue durante la notte.

Ha tirato fuori le scorte e ha iniziato a prendersi cura di me essendo così gentile, non l'avevo mai avuto da un dottore prima che di solito fosse uno schiaffo sulla benda o qualsiasi altra cosa e ti togliessi di mezzo per la carne successiva. Ha pulito le ferite e poi mi ha guardato mentre stava finendo di guardarmi negli occhi. Quindi la scorsa notte non è stato un incubo, avevo così sperato che lo fosse.

"Come stai?"

"Stai bene?"

ho chiesto ho sfiorato con la mia mano libera le sue guance. Non l'avevo guardata bene la scorsa notte per dire che era semplicemente stupenda era un eufemismo!

Questa signora prima di me era un angelo, pelle bianca e morbida, occhi azzurri, capelli scuri che le ricadevano sulla schiena in onde, corporatura minuta con un busto grande per la sua figura e le labbra più birichine con il fondoschiena grande e arrotondato che sporgeva da la cima.

Il suo viso era pieno di lividi, ero triste nel vedere che lo era anche la sua gola, a parte il fatto che stava bene. Aveva quasi finito con quello che stava facendo, le ferite si sentivano molto meglio, doveva averci messo un agente paralizzante o qualcosa del genere.

"Stai bene ho chiesto?"

"Ho fatto in tempo?"

Ha di nuovo alzato lo sguardo su di me e ha detto grazie a Dio, so cosa sarebbe successo se non ti fossi presentato. Tutto quello che hanno avuto il tempo di fare è stato maltrattarmi un po' e toccarmi un po' Sono dolorante ma per il resto illeso era così vicino a violentarmi se non ti fossi presentato quando l'hai fatto.

Una lacrima le rigava il viso ed è caduta all'indietro. L'ho presa, l'ho ripresa in braccio e l'ho portata su e tra le mie braccia. Si rannicchiò come aveva fatto la sera prima; lei mi guardò negli occhi.

"Per favore, se non ti dispiace stringimi solo per un po', mi sento così al sicuro tra le tue braccia."

Ero più che disponibile e felice di soddisfare la sua richiesta. Rimaniamo seduti lì in silenzio per un po', potevo sentire il suo corpo caldo contro il mio, e il suo respiro caldo mentre usciva dalla sua bocca nel mio collo. Non potevo farne a meno, mi sembrava così sbagliato ma così bello che stavo per uscire.

Ho cercato di spostarmi un po' da lei e dalle sue curve nessuna donna aveva il diritto di elaborare quelle belle come queste. Ma mentre scivolavo lei è rimasta incolta e, se possibile, si è avvicinata. Il suo corpo si modellava nel mio le sue gambe, venendo intorno al mio si alzò e scese sul mio grembo. Non potevo fare a meno di sentire la mia asta che sentiva le sue chiappe sode mentre scivolava verso il basso. Sono arrivato alla massima attenzione, il cotone sottile del suo camice e i miei morbidi pantaloncini da basket non facevano nulla per nascondere la mia erezione dura come una roccia dal suo corpo morbido.

Mi guardò negli occhi e ridacchiò, si sollevò un po' e poi scivolò di nuovo giù molto lentamente. Sollevò il mento e avvicinò le sue labbra alle mie, molto lentamente, sentendo il suo respiro caldo sul mio viso. Mi sono fatto avanti e le nostre labbra si sono incontrate, lei ha tracciato molto lentamente con la punta delle dita le unghie che scivolavano sulle pianure nel mio petto nudo. Sentii la sua lingua scivolare sulle mie labbra e le aprii mentre lei spingeva la sua lingua nella mia bocca e la mia lingua spingeva indietro nella sua facendo una danza.

Il mio braccio si avvicinò alla parte leggermente nuda della sua schiena sentendo la carne morbida e calda sotto la punta delle mie dita. Ho fatto scivolare le mani su e giù un po', fino alla cima della sua maglietta fino al fondo del suo camice ancora rovinato. Continuammo a baciarci per molti istanti, il nostro respiro si fece affannoso; Ho iniziato a sentire le sue tette alzarsi e abbassarsi nel mio petto nudo, il calore proveniente dal suo corpo mi scaldava l'anima.

Ho iniziato a far scorrere i miei baci lungo le sue guance e sul suo collo, facendo attenzione a sfiorarle un po' e guardando il suo collo ammaccato per non ferirla, desiderando che quei bastardi fossero ancora vivi in ​​modo da poterli uccidere di nuovo. Tornando alle sue labbra e portando le mie mani intorno a quei morbidi tumuli premuti così forte nel mio petto che potevo sentire i capezzoli sporgere nel mio petto. Ho preso a coppa la parte inferiore e l'ho strofinata attraverso il tessuto suscitando un gemito da lei mentre mi baciava con fervore.

"Dio, portami a letto!"

L'ho presa in braccio senza ulteriori indugi come avevo fatto la notte scorsa e l'ho portata nel corridoio come mi ha indicato tutta la strada indietro ea sinistra. Entrai nella sua stanza, la parte più femminile della casa. Stendendola sul letto mi ha tirato con sé, sono salito su di lei e ha iniziato a spingersi dentro di me mentre ricominciavamo a baciarci. Ho strofinato le mie mani dalla parte superiore delle sue spalle, giù fino alla parte inferiore delle sue cosce e lentamente sono tornato su.

Spostando il suo peso si è spinta al mio fianco e io mi sono rotolata di lato, lei mi ha seguito arrivando a cavalcioni sul mio corpo. Potevo sentire il calore dei suoi lombi che era in fiamme, inarcò la schiena e mise le mani sulla parte inferiore della parte inferiore della camicia e la sollevò e se la tolse. Guardando quei seni caldi che mi ero sentito schiacciato contro il petto, mi alzai e ne presi uno in bocca.

Le sue mani che afferravano la mia testa mi stavano tirando dentro di lei, mentre avvolgeva un po' le dita tra i miei capelli. Ne succhiai uno e poi l'altro posando baci sulla carne più morbida che avessi mai sentito e usando le mani per giocare con la parte inferiore che era sensibile. Ho baciato ogni pezzo di carne che potevo con la bocca anche tra i morbidi tumuli, tirando fuori la lingua e facendola scivolare su tra i tumuli bianchi. Ha fatto scivolare il suo corpo verso il basso e ha iniziato a baciarmi mentre le mie mani esploravano la sua morbida carne esposta e la pancia soda fino al suo culo duro come la roccia.

L'ho tirata dentro di me stringendomi l'osso pelvico nel suo lei si è alzata e abbassata lentamente senza mai fermare il bacio. Alla fine ha riportato la sua morbida lingua calda sulla mia guancia fino al mio orecchio giocando con essa fino al mio collo. Ha seguito le linee del mio corpo fino ai miei pantaloncini ha iniziato a toglierseli lentamente mentre mi baciava, leccava e succhiava lungo le mie gambe.

Tornando su e leccando dal fondo del mio sacco, fino alla punta del mio cazzo. Prese la testa in bocca e lasciò che lo spiedo scivolasse lungo l'asta, avvolse la mano intorno alla base e iniziò con movimenti lenti. Ho forzato i miei fianchi, facendo l'amore con la sua bocca calda e morbida. Dopo pochi minuti ha iniziato ad accelerare il passo sulla mia hot rod. Mi ha guardato con quegli occhi azzurri da camera da letto poi ha tolto la mano per riportare il cazzo fino alla gola, potevo sentire i suoi muscoli mentre deglutiva e succhiava lasciandolo lì per alcuni secondi. Ha iniziato a risalire la mia asta trascinando la sua lingua sotto la base di essa e colpendo la punta mentre raggiungeva la testa. Tornò su di esso con la mano e la bocca più velocemente, la mano che volava confusamente.

Ho iniziato a sentire il familiare bisogno di venire e non mi sono trattenuto. Ho detto al suo bambino che sto per sborrare addosso che ha lasciato andare la mano, l'ha ripresa di nuovo fino alla gola per un secondo e poi l'ha tirata su in modo che fosse solo a metà bocca. Non riuscivo più a trattenerlo e la prima corda le schizzò in fondo alla gola e lei vomitò un po', ma rallentò senza mai fermare l'aspirazione.

Lentamente ha iniziato a drenare un po' agli angoli della bocca. Non facevo sesso da alcune settimane ed era stato risparmiato. Non credo di essere mai venuto così tanto come è uscito uno scatto dopo l'altro. Alla fine ho finito e sono caduta di nuovo nel letto, ha continuato a succhiare per qualche altro secondo mentre si ripuliva intorno alla base, risalendo asciugandosi gli angoli della bocca con una lingua che aveva ingoiato un'ultima volta.
È caduta accanto a me con un sorriso e ha detto che penso che la mia pancia sia piena.

Mi girai un po' guardandola per vedere il sudore che aveva sulla fronte e cominciando a sbocciarle sul fondo del collo la baciai e la ringraziai per quello era il miglior colpo che avessi mai avuto. Mi stavo eccitando di nuovo e potevo sentire l'odore dei suoi succhi di figa profumati che galleggiavano sulle correnti d'aria nella stanza.
Scivolai lungo il suo corpo lasciando baci e succhiando la carne morbida del suo corpo ammaestrato e morbido. Mi sono fatto strada tra le sue gambe e ho trascinato il mio mento attraverso la piccola ciocca morbida dei suoi capelli che aveva appena sopra la sua figa. Ho baciato e succhiato le labbra esterne e l'ho leccata da prua a poppa, evitando il suo clitoride per molti minuti mentre stuzzicavo il resto della sua figa, i suoi succhi scorrevano.

Ho iniziato a scoparla con la lingua, alla fine ha iniziato a sbattere i fianchi, ho preso alcune dita nel suo buco caldo e fradicio, la mia lingua è passata sul suo clitoride. Si lamentava e tremava mentre le davo piacere sperando di darle tanto piacere quanto lei mi aveva dato. Aveva un sapore così dannatamente buono che non ne avevo mai abbastanza della sua figa e dei succhi che ne scorrevano a torrenti.

Ho succhiato e ho iniziato a giocare con il suo clitoride mentre spingevo le mie dita dentro e fuori dal suo buco bagnato variando il ritmo ei ritmi e ogni tanto le giravo per sfiorarle le pareti prima di continuare il mio assalto. Alla fine fui ricompensata, lei emise un gemito gutturale puro e profondo, i suoi fianchi sollevarono la schiena inarcata, entrò nella mia bocca in attesa. I suoi succhi erano in abbondanza, ho leccato la sua fica con la mia lingua piena cercando di catturare tutti i succhi mentre mi scorrevano lungo il mento e su tutto il mio viso mi ha mandato a sentire le mie narici.

Alla fine cadde sul letto con l'aria che le usciva dai polmoni in una bella raffica e le sue mani affondarono nei miei capelli tirandoli un po'. Era sensibile, potevo dire che il mio respiro la toccava appena e lei si scuoteva. Ho pulito con cura pur assaporando quei succhi, alla fine avendone abbastanza mi ha tirato i capelli e ho seguito il suo corpo.

Spinse la sua lingua nella mia bocca assaporando se stessa un ampio sorriso apparve su quei bellissimi zoppicanti birichini. Si alzò di nuovo e si mise sul mio corpo allineandola con il mio palo molto eretto, scese lentamente finché fui sepolto fino all'elsa nelle sue strette regni. I nostri capelli si stavano mescolando in una massa bagnata. Ha iniziato a macinare il suo corpo dopo alcuni secondi in avanti lentamente, poi si è tirato indietro più velocemente, dopo un po' ha messo le mani sui miei addominali alzandosi e abbassandosi con movimenti veloci variando il ritmo.

L'abbiamo fatto per un po' prima che si alzasse e scendesse da me e tornasse a guardarmi a quattro zampe con un grande sorriso sul viso, vieni marinaio? Mi alzai e mi spinsi in avanti mentre lei appoggiò la testa sul letto e mi spinse indietro, colpo dopo colpo.

Il calore che proveniva da dentro di lei sul mio cazzo, si sentiva così bene così come i suoi muscoli interni più intimi mentre afferravano il mio cazzo con ogni spinta, lei era così dannatamente stretta che mi sentivo così bene. Potevo sentire il suo succo ricoprire la mia asta e scorrere fino alle mie palle come con ogni schiaffo sulla sua figa fatto e rumore udibile. A questo punto la mia mano era passata intorno alla sua vita e al suo monticello pubico ho trovato il suo clitoride e ho iniziato a strofinare lentamente schemi circolari, poi velocemente per alcuni secondi la schiena per rallentare.

Ha dichiarato di tornare dentro di me a una velocità incredibile in quel momento, il suono della pelle che schiaffeggia e l'aroma del sesso aleggiavano nell'aria. Cominciò ad avere uno spasmo ea gemere; Ho sentito la sua fica stringersi sul mio cazzo mentre sentivo i suoi fluidi lavarmi addosso con rinnovato vigore mentre mi stavo facendo il bagno in lei. Ero quasi pronto a venire ma non volevo, ma mi sono concentrato sul non lasciarmi andare ancora e il suo corpo si è scosso e sussultato e quando ha finalmente finito sono scivolato fuori dalla sua figa bollente.

È caduta sul letto e io l'ho girata e mi sono messo tra le sue gambe, l'ho guardata negli occhi un sorriso malizioso venire sul mio viso. Mi sono messo in fila e prima che potessi iniziare ad entrare in lei, si è alzata e la mia testa ha penetrato la sua figa.

Mi spinsi dentro di lei, era così bagnata e stretta che non incontrai resistenza mentre mi affondavo dentro di lei fino in fondo di volta in volta. Scivolai fuori da lei quasi del tutto e poi con una forte spinta forte entrò di nuovo in lei più e più volte dando un ritmo, il suo viso iniziò a contorcersi mentre annunciava che era vicina a venire di nuovo. Mi sono avvicinato e ho iniziato a picchiarla come un pazzo, tutti i pensieri mi sono volati via dalla testa, la mia spinta è diventata più corta e veloce.

Ho sentito lo sperma bollente fluire dalle mie palle lungo l'asta del mio pene e mi sono spinto in profondità dentro di lei mentre le avvolgevo il braccio per sollevarla verso di me, ho sentito il mio primo getto rompersi dal mio pene nella sua figa. La sua figa sembrava quasi viva, si contrasse e si chiuse mentre entrava nel suo orgasmo.

La sua figa mi stava mungendo così amorevolmente di tutto ciò che avevo da offrire che i climax sembravano durare per sempre, costruendo una volta dopo l'altra che quasi svenivo. Alla fine era finita e ho guardato in basso immerso nei nostri succhi combinati che le inondavano la figa.

L'ho guardata negli occhi ed entrambi abbiamo sorriso, i nostri volti coperti di sudore che gocciolava sui nostri volti. Lentamente mi strattonai e mi tirai fuori, e caddi accanto a lei sul letto tirando il suo corpo al mio e lo sentii modellarsi nel mio. Ha girato la testa per guardarmi negli occhi...
"Ti amo per favore non lasciarmi mai andare!"

Storie simili

BANDIERE A SCACCHI FATEMI SCOPARE.

Alla fine del 200esimo giro della gara modificata NASCAR Oswego Fall Classic del 1973, la bandiera a scacchi sventolò sulla mia Vega n. 2 con motore big block. Probabilmente 10.000 delle 15.000 persone sugli spalti tifavano per me. Agli altri o non piacevo o speravano semplicemente che il loro pilota preferito vincesse. Un'altra vittoria in una gara era nei libri con il mio nome sopra. Quella è stata la mia sesta vittoria della stagione su quattro piste diverse nel programma del tour del Nordest. È stata una buona cosa che la gara fosse finita quel giro perché potevo sentire che una...

351 I più visti

Likes 0

Incontrare di nuovo Taylor al Park

Erano passati diversi mesi da quando io e Taylor ci eravamo messi insieme e, col passare del tempo, ho finito per vedere la mia vecchia ragazza. Stavo cercando di lasciarmi l'esperienza alle spalle, ma ogni volta che facevo sesso, sembrava che finissi sempre per pensare a Taylor. Ero ossessionato da lei, al punto che passavo davanti a casa sua, sperando disperatamente di incontrarla. Avevo iniziato a rendermi conto che non l'avrei mai più rivista, ma continuavo a portare il mio cane a fare passeggiate intorno al lago tutti i giorni, a volte anche due volte. Ancora una volta, non mi sarei...

329 I più visti

Likes 0

Catherine- prima parte._(1)

Lentamente, Catherine si sveglia dal letto sentendo l'aria fredda della California inondare la sua stanza. Si alza dal letto solo per sentire le piastrelle fredde sul pavimento. Allontanandosi dal letto, si prepara per la scuola. Entrando in bagno, ricordò la scorsa notte quando si era toccata per la prima volta. È stata un'esperienza strana, aveva sentito parlare e voci sulla masturbazione ma non l'aveva mai fatta da sola, anzi, a se stessa. Guardandosi allo specchio Catherine vide una ragazza con i capelli castani e gli occhi castani, un seno un po' sviluppato che sembra un po' insolito per una diciottenne. Si...

880 I più visti

Likes 0

Inaspettato..Parte 2

Cosa sta succedendo qui? La voce riecheggiò nella stanza, e subito lei capì chi era, suo fratello. Emyd si girò con calma sul letto e parlò con calma. Hey Josh, umm Aria è caduta disse mentre si alzava. Aria ha cercato di nascondersi sotto le coperte. mmhmm Josh si rivolse a Emyd I giochi al piano di sotto, vieni? Chiese. sì disse mentre faceva qualche passo verso la porta, ma poi si rivolse ad Aria Dovresti restare a letto per un po', sai, per ogni evenienza.. Mentre usciva e lasciava Aria, lei poteva ancora sentire le sue labbra sulle sue. Aria...

814 I più visti

Likes 0

Il sexy shop – storia 16

In primo luogo, mi chiamo Lucy e ho 24 anni, 5 piedi e 5 con capelli biondi lunghi e folti, seno 32b e pesavo a quel tempo circa 110. La maggior parte delle persone direbbe che ero ben messa, il mio ex ha sempre detto che ero ben scopabile. Non ho trovato difficile trovare ragazzi. Sono appena venuti da me e ho avuto difficoltà a dire di no. Giovani, vecchi, belli, brutti, magri o grassi. Se avevano un cazzo ne avevo bisogno dentro di me. Lavoravo al bordello da poco più di quattro mesi e continuavo a scoparmi il padre di...

613 I più visti

Likes 0

Stazione Anton.

Mi dispiace per le persone che si prendono una pausa da Link perché sono TOTALMENTE perplesso e ho pensato a una nuova idea per una storia, Kai, con i suoi lunghi capelli castani e ricci con l'aiuto della brezza, le sferzava la nuca. Le sue lunghe ciglia, che quasi nascondevano i suoi occhi celesti, le tenevano lontano lo sporco dagli occhi. Mentre il cavallo si impennava davanti a lei, Kai alzò le braccia davanti a lei e si inchinò dolcemente al cavallo. I suoi movimenti rapidi erano taglienti e Kai non sapeva se poteva domare il cavallo o no. Dopo circa...

601 I più visti

Likes 0

Mom Eyes The Kids Capitolo nove e dieci

Diana non era sicura se si vedesse, ma si sentiva come se stesse ansimando come un cane mentre si muoveva verso la figlia nuda mentre la ragazza si adagiava in modo così provocatorio sul letto. E dagli sguardi che l'adolescente le lanciava con i suoi occhi sensuali e abbassati, Diana era abbastanza sicura che la ragazza ne fosse entusiasta quanto lei. Diana si sedette sul lato del letto. Il suo piano originale era stato quello di sedurre la ragazza nello stesso modo in cui aveva fatto con Jimmy, iniziando chiedendole quanto spesso Holly si fosse fregata con una preoccupazione genitoriale fraudolenta...

552 I più visti

Likes 0

La mia confessione_(1)

Questa è la mia partecipazione alla sfida Calling All Writers - Chapter 6 sul forum Sex Stories su www.xnxx.com. (Questo è per quegli stronzi che rubano storie e le pubblicano altrove.) Il tema di questa sfida era scrivere una storia sull'amore non corrisposto, facendo riferimento alla canzone All I Have to do is Dream, resa popolare dagli Everly Brothers come singolo di successo pubblicato nell'aprile 1958. C'è un problema: gli scrittori che hanno accettato la sfida dovevano scrivere dal punto di vista del sesso opposto. Sono un uomo, quindi ho dovuto scrivere come una donna. ATTENZIONE: questa non è una bella...

499 I più visti

Likes 0

Il dildo di mia figlia, parte 4

Le due settimane successive trascorsero quasi senza drammi. Nicole aveva rinunciato a farmi pressioni affinché la scopassi e ogni giorno godevamo di una quantità generosa di attività sessuale. Le cose rallentarono a malapena quando le vennero le mestruazioni. Seghe e pompini venivano ancora somministrati con grande regolarità. Era felice di permettermi di toccarle il culo e il clitoride, ma non mi permetteva di avvicinarmi al suo buco della figa. Inaspettatamente, ho scoperto che quel piccolo filo che pendeva da lei era uno spettacolo stranamente erotico. Non passava giorno in cui non ci masturbassimo insieme ad un certo punto. Era diventato il...

375 I più visti

Likes 0

La mia prima volta_(44)

La mia prima volta Non crederei mai, nemmeno in un milione di anni, che lo direi a qualcuno, ma devo solo condividerlo con qualcuno. Sono ormai molti anni che scopo mia nuora. Quando si è trasferita fuori dallo stato, la nostra relazione di sesso reciproco è finita. Credimi, darei il mio dado sinistro per riaverla; Ma un uomo deve fare ciò che deve fare. Una notte stavo navigando in rete e mi sono imbattuto in un sito porno di cui non sapevo esistesse. Spettava agli uomini gay incontrare altre persone che la pensavano allo stesso modo. Mentre scorrevo gli elenchi e...

258 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.