Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

175Report
Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo
per mio pseudonimo3000
Diritto d'autore 2013

Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena

Visita il mio blog su www.mypenname3000.com.

«Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo.

Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no. In questo momento, Curtis stava partecipando alla convention in hotel e non mi aspettavo che tornasse per qualche ora in più.

"Hai fame?" Chiesi alle mie sorelle, chiudendosi la porta alle spalle: "Curtis sta pagando per questo?" Ieri sera, ero sopra Curtis, godendomi il suo grosso cazzo nella mia figa mentre lo cavalcavo in stile cowgirl, quando sua moglie ha chiamato. Lo stronzo ha parlato con sua moglie mentre io lo fotto, il maiale schifoso. Dato che si è rivelato essere uno stronzo traditore, non mi sono sentito male ad aumentare il conto dell'hotel.

"Ohh, Curtis", disse la suora nera con il suo accento africano esotico. "È bello?"

"Ha gli occhi azzurri più belli, che ti fanno sciogliere nelle mutandine", ho risposto, sentendomi come un'adolescente per la prima volta da decenni, spettegolando con i miei amici sui ragazzi. “Ma, per favore, ordina qualcosa. Lo stronzo è sposato".

"Ah, è così triste vedere un voto matrimoniale spezzato così facilmente", disse la sorella latina.

Mi sono reso conto che non conoscevo i loro nomi. L'unica suora che conoscevo era suor Louise ed è stata catturata dallo stregone Mark Glassner. “Sono Teodora Mariam. E... e sono così felice che tu sia qui. Potevo sentire le lacrime che mi scorrevano lungo le guance. Rimettiti in sesto, Theodora. In realtà non hai diciotto anni.

La suora latina mi abbracciò dolcemente, cullandomi come una madre. “Shh, andrà tutto bene, muñequita. Sono Isabella Cecilia”.

«Agnes Chibuzo», disse la suora africana e mi baciò sulla guancia. "Dio ci ha mandato per aiutarti nelle tue prove, sorella Theodora."

Ho annusato. "Grazie, sorelle."

«Ora, da ventiquattr'ore ho viaggiato quasi senza sosta», disse Agnes stancamente. “È stato un lungo viaggio dalla Sierra Leone. Allora dimmi, perché Dio, tramite il suo servitore Gabriele, ci ha mandato qui».

Ho detto loro tutto quello che sapevo. Come suor Louise aveva cercato di esorcizzare lo stregone Mark Glassner ed era stata catturata dall'interferenza di Lilith della Luna Nera. Come mi sono state insegnate le antiche preghiere e ho usato la sorella Mark per attaccarlo. Ma ciò non è riuscito. Il suo amante, l'altro Warlock, lo liberò dal legame.

"Sarà molto più disordinato, mi ha detto Ramiel, ieri", ho concluso. “Saranno necessari soldati. Quattro e quattro e quattro.

Isabella annuì. «È come se fosse ancora Napoleone», sospirò Isabella. “Eravamo in tre e ciascuno di noi legava quattro soldati sotto il comando di Napoleone. Abbiamo esorcizzato Napoleone a Waterloo. Il suo desiderio di essere imperatore distrutto, ha perso la battaglia. Uno sguardo di vecchio dolore attraversò il viso abbronzato di Isabella. "Suor Eustace Mariam è stata uccisa nella lotta".

"Quanti anni hai?" ho chiesto in soggezione.

"Sono nata nell'anno di nostro Signore, 1732", rispose Isabella.

Sbattei le palpebre, sapevo che noi suore avremmo praticamente potuto vivere per sempre, ma la maggior parte di noi si è stancata della lotta dopo sessanta o settant'anni e ha passato i propri poteri a un successore. L'unica suora di cui avevo sentito parlare aveva più di cento anni era la Madre Superiora. "Hai mai affrontato un demone?" Ho chiesto a Isabella, si spera.

«No», confessò Isabella. «Dev'essere per questo che siamo in tre. Questo Stregone sta usando antiche magie. Isabella sospirò, stancamente, strofinandosi il viso. "Vorrei che avessimo un monaco o due con noi."

"Un monaco?" Mi sono accigliato. "Vuoi dire una suora maschio, come noi?"

"Beh, non come noi", ha confessato Isabella. “Quando il Creatore nella sua infinita misericordia diede ai suoi figli i mezzi per combattere l'Avversario, 144 ricevettero il dono, metà uomini e metà donne. I regali degli uomini erano diversi dai nostri. Erano i soldati. Dati i poteri per combattere demoni e mostri e per proteggere noi suore in situazioni come questa".

"Perché non ho sentito parlare di nessun monaco?" Ho chiesto.

"L'ultimo monaco morì nel 1942, esorcizzando Hitler", rispose tristemente Isabella. “Cinque monache e un monaco e morirono tutte. Ma hanno rotto i poteri di Hitler e gli Alleati sono stati in grado di sconfiggere alla fine il Terzo Reich.

“Il problema con i monaci è la loro vocazione”, ha spiegato Agnes. “Troppi sono morti combattendo e non sono stati in grado di trasmettere i loro poteri a un successore. Anche noi siamo diminuiti. Forse ne rimarremo una dozzina".

"Temo che la fine si stia avvicinando", disse Isabella tristemente. “Sei l'ultima suora del Nord America. Siamo rimasti solo in due nelle Americhe latine".

"Ne avevamo quattro in Africa", ha detto Agnes, con le lacrime agli occhi. “Ma due stregoni sono apparsi in Congo, in lotta per il controllo della giungla, e abbiamo perso due sorelle che li esorcizzavano durante il fine settimana. E ho sentito dire che la stessa Madre Superiora ha avuto a che fare con uno stregone a Parigi.

La Madre Superiora era una leggenda. Presumibilmente, aveva più di mille anni e viveva nella Casa Madre a Rennes-le-Château, in Francia. Suor Louise mi ha raccontato storie sussurrate degli esorcismi della Madre Superiora da Vlad Tepesh a Rasputin e molti altri terribili uomini e donne nel mezzo.

Un sorriso sornione apparve sul viso di Agnes e lei allungò una mano e mi accarezzò il braccio. "Allora, Theodora, parlaci di questo Curtis a cui ti sei assecondato."

Un rossore mi pervase il viso. Quando ci è stata data la nostra estasi, il papa ha emesso indulgenze collettive, perdonando qualsiasi peccato che possiamo commettere. La maggior parte delle suore, almeno questo è quello che mi ha detto suor Louise, ha sfruttato l'opportunità per peccare il più possibile prima di doversi astenere ancora una volta.

"Ha la circonferenza", dissi con un sorriso, ricordando quanto fosse bello il suo cazzo allungandomi la figa mentre mi cavalcava la scorsa notte. "Sono venuto due volte con lui ieri sera, e ancora una volta stamattina."

"Ragazza cattiva", disse Agnes con un luccichio. Guardò Isabella. "Hai avuto il tempo di concederti?"

Isabella fece una risata gutturale. “Vivo in un remoto villaggio del Guatemala. Molte ore di macchina per l'aeroporto. Questo giovane dollaro, Miguel, mi ha accompagnato all'aeroporto. L'ho tenuto d'occhio per diversi mesi, pregando per una missione in modo da potermi dedicare a lui”. Un sorriso apparve sul suo volto. "Durante il viaggio verso l'aeroporto, ci siamo fermati tre volte in modo che potesse violentarmi".

«E tu, Anges? Chi hai scopato?" Ho chiesto.

Il suo sorriso divenne cattivo. “A Bruxelles ho scopato questo delizioso giovane nel bagno dell'aeroporto durante la mia sosta. E poi, durante il volo per Seattle da Chicago, ho flirtato con questa bellissima assistente di volo di nome Sarai. Aveva la pelle setosa e scura e le labbra più belle. Una brava ragazza musulmana ha affermato, ma quando siamo arrivati ​​a Seattle, quella brava ragazza musulmana mi ha fatto urlare di piacere nel bagno delle donne”.

Abbiamo riso tutti a questo. Ma la mia gioia non durò a lungo, le parole di Ramiel echeggiarono nella mia mente. Adesso servono soldati. Quattro e quattro e quattro. Il mio sorriso svanì e sospirai e chiesi: "Dove troviamo quattro soldati?" Ho chiesto.

«Provvidenza», sbadigliò Agnes, e si sdraiò sul letto. La TV si è accesa. "Scusa, mi sono seduto sul telecomando."

"... vai in diretta dallo sceriffo Erkart in procinto di tenere una conferenza stampa sul crescente scandalo Mark Glassner ammette che l'unità SWAT del dipartimento degli sceriffi della contea di Pierce", ha detto il conduttore televisivo.

Mi misi a sedere e le mie consorelle fissarono la TV. Provvidenza, pensai con un sorriso.

La telecamera ha tagliato una stanza con un podio addobbato di microfoni. Il sigillo del dipartimento dello sceriffo della contea di Pierce era appeso dietro il podio e un uomo alto e distinto con i capelli neri che ingrigivano alle tempie, salì sul podio. Le telecamere lampeggiarono nella stanza mentre si sistemava sul podio.

«Buonasera», salutò lo sceriffo, tristemente. “È con il cuore pesante che sono qui oggi. Un'intera squadra della mia unità SWAT, undici uomini e una donna, si è disonorata e ha tradito la fiducia del pubblico nel mio dipartimento dello sceriffo. Come tutti sapete, giovedì 13 giugno alle 4:10 circa, l'FBI, con il supporto di questa unità SWAT, ha fatto irruzione nella casa di Mark Glassner. Come hanno mostrato le foto recenti, i miei agenti si sono comportati in modo vergognoso e saranno sospesi con lo stipendio fino a quando la Pattuglia di Stato non avrà terminato le indagini”.

«Dio ha provveduto», sospirò Agnes.

“Amen,” terminò Isabella.

Un sorriso si è fatto strada sul mio viso. Mark Glassner ha affascinato un'intera unità della SWAT. Ramiel aveva spiegato l'incantesimo usato da Mark per legare i suoi Thrall e renderli immuni ai nostri poteri. L'incantesimo doveva essere eseguito individualmente dallo Stregone. Sembrava che la Provvidenza ci stesse dicendo che c'erano dodici, molto pericolosi Schiavi là fuori che giacevano liberi solo in attesa che io e le mie sorelle li raccogliessimo.

“Amen,” sussurrai mentre la speranza volava dentro di me.

Un leggero russare ruppe le mie fantasticherie e io ridacchiai. Suor Agnes dormiva su un fianco. Ha detto che le ci sono volute quasi ventiquattro ore di viaggio per raggiungere Seattle dall'Africa. Il poveretto deve essere così stanco.

“Non è così bella,” sussurrò Isabella, la sua mano appoggiata sulla mia coscia. La sua mano era calda e morbida e un brivido delizioso attraversò il mio corpo finendo alla mia presa inumidita. Isabella si voltò a guardarmi, un sorriso che giocava sul suo viso bruno. “Anche tu sei bellissima, Theodora,” sussurrò in una cadenza spagnola e potevo sentire il calore salire sulle mie guance.

Le labbra di Isabella erano piene e umide e sembravano così baciabili mentre il suo viso si avvicinava sempre di più al mio. Anche le sue labbra erano morbide e potevo sentire il sapore del lucidalabbra alla ciliegia mentre le succhiavo il labbro inferiore. La sua mano stava scivolando lungo la mia coscia, sotto la mia gonna, scivolando sempre più vicino alla mia fica inumidita. Ho messo la mia mano sulla sua gamba setosa, stringendole la coscia e raggiungendo la fonte di calore tra le sue gambe.

Le sue mutandine sembravano di raso e io le strofinavo l'inguine e potevo sentire il calore della sua fica. Ho spinto le mutandine nella scanalatura della sua fessura, sentendo la sua umidità filtrare lentamente attraverso il tessuto di raso e ricoprire le mie dita con la sua eccitazione appiccicosa. Gemevo nella bocca di Isabella mentre le sue dita accarezzavano delicatamente le mie mutandine di pizzo e tremavo mentre sfiorava il mio clitoride duro attraverso le mutandine.

Isabella ha rotto il bacio, leccandosi le labbra, ha allungato l'altra mano sotto la mia gonna e ha iniziato a togliermi le mutandine. Ho sollevato il culo, permettendole di infilarmi le mutandine lungo la gamba. Erano gialli e di pizzo, il tassello umido del mio desiderio. Isabella ha annusato l'inguine, inalando il mio aroma speziato e poi ha spinto le mie mutandine in bocca con un sorriso malizioso sul viso.

"Non vogliamo svegliare suor Agnes con i tuoi dolci lamenti", sussurrò con un sorriso malizioso.

Mi spinse indietro, allargò le mie cosce e io gemetti, il suono attutito dalle mie mutandine, mentre leccava la sua lingua gentile attraverso la mia fessura. Ho potuto assaporare il mio sapore sulle mie mutandine e ha aggiunto all'eccitazione. Accanto a me, suor Agnes russava piano, il suo bel viso nero come il carbone a pochi centimetri dal mio. La lingua di Isabella mi stava assaporando ovunque, succhiando le mie labbra nella sua bocca, dando un colpetto al mio clitoride. Le sue dita aprirono delicatamente le mie labbra e poi la sua lingua si mosse nel mio buco.

Oh Dio, è stato così incredibile. Afferrai il piumone verde e gettai indietro la testa mentre suor Isabella dava piacere alla mia fica. Oh, cazzo, la sua lingua era così meravigliosa. Volevo dirle quanto piacere mi stesse facendo provare, ma le mutandine infilate nella mia bocca mi hanno ridotto a grugniti e gemiti. Mi stavo avvicinando così tanto al cumming, i miei fianchi iniziavano a contorcersi mentre il mio piacere aumentava. La sua lingua entrava e usciva dal mio buco, il suo naso sfregava dolcemente contro il mio clitoride, ogni spazzola mi avvicinava sempre di più finché non urlavo nelle mie mutandine mentre inondavo il viso di Isabella.

Isabella ha dato un'ultima leccata alla mia fica e poi si è abbassata, baciando la mia macchia, sollevandomi il culo e facendo scivolare un cuscino sotto di me. Il suo respiro era caldo sul mio culo, e le sue dita allargò delicatamente le mie chiappe e io sussultai nelle mie mutandine mentre la sua lingua toccava il mio ano increspato. Un brivido birichino mi ha formicolato mentre mi ha chiazzato il culo.

La sua lingua circondò il mio buco del culo e poi premette contro l'anello stretto. La sua lingua premette e premette e poi spinse oltre lo sfintere, dimenandomi nel culo. Stavo gemendo di nuovo nelle mutandine, sentendo un secondo orgasmo crescere. Le sue dita si sono allungate e hanno pizzicato il mio clitoride duro, facendo rotolare la mia piccola protuberanza tra le sue dita, inviando scosse elettriche in tutto il mio corpo contorto.

Cazzo, Isabella sapeva di certo come dare piacere a una donna. Mi stava avvicinando sempre di più a un secondo sperma, e si stava preparando a diventare più grande dell'ultimo. La sua lingua scivolava dentro e fuori dal mio buco del culo, vorticando intorno al mio ano stretto. La troia cattiva mi stava facendo il culo e la mia fica si sentiva così meravigliosamente. Quella straordinaria sensazione di liberazione stava crescendo e crescendo, dolce Gesù mi stavo avvicinando così tanto e poi il delizioso brivido, i muscoli che si serravano nel mio culo e nella mia figa, l'elettricità che mi attraversava il corpo.

Ansimavo e Isabella si arrampicava sul mio corpo. Mi ha tolto le mutandine dalle labbra e poi mi ha baciato dolcemente sulle labbra e ho potuto assaporare il sapore aspro del mio culo. Poi Isabella si è raggomitolata contro di me, ha appoggiato la testa sul mio seno e si è addormentata.

Tre suore, pensai mentre portavo la testa di Isabella al mio petto. Mark non avrebbe alcuna possibilità.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Mentre correvo lungo Shaw Road, giovedì mattina, la mia mente continuava a vagare alla telefonata di Willow di ieri e alle notizie esplosive che aveva consegnato. Karen era incinta. Per il demone Lilith, nientemeno. Il suo bambino stava crescendo velocemente, quasi una settimana di crescita in un giorno, secondo Willow. Lo stress del bambino che cresceva aveva lasciato Karen in uno stato così debole che era a malapena cosciente per metà del tempo.

“Abbiamo pensato che fosse meglio abortire l'embrione,” aveva spiegato Willow, “e poi è apparsa Lilith. Ci ha avvertito che la vita di Karen era legata al bambino che cresceva dentro di lei. Se la bambina morisse, sarebbe morta anche Karen".

Era fottutamente frustrante. Non c'era niente che potessimo fare. Da quando ho stretto il mio Patto, non mi sono mai sentito così impotente. Nemmeno quando Karen era su di me, cercando di esorcizzare i miei poteri. Riuscivo ancora a lottare per evocare Lilith. Ma non c'era assolutamente niente né Mary né io potevamo fare se non aspettare che Karen partorisse e preoccuparci del tipo di problema che avrebbe causato la cosa che cresceva dentro di lei.

La scorsa notte, ci siamo seduti per un'ora con Karen e l'unica volta che si è svegliata ci ha sorriso prima di perdere i sensi. Abbiamo incaricato il personale dell'ospedale di non denunciare la sua gravidanza insolita e di tenere sempre con sé una delle troie. La rabbia mi bruciava nello stomaco mentre guardavo la mia Karen sdraiata così svogliata, tutte quelle macchine attaccate al suo corpo. Rabbia con Lilith e rabbia con me stesso per essere così stupido.

Quella notte, quando Lilith si offrì di barattare i segreti della magia per il semplice prezzo di una fottuta Karen, non esitai nemmeno. Che male potrebbe esserci nel lasciare che il demone la scopi? Lilith ha formato un cazzo dal suo clitoride e mi ha detto che era così eccitata. Non aveva una donna sul cazzo da secoli. Potevo capire quel disperato bisogno di scendere in alcune ragazze strappate. Tutti i ragazzi lo hanno capito. Non mi è nemmeno venuto in mente che Lilith potesse avere in mente qualche ulteriore piano quando si è scopata Karen.

Ma lei era un demone e Mary ed io avevamo imparato una lezione importante. Un demone non fa mai nulla a meno che non gli avvantaggia in qualche modo. Troveranno un modo per trasformarlo a loro vantaggio. Allora perché il diavolo mi ha dato la capacità di evocare Lilith in primo luogo. Non era per gentilezza o per senso di correttezza. Da quanto mi ha detto Karen, Warlock non aveva evocato demoni o usato magie per migliaia di anni. Il diavolo vuole qualcosa da me. Ha bisogno di qualcosa che solo io posso fare, qualcosa che solo uno Stregone gli dà. E la vera domanda è: mi gioverà o mi morderà nel culo alla fine come è diventato il semplice accordo di Lilith.

Scommettevo sul fatto che mi mordesse il culo.

Quando Mary ed io stavamo tornando dal club, abbiamo visto arrivare diversi camion in movimento. Le nostre famiglie stavano seguendo i nostri ordini e si stavano trasferendo. Abbiamo mandato le troie a dare una mano e il senso di colpa di mia madre mi ha fatto inciampare nel portare scatole nella sua nuova casa. Mary ha pensato che sarebbe stato divertente guardare e fare commenti inutili fino a quando mia madre non le ha messo una scatola tra le braccia e Mary, con un'espressione accigliata, si è sentita in colpa per dare una mano con la stessa facilità con cui lo ero io.

A mezzogiorno, le nostre famiglie sono state trasferite a casa e siamo stati tutti riuniti a casa per mangiare i deliziosi panini con insalata di uova che Desiree ha preparato per pranzo. I panini erano così buoni che ho deciso di perdonare Desiree per essere uscita dalle scatole con il resto di noi.

"Sandy, Mark e io abbiamo bisogno che tu veniate con noi, questo pomeriggio", disse Mary a mia madre mentre divorava il suo panino. "Dobbiamo legare alcuni piloti."

Alle tre avevamo un appuntamento con il capo delle risorse umane dell'Alaska Airlines per selezionare i nostri piloti. Ieri abbiamo comprato un Gulfstream IV da questo miliardario e Mary ed io abbiamo convenuto che i nostri piloti vincolati dall'incantesimo Zimmah è la strada più sicura. In questo modo non dovevamo preoccuparci che una suora raggiungesse il nostro pilota e le facesse schiantare il nostro aereo con noi dentro.

"Oh, certo", rispose mia madre. "Immagino che il disimballaggio possa aspettare."

"Oh, abbiamo un sacco di tempo", disse Betty, accarezzando affettuosamente il polso di mia madre.

Betty era la... eh... la fidanzata di mamma, suppongo. Stavo avendo problemi ad avvolgere il mio cervello attorno a mia madre e Betty. Per tutta la mia vita la mamma è stata una cristiana rigida ed è stato sorprendente scoprire che negli ultimi anni aveva tradito mio padre con Betty Cooley. E ora che mio padre era morto, e mamma e Betty, con una piccola spintarella da parte di Mary, si erano trasferiti a vivere insieme.

"Dovremmo fare un bar-ba-que", suggerì Sean, il mio futuro suocero. "Una bella famiglia si riunisce una volta che tutti si sono sistemati." Aveva Felicity, la schiava sessuale che Mary gli aveva dato, gli dondolava sulle ginocchia. Felicity era vestita con l'abito da scolaretta più porca e birichina che avessi mai visto. Sean era un insegnante di scuola superiore e sembrava che stesse lavorando per tutti quegli anni senza molestare i suoi studenti con Felicity.

"Ohh, sembra divertente", intervenne Missy. Missy era la sorellina di Mary, ancora al liceo, che sembrava quasi l'immagine sputata di Mary. La differenza principale, a parte l'età, erano i capelli biondo fragola di Missy contro i capelli ramati più scuri di Mary.

"Lunedi?" Ho chiesto a Mary, pensando a cosa avremmo potuto avere in programma per quel giorno.

"Hai programmato quelle prove per lunedì, giusto?" mi ha chiesto Maria. Dopo essere tornato a casa dall'ospedale la scorsa notte, ho passato due ore a chiamare le agenzie di polizia nella contea di King e Thurston per organizzare un nuovo gruppo di donne da cui attingere più guardie del corpo. Con le nostre famiglie da proteggere e una suora in agguato, volevo più protezione.

"Sì, possiamo fare il barbecue allo Sparks Stadium e tutti possono aiutarci a valutare alcune nuove guardie del corpo", dissi annuendo.

"Certo, sembra divertente", disse George. George era il ragazzo di Shannon.

Shannon rise, agitando i suoi capelli rosso fuoco e solleticando il suo ragazzo. "Qualcuno solo una volta per scopare delle belle ragazze."

«Be', c'è una questione di cui dobbiamo occuparci», disse Mary. "Mark e io abbiamo potenti nemici e userebbero i nostri cari contro di noi."

Antsy, la mia sorellina sbuffò. “Parlami di questo,” mormorò. Le suore ci avevano attaccato tramite Antsy, cercando di dividere me e Mary.

"Sì, ecco perché dobbiamo proteggerti con il Legame di Zimmah", concluse Mary.

La famiglia si accalcò al piano di sopra e si accalcò nella nostra camera da letto. C'erano mia madre, la sua ragazza Betty e la loro schiava sessuale, Joy. E Antsy e la sua schiava sessuale, Via. Poi la famiglia di Mary ha sminuito la mia. Suo padre e la sua schiava sessuale. Sua sorella maggiore Shannon e il suo ragazzo, e la loro schiava sessuale, Starla. E la piccola Missy, il suo ragazzo Damien e le loro due schiave del sesso Dawn e la signora Corra. La signora Corra era l'insegnante di Damien prima che la rendessi schiava sessuale di Damien, eppure lui la chiamava ancora signora Corra mentre la comandava.

Mary e la mamma si spogliarono nude e si sdraiarono fianco a fianco sul letto, entrambe bellissime. Mary era la bellezza della giovinezza, un seno vivace e un viso fresco. La mamma era una bella MILF a quarantatré anni. Possedeva la matura bellezza della maturità, il suo corpo ancora teso come quello di una diciottenne dal suo esercizio quotidiano, i suoi seni ancora adorabili e il suo viso era sexy e sicuro di sé.

Sono strisciato su mia madre, le sue braccia tese. “Il mio ragazzo è cresciuto,” sorrise, tirandomi giù nel suo abbraccio, le sue mani afferrarono il mio cazzo e lo guidarono verso la sua fica.

Accanto a noi, Sean stava strisciando sul corpo di sua figlia. «Sei così bella, Mary», sussurrò.

"Oh, papà!" Mary sorrise, tirandolo giù e avvolgendogli le gambe intorno alla vita. "Hmm, infila quel cazzo duro nella fica della tua dolce figlia!"

Ero nella fica di mia madre, fotto il mio cazzo dentro e fuori di lei mentre le sue labbra catturavano le mie in un bacio. Ho vagato per il suo corpo con le mie mani, trovando i suoi seni e dandogli una stretta. I suoi capezzoli erano duri mentre ci strofinavo la mano. I fianchi di mia madre si sollevarono per incontrare le mie spinte, spingendo il suo clitoride nel mio osso pubico. Si sentiva così fantastica. Questa era la fica da cui vengo, pensai. E quel pensiero malvagio ha reso il sesso più elettrizzante.

"Ti piace la mia fica, papà?" Maria tubò. Sembrava una ragazzina con suo padre, chiedendogli se le piaceva il suo vestito.

"Sì, Mary", gemette mentre arava nella sua fica. "Ti senti così stretto."

"Ti sembra familiare?" chiese Mary con un sorriso malizioso. "Ti sembra la fica che ti ha cavalcato il cazzo quando eri bendata lunedì?"

Sean gemette. "Eri tu? Oh, amico, è stato fantastico.

"Così incredibile come questo?" chiese Maria. Suo padre gemette forte. Non ero sicuro di cosa avesse fatto Mary, ma suo padre sembrava trovarlo fantastico.

L'intera situazione era troppo eccitante per me per durare a lungo. Le nostre famiglie ci guardavano mentre scopavamo i nostri genitori. La mia spinta stava diventando frenetica. “Oh Dio, mamma. Ti senti così bene. Sto... ohhh cazzo... sto per venire!

"Dammelo, Mark!" mia madre gemeva come una prostituta sfrenata.

Le ho martellato la fica più forte, le mie palle si sono serrate e poi ho gemito e il mio sperma si stava riversando nella fica di mia madre. La sua figa si contrasse attorno al mio cazzo e rimase senza fiato quando il suo orgasmo la travolse. Sono crollato su di lei, godendomi la sensazione della sua fica mentre il mio cazzo si ammorbidiva, il calore del suo corpo mentre premeva sotto di me. Catturai le sue labbra in un bacio, poi mi voltai a guardare Mary farsi scopare da suo padre.

Mary mi guardò, un sorriso stampato in faccia. Suo padre grugniva su di lei, scopandola sempre più velocemente. Si alzò sulle braccia, sbattendo contro la fica della mia fidanzata e poi il suo corpo si tese e gemette mentre allagava la figa della sua dolce figlia. Mary tremava sotto di lui, i suoi seni si sollevavano mentre lui entrava nella sua dolce figa.

Ho rotolato via da mia madre e Sean è rotolato via da sua figlia. Entrambe le donne sono sdraiate lì, sborrate fuori dalle loro fighe appena scopate. Mary ed io abbiamo deciso di legare le rispettive famiglie. Non volevamo rendere schiave le nostre famiglie, solo per proteggerle, quindi abbiamo detto alle nostre famiglie che potevano ignorare i nostri ordini. Ha permesso ai nostri cari di avere il loro libero arbitrio.

Shannon è stata la prima, strisciando tra le gambe di mia madre e prendendo un colpo dei succhi di figa di mia madre e del mio sperma. Mormorai "Zimmah" e sentii l'energia legare Shannon a me.

Antsy strisciò sotto le gambe di Mary e leccò la fica della mia fidanzata, raccogliendo un grosso globo di sperma incestuoso e succhi di figa. “Zimmah,” intonò Mary e io osservai il brivido passare tra le due donne.

Uno per uno, i membri della nostra famiglia erano legati. Betty e mia madre da parte di Mary, e la famiglia di Mary da parte mia. Povero Sean, non gli piaceva dover assaggiare il mio sperma, non importa quanto fosse bella la fica che lo conteneva. E Damien si limitò a chiudere gli occhi, a leccare il più piccolo possibile, poi volò via, sputando. Poi seguì Missy, e poi Dawn, la signora Corra e Starla. Finché non rimase solo George, e tutti si rivolsero a lui.

"Shannon", disse George. "Prima di entrare davvero a far parte di questa famiglia, voglio farti una domanda."

"Bene?" disse Shannon, un sorriso sbalordito, speranzoso e incredulo che le giocava sulle labbra, la bocca che si spalancava e gli occhi pieni di emozione. Mi sono ricordata dello stesso sguardo sul viso di Mary quando le ho proposto di sposarlo.

George cadde in ginocchio, le afferrò la mano e le baciò il palmo. “Shannon, questi ultimi due anni sono stati i più felici della mia vita. Ti amo, Shannon. Tu sei il mio mondo. L'anima più gentile e dolce che abbia mai incontrato. Will...” La voce di George si incrinò e si schiarì la gola. "Mi vuoi sposare?"

“Sì,” sussurrò Shannon, le lacrime che le scorrevano dagli occhi. "Oh, sì, sì, sì!"

George tirò fuori un anello in oro rosa con un grande diamante. Nella fascia c'erano diamanti più piccoli. La mano di Shannon tremava mentre George le faceva scivolare l'anello al dito. Quando si alzò, lei gli gettò le braccia al collo e i due si baciarono. Le donne nella stanza avevano tutte gli occhi velati. Quando George ha rotto il bacio, è strisciato tra le gambe di mia madre e non ha esitato mentre si leccava.

Mentre Mary e io ci vestivamo per il nostro appuntamento, abbiamo assistito all'inizio di un'orgia familiare improvvisata. Tutto è iniziato quando Missy si è premuta contro suo padre, dicendo: "Tocca a me farmi scopare?" con un enorme sorriso malizioso sul viso.

“Ma...” farfugliò Sean. Sean aveva l'ordine di essere disponibile a scopare Mary per l'incantesimo Zimmah ed era contrario a scopare la sua figlia più giovane. Ma Missy aveva cento libbre di entusiasmo adolescenziale e, con l'aiuto della sua schiava del sesso Dawn, spinse Sean di nuovo sul letto. Si è messa a cavallo di suo padre, guidando il suo cazzo duro verso la sua fica stretta e adolescente, e ha iniziato a cavalcarlo, usando tutta la tecnica che le ho insegnato per compiacere un uomo.

George e Shannon sono scivolati fuori sul nostro balcone privato e la coppia appena fidanzata stava scopando appassionatamente sul nostro divanetto. Betty e Antsy erano sul letto a pomiciare accanto a Sean e Missy mentre mia madre guardava con affetto. Damien aveva le grandi tette della sua signora Corra sul suo cazzo mentre guardava la sua ragazza, Missy, cavalcare suo padre. Via, Joy e Starla sono scivolate in una catena a margherita sul pavimento, ciascuna troia divorando le fiche dell'altra.

Sospirai mentre uscivamo. «Ci ​​saranno altre orge», mi consolò Mary, premendomi contro.

"Non ho scopato nessuna delle loro schiave sessuali", gemetti. "Beh, ho scopato Felicity, ma non gli altri cinque."

"Un sacco di tempo per quello, Mark", mi rimproverò Mary, spingendomi giù per le scale. «Ma abbiamo l'incontro con gli architetti e il tuo colloquio pilota. Sono sicuro che troverai una bella nuova signora da farti scopare.

Ho sorriso, Mary ha sempre trovato il lato positivo di una situazione. "Beh, questo è il piano."

Prima di andare a SeaTac al quartier generale dell'Alaska Airlines, abbiamo avuto un incontro con un architetto per progettare la nostra villa. Mary aveva parlato con loro al telefono per l'ultima settimana, definendo le specifiche, e gli architetti avevano già preparato i loro primi concepimenti. Hanno fatto un ottimo lavoro, progettando un grande palazzo centrale e cinque pensioni più piccole in cui le nostre famiglie possono vivere sul retro della proprietà. C'era anche una stalla, Mary voleva avere cavalli, una piscina e un ampio paesaggio. Mary ha dato alcune brevi correzioni e gli architetti avrebbero iniziato a redigere i piani. Si spera che in un mese potremmo iniziare a dare il via alla costruzione.

Gli uffici dell'Alaska Airlines si trovavano sull'International Boulevard a sud dell'aeroporto SeaTac. Ho parcheggiato la Mustang e avevo 01 e 09, la nostra guardia del corpo per il viaggio, aspettava nell'auto della pattuglia statale bianca di 01. Ho preso il braccio di Mary e mia madre ci ha seguito dentro. L'interno era ben arredato, il logo della faccia eschimese dell'Alaska Airlines in rilievo sul pavimento dell'atrio e alcune piante in vaso punteggiavano gli angoli.

"Come posso aiutarla, signore?" chiese l'addetto alla reception, una donna robusta e di mezza età di nome Angela.

«Sì, siamo qui per vedere il signor Ledford», dissi. "Sono Mark Glassner."

L'addetto alla reception ha chiamato al piano di sopra e ci ha mandato da solo. «Piano quattro, dall'ascensore vai a sinistra. Non puoi perderti il ​​suo ufficio.

"Ricordi l'ultimo ascensore che abbiamo guidato?" chiese Mary con un sorriso sornione mentre spingevo il pulsante del quarto piano.

"Nessuna troia in ascensore questa volta", ho riso. È così che abbiamo incontrato Violet, una delle nostre troie. Ho portato la sua verginità nell'ascensore dell'hotel del Four Seasons, credo, su a Seattle.

Mia madre mi guardò, un'espressione accigliata sul suo bel viso. "Che cosa?"

«Non è niente, Sandy», le assicurò Mary. "Solo uno scherzo interno."

“Oh, certo,” disse Sandy con un cenno del capo.

L'ascensore ha suonato e siamo scesi al quarto piano. L'ufficio di Monroe Ledford era in fondo a un corridoio, in un'area aperta piena di cubicoli, contro il muro ovest dell'edificio. Aveva una donna dall'aspetto topo per una segretaria con il nome insolito di Richmal. "Ti sta aspettando, signor Glassner."

"Richmal, ignora tutti i suoni strani che senti, ok", disse Mary con un sorriso amichevole.

"Oh, certo, signorina", squittì Richmal.

Monroe aveva un ufficio spazioso, una grande scrivania in mogano e una parete ricoperta di schedari. Sette donne vestite con giacche e pantaloni da pilota blu erano rannicchiate in un angolo e parlavano tra loro e ci lanciavano sguardi curiosi quando entravamo. Monroe corse fuori da dietro la sua scrivania, un uomo robusto con un vestito dall'aspetto costoso. Il suo viso era rotondo, grasso che gli pendeva da sotto il mento, e grandi occhiali neri dominavano il suo viso.

«Piacere di conoscerla di persona, signor Glassner», salutò Monroe. "Ho raccolto i candidati proprio come lei ha chiesto, signore."

«Grazie, puoi aspettare alla scrivania della tua segretaria e non venire qui finché non ce ne andiamo» gli dissi, stringendogli la mano umida.

«Ah, certo, signore», rise Monroe. "Beh, sono tutti ottimi piloti e non rimarrai deluso da chiunque tu scelga."

«Va bene, signore, mettetevi in ​​fila» disse Mary, bruscamente.

Mia madre, con l'aria un po' fuori di testa, si mise a tavola. "Stai bene, mamma", ho chiesto mentre Mary metteva in fila i piloti.

"È solo... sconvolgente come voi due prendete il comando della situazione", ha ammesso la mamma. "E hai intenzione di, cosa... scopare queste donne?"

Ho scrollato le spalle. «Non tutti» ammisi. Molte delle donne non erano abbastanza carine. Sicuramente erano belle donne, ma io e Mary avevamo i nostri standard. «Si divertiranno, mamma. Quindi rilassati, ok?"

Sospirò. "Va bene, Marco." Si contorceva sul sedile. “Accidenti, mi sto trasformando in una tale sgualdrina,” mormorò, osservando le donne.

"Forse, mamma", le dissi, strofinandole la spalla. "Ma è molto divertente, vero?" chiesi con un sorriso.

Mia madre rise e mi baciò il dorso della mano. "La tua fidanzata inizierà senza di te", ha sottolineato la mamma.

Guardai le due belle donne che uscivano dalla porta. "Va bene, spogliati", ordinò Mary ai restanti cinque. “E preparati a farti fottere. Tutti voi volete accontentarci ed essere scelti per essere uno dei nostri piloti”. Mi sono avvicinato a lei e lei ha sussurrato: "Va tutto bene con tua madre?"

"Sì, la mamma non è abituata a tutto questo", risposi.

I piloti si stavano spogliando. Tutti loro indossavano la biancheria intima più noiosa, sono stato deluso dall'apprendere. Abbiamo inviato altri due bagagli; uno aveva una brutta cicatrice cesareo e l'altro il culo era coperto di cellulite e sembrava rugoso come una prugna secca. The remaining three were gorgeous women in their late twenties and early thirties.

Joslyn was a black-haired woman, willowy, with dark, Mediterranean complexion and brilliant green eyes. She had a nice set of round breasts topped with dusky nipples. Her belly buttoned was pierced with a small, golden charm set with a ruby and her pussy was shaved, revealing fat, dark pussy lips.

Duana was another black-haired woman, tall with Nordic cheekbones. Her breasts were small and perky and she had a thick, black bush between her legs. Her legs were toned and tanned from sunbathing, there were patches of pale flesh around her breasts and her crotch from her bikini.

Lynda was a strawberry-blonde with deep, blue eyes. She was short and curvy, with large, pillowy breasts with some of the biggest, fattest nipples I had ever seen, each pierced with a thick, gold ring. Her pussy was shaved, save for a triangular patch of reddish hair above her clit.

I walked over and hefted Lynda's large breast, feeling the weight and gave her nipple piercing a tug bring a soft gasp to Lynda's mouth. Mary was running her fingers through Duana's thick bush, the tall woman shuddering as Mary must have found her clit or maybe her wet hole. Joslyn was looking a little lonely and so was my mom, so I pulled her to me and whispered in her ear.

Joslyn swayed back to my mom. Mom swallowed, licking her lips as the dusky beauty reached her and sat on her lap. “I...I have a girlfriend,” my mom protested, as Joslyn kissed at her throat.

“It's just sex, Mom,” I said, pushing Lynda down to her knees. “I have a girlfriend, too.”

Mary giggled as Duana was unbuttoning her blouse, exposing Mary's freckled breasts. The tall pilot sucked Mary's nipple into her lips. “Betty knows you love her, that's all that matters, Sandy. Everything else is just fun.”

My zipper rasped down and eager hands reached into my pants, pushing down my boxers, to find my hardening cock. Mom relaxed and was kissing Joslyn, her hands sliding up to cup the dusky woman's breast and rolling her dark nipples between her fingers while Joslyn purred in pleasure. Lynda's mouth engulfed my cock, sucking my dick until I was fully hard in her mouth. I looked down at her pillowy tits and just had to feel those about my cock.

I pulled my cock from her mouth, grabbed the fat ring pierced through her left nipple and pulled Lynda to her feet and led her over to a chair and set down. “You ever given a guy a titty fuck?” I asked her.

She smiled wickedly. “A few.”

Lynda knelt down and placed her pillowy tits around my cock, squeezing them about my shaft and started to slide them up and down. Her gold rings piercing her nipples swung up and down, glinting in a shaft of sunlight that fell across her tits. Her blue eyes stared up at me, eager to please, and her strawberry-blonde hair fell loosely about her shoulders, a splash of color against her pale skin.

Mary sat in the sit next to me, spreading her legs and cooing in pleasure as Duana dove into her cunt, licking stiffly at her pussy. “C'mon, slut, you can do better,” Mary complained. “Your a woman, just lick and touch me wherever you'd like to be touched down there.”

“Okay,” Duana murmured and spread Mary's lips open and licked her tongue through Mary's slit, sliding her tongue into Mary's wet pussy. She swirled her tongue around the sucked Mary's labia into her mouth, rolling the wrinkled lips between her lips as Mary moaned in appreciation.

“Getting better,” Mary encourage, then sighed in pleasure. “Definitely getting better.”

I glanced back to see my mom was sitting on the desk, her jeans pulled off, her firm ass flexing as she squirmed in pleasure. I guessed Joslyn must be going down on her. My mom pulled her loose, striped shirt over her head exposing her smooth back and white bra. She reached behind her and unclasped the bra. As the white material fell away, I could just see the slope of her right breast and the hint of her pink nipple.

“Ohh, that feels nice,” Mom moaned on Joslyn's tongue. Her arms moved and I realized mom was playing with her breasts.

“How's your titty fuck?” Mary asked with a smile.

“Nice,” I told her. Lynda's tits felt amazing on my cock as she formed a tight tunnel between her soft tits. I started fucking my hips up, rubbing my cock faster through the valley of her breasts. Mary's eyes were fixed on my cock, the head would appear up from between her tits then disappear back down. Pre-cum glistening on the tip, smearing on Lynda's melons.

“Is Duana giving you good head?” I asked.

Mary rolled her eyes. “She's getting better! She...ohhh, yeah. She's definitely getting better,” Mary purred.

“Oh, man!” gasped Mom. “Oh, Mark, her tongue feels so amazing. I can't wait to try some of what she's doing to my pussy on Betty when I get home! Oh, wow! Mmmhh, oh crap! Yes, yes, oh yes!”

Lynda started licking my cock head when it got close to her lips, her tongue roughly sliding across the tip sending a shudder of pleasure through my body. Another lick, another shudder, and then my cock was back in the pillowy softness of her breasts and then was back out and another delicious lick, another delicious shudder. “Fuck that's amazing!” I gasped. “Keep licking, slut!”

Lynda giggled. “Glad you...” lick, “...like it!”

Mary was panting next to me, grinding her cunt into Duana's face. “Oh yes, fucking suck my clit, whore! Oh, fuck! Oh fucking shit! Here it comes, slut! Drink my cum!”

My mom sat in the chair on the other side of me, naked and flushed. Her eyes focused on my cock appearing and disappearing between Lynda's breasts. I was getting closer and closer to cumming. My balls were so close to flooding Lynda's breasts with my creamy spunk. Just a few more licks and...I groaned, my face clenched as I spilled onto her tits.

“Fuck, that was nice!” mi sono lamentato.

Lynda was panting, to, white cum coating her face and tits. She released her breasts and my cock slid out of her tight embrace. Mary knelt down and licked a line of my cum up Lynda's tit. Then she looked at my mom, hefted Lynda's other, cum covered tit invitingly. My mom licked her lips and then knelt down and licked my cum up Lynda's breast, up to her neck and then she was kissing Lynda on the lips.

My cock was achingly hard watching my mom and my fiancee lick my cum off this woman. They were pressing her down onto her back, their tongues devouring my cum. Mary licked her way up to Lynda's face as Mom licked back down to her breasts, sucking a fat nipple and gold ring into her mouth as Mary kissed Lynda on the lips. Then Mary was straddling her face as Mom licked lower and lower, down to Lynda's shaved cunt.

“Duana, lick my mom's cunt,” I ordered and then I grabbed willowy Joslyn and bent her over the desk.

Joslyn's cunt was shaved bare, her labia large and engorged and felt amazing as I rubbed the head of my cock on them before I found her hot, wet hole and slid inside her, groaning as her velvet cunt swallowed my cock.

“Ohh, that feels great,” Joslyn moaned. “Umm, you got a nice feeling cock, stud.”

“You got a nice feeling cunt,” I moaned, pulling back and thrusting in again and again. “Fucking wet and tight, just the way I like my pussy!”

“Then give me a good fucking, lover!” Joslyn purred. “I could use a nice cum! Haven't had one yet, today!”

“You have to cum everyday, slut?” I asked.

“If not, then the day was wasted.” I liked her philosophy. If I haven't came a dozen times in a day, it was definitely wasted. “I need a nice, fat cock to stretch my poor little pussy until I explode!” she panted.

I started thrusting faster and faster, enjoying her wet depths. I glanced behind me, Mary was riding Lynda's face and my mom was devouring Lynda's cunt. Duana knelt behind my mom and started fingering her cunt. Duana bent her head down, planting her face between my mom's ass cheeks and began to rim Mom's ass. What a naughty slut.

“I'm going to pee in your mouth, and you're going to love it, right slut?” Mary asked.

“Oh yes,” moaned Lynda. “I've masturbated so many times to water sports vids! Fill my mouth with your delicious pee.”

Mary sighed as her urine splashed into Lynda's mouth, the pilot drinking her piss eagerly. I slammed into Joslyn's cunt faster and faster as I watched my fiancee piss into another woman's mouth. When Mary finished pissing, she moaned as Lynda licked her pussy clean, her tongue digging through Mary's slit. Lynda was moaning beneath Mary, her body writhing and fresh cunt juices flooded my mom's mouth as she came.

My mom drank all of Lynda's juices and then shuddered on Duana's tongue. “Yes, oh yes, I'm cumming! Umm, that feels so amazing!” Mom turned around, stroking Duana's face. “Oh, thank you for that amazing orgasm.”

I came in Joslyn's cunt as I watched my mom french kiss Duana, her face sticky with Lynda's juices. Mary's ass jiggled beneath her bunched up skirt as she ground her pussy on Lynda's face, her unbuttoned blouse slid off her right shoulder, exposing her pale, freckled shoulder. Her auburn hair, tied in a ponytail, swayed about as she tossed her head about, her moans of pleasure growing louder and louder.

My mom's ass was pointing at me, as tight as any teenagers, her hairy bush matted with desire, her pussy pink and swollen with pleasure. I knelt behind her, running my hands about her firm cheeks. Mom broke her kiss with Duana and glanced over her shoulder at me, her eyes falling onto my hard cock.

“You're so beautiful, Mom,” I murmured.

“Prettier than your fiancee?” my mom asked with a grin.

“A close second, Mom.” My cock was poking at her tight ass, sliding down, leaving a streak of pre-cum across her firm cheeks and down through her silky hair. I found her hot, wet hole, rubbing my cock's head on her swollen labia, enjoying the feel of her silky nether lips.

“Umm, good answer, son,” Mom groaned as my cock entered her slowly.

“He's the best!” moaned Mary. “Umm, this slut sure knows her way around a snatch! You keep doing that and...ohhh that's nice! Fuck, fuck, yes! Questo è tutto! Oh, God, I'm cumming! You nasty, fucking slut! Ohh, that was nice.”

“Thank you for fulfilling my fantasy,” moaned Lynda as Mary crawled off of her.

Mary pressed her body against my back, hugging me from behind as I fucked my mother. Her breasts were soft pillows topped with her hard nipples, her silky bush tickled my ass. Her arms wrapped around my waist and her lips were wet on my neck.

“Who are you thinking of keeping for our pilots?” she whispered into my ear.

“Lynda for sure,” I moaned. “Those fucking nipple rings.”

Mary laughed. “I love a slut that drinks my piss.”

“Joslyn is the prettiest,” my mom moaned, thrusting her hips back into my cock. With Mary pressed behind me, I couldn't fuck Mom as hard I liked, but goddamn my mom knew how to work her hips to get a man off.

Joslyn was beautiful, with her dusky, Mediterranean skin her brilliant green eyes. “She was a great fuck,” I pointed out.

Mary nipped at my ear. “Joslyn and Lynda then.”

“Yeah,” I panted. “Mmh, Mom, you know how to fuck!”

Mom laughed, a rich throaty laugh, slamming her ass back into me. “You're not to bad yourself. Umm, my baby boy grew up to have a nice cock!”

“Cum in your slutty mom's pussy,” Mary whispered into my ear. “Fill her up with delicious spunk.”

“Give me your cum, Mark!” Mom moaned. “Fill your mommy's womb with your sperm. It's so wonderful to have you back inside me! Oh, crap! Crap!”

My balls were tightening, my orgasm was building. I felt Mom's cunt spasm on my cock as she came, slamming her ass back into me and I groaned, “Fuck, that feels so amazing, Mom! Oh, fuck! Here it fucking cums!” My balls unloaded, flooding the very pussy that made me with a flood of cum. Mom slumped forward, rolling onto her back, her legs spread obscenely open, my cum oozing out and matting her brown fur.

“Joslyn and Lynda, you're going to be our pilots,” I ordered. “You'll live at the hanger, stay within fifteen minutes of the plane at all times. You will love Mary and myself as your masters, and love each other. Duana, never speak of this to anyone, you can get dressed and go.”

Joslyn moved over to Lynda and stroked her face. “I never noticed how beautiful you are,” she whispered and kissed Lynda with passion.

“Ladies,” I barked, interrupting their kiss, “get over her and take a lick from my mom's cunt.” Lynda was first, bending down and taking a single lick as I uttered, “Zimmah,” and felt the energy run from my mom into Lynda and myself, binding Lynda's to me permanently. Lynda stared at me in awe as Joslyn took her place and took her lick and was bound to me.

“You two, go home gather your stuff and head to Thun Field, hanger 18,” I told her and pulled a pair of keys out of my pocket, tossing it to them. “The Gulfstream has already arrived. From now on, you'll live in the plane. There's a comfy bed for the two of you too enjoy, internet, satellite TV. Just remember, always be within fifteen minutes of the plane.”

“Yes, Master,” Lynda nodded and then gave Joslyn a wicked smile. “A bed to share, huh? I'm sure we can find some stimulating way to pass the time.”

My phone rang and I fished it out of my pocket, glancing at the caller ID. “You found Brandon?” I asked.

“I found out where he went,” Doug Allard answered. Doug was a P.I. hired by Brandon Fitzsimmons to spy on us, causing all sorts of problems when Brandon sent the media the results of his spying. We caught Doug and turned him to our side and sent him after Brandon. “He flew from San Francisco to London and from there he caught a plane to Toulouse, France. He landed in Frances about two hours ago.”

“What's in France?” I asked aloud, frowning.

“The book,” Mary grasped. “One of the books is in France.”

My stomach sank. Who knew what sort of problems Brandon having the book would cause. “Doug, Brandon's headed for Rennes-le-Château, the Motherhouse of an order of nuns. The Order of Mary Magdalena. You must stop him from getting a book, the Magicks of the Witch of Endor. Do whatever it takes to stop him.”

“Okay, Mr. Glassner.”

I wanted to go after Brandon myself. But he was going into the heart of the lion's den, the Motherhouse of the Nuns. Who knew how many of those bitches would be there. It was far too dangerous for either Mary or myself to go anywhere near Rennes-le-Château.

“Mary, where was that third book at?”

“Um, with some noble. An Altgrave, I think he was called.” She grabbed her phone. “In Cologne, Germany.”

“I need to speak with him, make sure he understands not to let Brandon so much as see that book.”

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

“Hey, Kaeden,” Illness, the barkeep at the Lucky Cowgirl greeted me as I sidled up to the bar.

Illness wasn't the name he was born with, just the name everyone called him. “Because I'm so Ill, man, you know, cool,” he would say in his gravely, burnt-out voice, sounding like an aging rocker who partied to hard in his twenties and lived to regret it.

“A pint of Sam Adams,” I said, sighing as I sat down on the barstool.

“You one of the...” He left the end of his question hanging. The empty look in my eyes answered his question. “Rough, man. Real rough.” He finished filling the pint and set it down in front of me. “So, did it really happen?”

I shrugged. My PBA rep told me not to talk about it. Fuck, I'm not even sure what really happened. One minute, I was storming this Mark Glassner house on loan to the FBI, and the next thing I knew Mark Glassner was leading me and rest of my SWAT unit out of the house. And then this fine-ass girl, naked, with bubble-gum pink hair and this voluptuous Latina were leading me upstairs and fucked my brain out.

And now I was probably out of a job. And maybe facing prison time. Accepting sexual favors as a bribe, Internal Affairs called it. So here I was, back at the Lucky Cowgirl, to drown my sorrows. I hadn't been in for two weeks and I was hoping to get lucky like the last time I was here, to maybe take my mind off my problems with some female companionship. Hell, maybe that gal would be back.

Nearly two weeks ago, on a Friday, this vivacious blonde name Erin had waltzed in, flirting outrageously with me and a few of my drinking buddies. We were drawn to her, she was just so fucking sexy in her tight jeans and revealing top. And she just ate our attention, touching us, laughing at our bad jokes. I grew more and more bold and soon it was just me and her at the bar and she let my hands roam everywhere. When I whispered in her ear that I wanted to fuck her brains out. She laughed and suggested the bathroom. I gave her a good fucking all while this creep listened to us from the next stall.

And then she asked me to go get some drinks and I waited at the bar while she cleaned herself up. And waited, figuring she had to reapply her make-up. You know women. When she did emerge, she was with this other guy, her arm wrapped around him, clinging tightly to him. They clearly knew each other, her boyfriend maybe and I just stood at the bar like an idiot realizing that the guy must have been the creep in the next stall. They were like playing at cheating or something. It was straight out of letters to Penthouse.

After the day I had, I wouldn't mind banging Erin again. Her guy could watch for all I cared. I just needed something nice to happen to me, today. I just needed something pleasant to help me forget what a shithole my life just became. All the hard work, all the sacrifices to become a SWAT officer. It cost me my marriage to Sally and a few girlfriends since. All of it flushed down the shitter and I couldn't even begin to understand why any of us did it.

“Why so down, handsome?” a tall, African American woman asked, sitting on the barstool next to me. Her accent was strange, like she was an actual African, from Nigeria or something. She was beautiful, young, with coal-black skin and short, curly hair. Her lips were big and smiling beautifully.

I snorted. “I'm in a lot of trouble.”

“Oh, how sad,” she consoled, placing her hand on my arm, stroking me gently. “Maybe I could make it all better.”

“Oh, how?” I asked, eying her up and down. She was fucking gorgeous.

She smiled promisingly. “What are you drinking?”

“Sam Adams.”

“Buy me one, and we'll see if I can't make you forget all about your problems,” she promised, her fingers running up my arm to my biceps. “Mmhh, you work out. I love a man with big muscles.”

“I'm a SWAT officer,” I told her. Some women got off on banging cops, badge bunnies we called them. And the way this woman's eyes lit up, she was definitely a badge bunny.

“How exciting,” she purred. Illness set a pint before her and she took a deep gulp. “It must be very stressful, all that danger.”

“Oh, very stressful,” I said with a shrug. “But, I live for the danger.” I used that BS on so many ladies, they lapped it up.

Her laugh was throaty and exciting. “And how do you relieve all that stress. I bet it just gets bottled up inside you, begging to be released.”

“Oh, I could think of a few ways to relive the pressure,” I smiled.

“Your hand, non?” she asked archly.

I laughed, it felt good to laugh. “Sure, but there are definitely more pleasant ways to relieve the pressure.” I took a drink of my beer. “Of course, they require someone's assistance.”

She sipped her beer, her pink tongue licking foam off her upper lip. “I have been told I am very skilled at relieving stress.”

My cock was rock hard in my pants. God, I loved this bar. I had never met a girl as easy as Erin, but this African chick was giving that slut Erin a run for her money. Well, it worked last time, so I leaned over and whispered, “I want to fuck your brains out. Right now.”

She stood up, her smile eager, and took my hand. She was aggressive as she pulled me across the bar to the men's room and pulled me inside. She took me to the last stall. Memories of Erin bent over the toilet as I fucked her from behind flashed in my mind. Would this mysterious Black woman's cunt feel as good as Erin's had.

Christ I didn't even know her name.

But that didn't matter as she kissed me as soon as we were in the stall, my hands reaching down and knead her ass through her short skirt. I lifted the skirt up and she wasn't wearing any panties, the naughty little slut. Her tongue was fierce as she frenched me, aggressively exploring my mouth as her hands fumbled at my belt. She pulled my cock out, stroked it a few times then broke the kiss. I was panting hard as she pulled her dress over her head, exposing her lithe, coal-black body. She took her fingers, slid them between her black breasts, down to her black bush and shoved them up inside her, coating them with her juices.

“See how wet I am for you,” she moaned. “Fuck me!”

I didn't need to be told twice and I pinned her against the side of the stall, her legs wrapping about my waist as I plunged into her Black pussy. She moaned as I fucked her hard, pounding away at her cunt. I needed this. I needed to forget my problems. All that mattered right now was how amazing her cunt felt on my cock as I fucked her tight, wet depths.

“Fuck your tight, slut,” I moaned. Any girl as easy as her, badge bunny or not, was a slut. “Love how you feel on me.”

“Umm, your cock is stirring me up,” she moaned. “Umm, spear me, stud! Ohh, I love having a nice shaft spearing inside me!”

Her hips were fucking me back, matching the furious rhythm. I needed to cum so bad. I didn't care if she came, I just needed to feel that sweet release as I spilled inside her. She was so tight, my cock felt like it was in a vice, trying to squeeze out my cum. I was getting closer and closer to cumming inside her.

“Yes, yes, oh God I'm gonna cum!” mi sono lamentato. Her legs were wrapped so tightly about me I couldn't pull out if I wanted to. I slammed once more into her and felt that shuddering release as my cum spilled into her.

Her finger was on my forehead, drawing with her sticky finger as she whispered, “Shama,” into my ear and everything went still. I stared blankly at the woman and she smiled in satisfaction. All that mattered to me was doing exactly what this woman told me too.

“Good,” she muttered, pushing me back, my cock pulling out of her. “I am Sister Agnes.” I nodded my head as she gave me my instructions.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

The Drunken Pugilist may be the emptiest bar I had ever seen at happy hour. One old man sipped a pint at the bar while a board barkeep was watching the Mariners play the Angels. A fond smile crossed my face as I remembered Sean, my ex-husband, getting so excited during their '95 season and how crushed he had been when the Mariners lost to the Indians and ended the Mariners World Series hopes. Mary was only one, then, and Missy wasn't even a thought, yet.

Focus, Theodora, I told myself. Kurt stole your family from you, no use dwelling on that, now. You need to stop this Mark from destroying other families.

Sister Isabella followed me in. We let Providence guide us. Each of us opened the phone book, to the listing of bars, figuring guys as in trouble as these SWAT officer were would be drowning their sorrows. So we closed our eyes and jabbed our fingers down on the page. Isabella and I both got the Drunken Pugilist and Sister Agnes chose the Lucky Cowgirl.

I scanned the bar, the only other people were the two men sitting at a booth in the back, almost hidden in the shadows. I could see their auras, blacker than the shadows, the aura of a Thrall enslaved by a Warlock. It was clear that Mark had given the men an order that must have rewritten parts of their personality. Well, they were cops and I could imagine the sort of orders Mark must have given. “Let me commit crimes,” he probably ordered, or, “I can't do anything wrong.”

Both guys looked miserable as we approached, a pitcher of beer sat between them and a few empty shot glasses. Both were fit, broad shoulder man. A swarthy Mexican with a thick mustache that ruined an otherwise handsome face, and a squashed-face white guy with a crew cut.

“Hi, boys,” Isabella purred with her sexy, Latina accent.

The Mexican's eyes lit up when he saw us. “Hello, ladies,” he said with a smile, and motioned to the booth. “Care to cheer up a pair of cops having a bad day?”

“Christ, Riz, do you have to flirt with every chick?” the White guy asked.

“Hey man, why should I deprive my charm from any beautiful woman,” Riz protested. “Ignore him, he's married and forgotten how to treat such heavenly creatures as yourselves.”

“Riz?” I asked, and then Isabella sat down next to him, leaving me with the White guy.

“Because his real name is pretty stupid,” the White guy said and a grin momentarily crossed his lips before his pain returned.

“Oroitz is a perfectly manly name,” Riz joked. “Besides, what kind of name is Duncan?”

“A Highlander,” I said with a smile. Everyone gave me a blank look. “Um, you know, 'There can be only one.' The Highlander?”

“Yeah,” Duncan muttered and took a swill of his beer. “The TV show, right. Not the movie.”

“Yeah,” I nodded.

“So, what has you guys so down?” Isabella asked. “Women, right?” Both men grunted and Isabella smiled wickedly, leaning closer to Riz, reaching out to place her hand on his. “I hope not the same woman.”

“No, chiquita, not the same woman,” Riz admitted. “We're both in the doghouse because of work. My girl broke up with me and Duncan's wife kicked him out.”

“Oh that's terrible,” I cooed, scooting up against Duncan. His eyes glanced at my cleavage and then a guilty flush suffused his face.

Across the table, Isabella was snuggling up to Riz, who put his arm around her. “Yeah, it's terrible. Me and Alicia had been dating for weeks.”

“Well, maybe I can make you feel better,” Isabella said with a naughty smile. From how her arm was moving, she must be rubbing Riz's leg. Or maybe even his crotch based on that the big grin filling Riz's face. And then the two were talking in rapid Spanish. In my few weeks living in LA I picked up a smattering of Spanish, but I could not begin to follow their conversation.

Duncan just set like a log next to me, staring down into his beer. “What's the problem,” I purred. “You might feel better if you tell me about it.”

A look of self-loathing crossed his face. “Sure,” he bitterly snorted, his voice a little slurred with drink. “Why the fuck not.” He down the rest of his beer. “You heard about the whole SWAT scandal?”

I nodded my head. That is why Providence led me to you. Mark had foolishly made a bunch of highly skilled men his Thralls and didn't bother to protect them. “There are subtle signs,” Ramiel told me in my dreams, “to tell if the Bond of Zimmah chains a Thrall to the Warlock. The black aura will have the tiniest, barely perceptible, fringe of red about it. So minute, you have to know to look for it.” As far as I could tell, neither of these men were bound to Mark.

“Yeah,

Storie simili

Il Cavaliere e l'Accolito Libro 3, Capitolo 8: Pericoli Necromantici

Il Cavaliere e l'Accolito Libro terzo: Passione barbara Capitolo otto: Pericoli necromantici Per mionome3000 Copyright 2016 Nota: grazie a B0b per aver letto questa versione beta. Thrak – Rovine di Murathi, Federazione di Larg Sei sicuro di stare bene? chiese Faoril mentre mi massaggiava le spalle. Quella pietra sembrava pesante. “Bene,” sospirai, assaporando il modo in cui le sue dita mi massaggiavano le spalle, allentando la tensione. “È stato solo un colpo di striscio. Il livido non pulsa affatto. Devi stare attento, ha continuato Faoril. Le sue dita affondarono in profondità nei muscoli del mio collo, alleviando il dolore della pietra...

1.1K I più visti

Likes 0

Storia sexy di partner intimi-01

Questa è una storia del primo sesso con Roji, il suo primo partner intimo. Questa è la storia del mio amico Deepak Kumar. Deepak Kumar è un personaggio importante nella mia storia. Presenta una bella storia della sua vita sessuale in questa storia. La Storia come descritta dal mio carissimo amico Deepak Amici Sono Deepak, sono stato bravo negli studi fino all'età di diciotto anni. Ero uno studente brillante. Fino a quel momento non avevo amici speciali e mi occupavo solo di studio senza altre attività. Sono l'unico figlio dei miei genitori. I miei custodi erano anche servitori maschi. Sebbene mio...

965 I più visti

Likes 0

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

955 I più visti

Likes 1

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

929 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

924 I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

927 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con April

Ho conosciuto April quando avevo 16 anni. Eravamo insieme nella banda musicale del nostro liceo, aveva la mia stessa età, ma aveva già delle tette enormi. Giuro che dovevano essere almeno DD. Mi bastava solo pensare a loro per potermi masturbare, cosa che a quell'età facevo molto. Eravamo buoni amici, ma non sono mai riuscito a trovare il coraggio di chiederle di uscire. Se avessi le palle lo avrei fatto, non solo perché aveva il miglior portapacchi che abbia mai visto, e non perché il suo culo fosse altrettanto buono, ma davvero perché era l'unica ragazza che abbia mai incontrato che...

900 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

917 I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

889 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

866 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.