Giardino di Hedon

515Report
Giardino di Hedon

Prologo: tratto dalla Bibbia

L'inizio 1 In principio Dio creò i cieli e la terra. 2 Ora la terra era informe e deserta, le tenebre ricoprivano la superficie dell'abisso e lo Spirito di Dio aleggiava sulle acque.

3 E Dio disse: «Sia la luce», e la luce fu. 4 Dio vide che la luce era buona e separò la luce dalle tenebre. 5 Dio chiamò la luce “giorno”, e lei chiamò le tenebre “notte”. E fu sera e fu mattina: il primo giorno.

6 E Dio disse: «Ci sia una volta tra le acque per separare l'acqua dall'acqua». 7 Dio dunque fece la volta e separò l'acqua sotto la volta da quella sopra di essa. E così è stato. 8 Dio chiamò la volta “cielo”. E fu sera e fu mattina: il secondo giorno.

9 Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo si raccolgano in un unico luogo e appaia l'asciutto». E così è stato. 10 Dio chiamò l'asciutto “terra”, e la raccolta delle acque chiamò “mari”. E Dio vide che era buono.

11 Dio disse: «La terra produca della vegetazione: erbe che producono seme e alberi sulla terra che portino frutto con il seme, secondo la loro specie». E così è stato. 12 La terra produsse vegetazione: erbe che fanno seme, secondo la loro specie, e alberi che portano frutto con il seme, secondo la loro specie. E Dio vide che era buono. 13 E fu sera e fu mattina: il terzo giorno.

14 Dio disse: «Ci siano luci nella volta del cielo per separare il giorno dalla notte e servano da segni per segnare i tempi sacri, i giorni e gli anni, 15 e servano da luci nella volta del cielo». il cielo per illuminare la terra." E così è stato. 16 Dio fece due luci grandi: la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte. Ha realizzato anche le stelle. 17 Dio li pose nella volta del cielo per illuminare la terra, 18 per regolare il giorno e la notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era buono. 19 E fu sera e fu mattina: il quarto giorno.

20 E Dio disse: «Le acque brulichino di esseri viventi e gli uccelli volino sopra la terra attraverso la volta del cielo». 21 Così Dio creò le grandi creature del mare e tutti gli esseri viventi che brulicano nelle acque e che si muovono in esse, secondo la loro specie, e tutti gli uccelli alati secondo la loro specie. E Dio vide che era buono. 22 Dio li benedisse e disse: «Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite le acque dei mari e moltiplichino gli uccelli sulla terra». 23 E fu sera e fu mattina: il quinto giorno.

24 Dio disse: «La terra produca esseri viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e bestie selvatiche, ciascuno secondo la sua specie». E così è stato. 25 Dio fece le bestie selvatiche secondo le loro specie, il bestiame secondo le sue specie e tutti i rettili della terra secondo le loro specie. E Dio vide che era buono.

26 Dio disse: «Facciamo gli uomini a mia immagine e a mia somiglianza, affinché dominino sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame e su tutte le bestie selvatiche e su tutte le specie. le creature che si muovono sulla terra."

27

Quindi Dio creò l’umanità a sua immagine,

a immagine di Dio li creò;

maschio e femmina li creò.

28 Dio li benedisse e disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi; riempite la terra e soggiogatela. Dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente che striscia sulla terra».

29 Dio disse: «Io ti do ogni pianta che produce seme su tutta la terra e ogni albero che porta frutto con seme; saranno tuoi in cibo. 30 E a tutte le bestie della terra e a tutti gli agli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra, a tutto ciò che ha in sé un alito di vita, io do ogni pianta verde come cibo». E così è stato.

31 Dio vide tutto quello che aveva fatto, ed era molto buono. E fu sera e fu mattina: il sesto giorno.

Così i cieli e la terra furono completati in tutta la loro vasta schiera.

2 Il settimo giorno Dio aveva terminato l'opera che lei aveva fatto; così il settimo giorno si riposò da ogni suo lavoro. 3 Allora Dio benedisse il settimo giorno e lo santificò, perché in esso si riposò da tutta l'opera di creazione che aveva fatto.

4 Questa è la storia dei cieli e della terra quando furono creati, quando il Signore Dio fece la terra e i cieli.

5 Nessun arbusto era ancora comparso sulla terra e nessuna pianta era ancora germogliata, perché il Signore Dio non aveva mandato la pioggia sulla terra e non c'era nessuno che lavorasse la terra, 6 ma corsi d'acqua salivano dalla terra e irrigavano la terra. tutta la superficie del terreno. 7 Allora il Signore Dio formò l'uomo dalla polvere della terra e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l'uomo divenne un essere vivente.

8 Ora il Signore Dio aveva piantato un giardino in oriente, in Eden; e lì pose l'uomo che aveva formato. 9 Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni specie di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare. In mezzo al giardino c'erano l'albero della vita e l'albero della conoscenza del bene e del male.

10 Un fiume che irrigava il giardino usciva dall'Eden; da lì veniva separato in quattro sorgenti. 11 Il nome del primo è Pison; si snoda per tutto il paese di Avila, dov'è l'oro. 12 (L'oro di quel paese è buono; là sono anche resina aromatica e onice). 13 Il nome del secondo fiume è Ghihon; si snoda attraverso tutto il paese di Cush.[] 14 Il nome del terzo fiume è Tigri; corre lungo il lato est di Ashur. E il quarto fiume è l'Eufrate.

15 Il Signore Dio prese l'uomo e lo pose nel giardino dell'Eden perché lo lavorasse e ne avesse cura. 16 E il Signore Dio comandò all'uomo: «Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino; 17 ma dell'albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché quando tu ne mangerai, certamente morirai. "

18 Il Signore Dio disse: «Non è bene che l'uomo sia solo; io gli farò un aiuto adatto».

19 Ora il Signore Dio aveva formato dalla terra tutte le bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo. Li portò all'uomo per vedere come li avrebbe chiamati; e come l'uomo chiamava ciascuna creatura vivente, quello era il suo nome. 20 Allora l'uomo diede nomi a tutto il bestiame, agli uccelli del cielo e a tutte le bestie selvatiche.

Ma per Adamo non è stato ancora trovato un aiuto adatto.

Capitolo 1:

Adamo si svegliò. Si alzò e stirò i suoi muscoli ben tonici. Gli venne in mente che doveva svuotare la vescica, così camminò verso il punto designato lontano da qualsiasi acqua e piante portatrici di vita e liberò. Era sempre così rilassante svuotare la vescica per prima cosa al mattino, qualcosa come il liquido che scorreva fuori dal suo corpo e cadeva rumorosamente a terra. Forse il liquido fornirebbe sostanze nutritive per una maggiore vita in questo giardino paradisiaco. Il suo flusso giunse a una fine lenta ma inevitabile. Scosse l'organo e si allontanò dalla pozzanghera sul terreno.

Dopo essersi preso cura del compito di svegliarsi, Adam poteva passare ai suoi doveri quotidiani. La prima fu la sua visita all'albero della vita. Dall'albero colse un frutto così delizioso e maturo che nessuna creatura oserebbe detestarlo. E ha mangiato. Voracemente. Adam sentì la forza entrare nel suo corpo. Scorreva come un fiume e bruciava come fuoco nelle sue vene, nelle sue arterie e nei suoi capillari. Dal cespuglio vicino raccolse una manciata di bacche. Andò al suo fienile e trovò verdure e altri frutti con cui preparare la colazione. Mangiò e si sentì sazio.

Poi veniva il dovere di accudire gli animali. Ognuno aveva le proprie esigenze e la routine di cure da seguire. Per le pecore si avvicinava il momento della raccolta della lana. Il giorno prima era nato un agnello ed era occupato ad allattare la madre quando Adamo si avvicinò. L'agnello e la madre rimasero immobili, non per paura ma per conforto. Sapevano che l'uomo che si avvicinava non avrebbe fatto loro alcun male. Adamo contò 12 pecore, come il giorno prima. Nessun predatore aveva attaccato e ucciso nessuno mentre Adam dormiva. Adam si assicurò che ci fosse molta erba da mangiare. Non c'era bisogno di lavorare oggi, qui. Così si sedette alla portata della madre che allattava e dell'agnello. Accarezzò la schiena della madre. Per un'ora Adamo rimase seduto lì con le pecore in tranquilla contemplazione. All'improvviso si alzò, scosse la testa per schiarirsela e proseguì. Ha ripetuto il processo contando e assicurandosi cibo sufficiente e rifornendolo dove era necessario. E così la giornata proseguì e Adam era contento. Quasi.

Adamo col passare del tempo non poté fare a meno di notare che ogni animale alla fine avrebbe trovato un compagno, un compagno con cui stabilirsi e fare prole. Lo desiderava per se stesso. Lo desiderava moltissimo. Pensò tra sé che avrebbe dovuto parlare di questo con Dio quando quella sera attraversarono il giardino. Qualcos'altro però bruciava in lui. Adam non era cieco. Poteva vedere chiaramente che ci volevano due animali per creare un bambino e che ciò portava piacere agli animali che avevano generato la creatura.

Adam conosceva un po' questo piacere. Aveva sentito il suo organo irrigidirsi nella brezza fresca. L'aveva sfiorato e aveva trovato la sensazione piacevole. Non passò molto tempo prima che Adam sperimentasse il suo primo climax e la sua eiaculazione. Provò grande euforia vedere il suo seme sparso. Quando lui aveva confessato a Dio di aver scoperto qualcosa di nuovo ed emozionante durante la loro passeggiata serale, lei si era limitata a ridere.

"Oh Adam. Se solo tu sapessi," sorrise. E così Adam lo ha reso parte della sua routine quotidiana. Ogni notte, prima di addormentarsi nel suo letto di fieno e lana vicino al fiume Tigri, avvolgeva la mano attorno al suo organo e iniziava a muovere lentamente il pugno su e giù. All'inizio sembrerebbe che non succeda nulla, a parte la crescita del suo organo. Presto avrebbe emesso un sussulto o un gemito di piacere. Non passò molto tempo prima che si spruzzasse il seme sulla pancia. Successivamente si sentiva sonnolento e si addormentava facilmente.

Mentre Adamo dormiva, Dio era occupato. Impegnato con un regalo per Adamo che Dio sapeva che Adamo avrebbe gradito. Così ha oscurato la visione di Adamo per nascondere il dono finché Dio non fosse stato pronto a mostrarglielo.

La sera successiva, quando Adamo e Dio entrarono nel giardino, Lei diede ad Adamo il suo dono.

"Adamo, so quanto hai desiderato ardentemente un compagno. Speravo che gli animali di questo mondo fossero compagni sufficienti, ma ho visto che non sono sufficienti", disse Dio. A quel tempo Adamo non sapeva nulla dell'inganno, quindi parlò con verità e senza paura.

"Per tutti questi mesi ho desiderato avere qualcuno con cui stare, un pari, qualcuno con cui trascorrere i miei giorni. E sì, un giorno montarò e conterrò il mio seme."

"Oh Adam, se solo tu sapessi cosa ti porterà questo mondo. Ma per ora sii felice e contento. Ho qualcuno da farti incontrare. Il suo nome è... Lilith. Lei è tua pari in tutti i sensi." . Altrettanto forte e gentile, volitivo e di mente nobile. Spero che voi due sarete partner adatti l'uno per l'altro. Lo faccio davvero con tutto il cuore", ha detto Dio.

Dall'ombra di un albero camminava un'altra creatura su due gambe. Un'altra forma di umanità si era formata dalla polvere della Terra e in essa era stata infusa la vita. Questa forma sarebbe una donna per l'uomo Adamo. Lilith camminò agilmente verso Dio e Adamo. Le sue guance arrossirono. Mai prima d'ora Adam aveva visto una tale bellezza.

"H...h...ciao. Dio mi ha detto che il tuo nome è Adam. Il mio nome è Lilith," fece una pausa. "È strano. Mi sento come se ti conoscessi dall'eternità eppure so che sono stata creata solo stamattina", disse Lilith.

Adam non si prese il tempo di aspettare. Abbracciò Lilith e la prese tra le sue braccia. Sentì la sua pelle morbida sulle sue mani. Annusò i suoi capelli scuri e fluenti. La liberò dall'abbraccio, ma la tenne stretta e fece un piccolo passo indietro. La ispezionò ogni centimetro. Le sue gambe, ricoperte da una morbida peluria, erano muscolose e forti ma allo stesso tempo agili. Non passò molto tempo prima che Adam guardasse più in alto e scoprisse qualcosa di nuovo.

Questa manifestazione dell'umanità non aveva alcun membro tra le gambe. Invece coperto da un tappeto di peli c'era un buco. Adam supponeva che fosse prevedibile. Sapeva che maschio e femmina avevano parti del corpo diverse per facilitare la riproduzione. Eppure questo era diverso. Ne era attratto come da una forza invisibile. Tolse una mano da Lilith e fece scorrere con attenzione le dita tra le labbra della sua femminilità. Ciò suscitò un lieve gemito da parte di Lilith. Adam tirò indietro la mano per paura di averla ferita. Ben presto capì che non era così e, per qualche motivo a lui sconosciuto, portò le dita, le stesse dita che avevano percepito la sua femminilità, al naso e inspirò.

Adam fu colpito da un'ondata di aromi dal muschiato al profumato, dall'aspro al dolce. Si portò le dita alle labbra e se le leccò avidamente. Poteva assaporarla sulle sue dita, meravigliosamente quanto lei.

"Penso che darò a voi due un po' di tempo per conoscervi," disse Dio con un sorrisetto d'intesa sul suo viso.

Storie simili

Famiglia di proprietà - CH3: Non si torna indietro

Questa è la continuazione della storia di una famiglia che si sottomette al vicino nero. Se non ti piacciono le storie su gay, interrazziali, incesto, bestialità o sesso giovanile, per favore vai avanti. Se ti piacciono questi argomenti, divertiti. Apprezzo le critiche COSTRUTTIVE. I due giorni successivi furono molto simili. Ho lavorato a casa di Ty imparando i suoi investimenti e migliorando il suo sistema di archiviazione, se così si può chiamare un sistema. Da quello che ho potuto dire è entrato in denaro lasciatogli da un membro della famiglia mentre era al college. Ha lavorato in una scuola superiore dall'altra...

1.5K I più visti

Likes 0

Bella Lilly

Nota dell'autore: se non sei un fan delle storie in cui la maggior parte dei personaggi ha poca o nessuna morale, per favore non leggere questo. Sei stato avvisato. Vai avanti se questo concetto non ti incuriosisce. Ci sono alcune persone malvagie e incasinate in questa storia. Il figlio sessualmente attivo può essere il minore dei mali. Questa non è una storia d'amore spensierata. Il suo pezzo compagno Juicy J è molto più ottimista e spensierato. Sentiti libero di leggere quella storia (sulla sorella di Lilly) se preferisci quello stile. Questo è anche un racconto a strati con diversi personaggi. Un...

1.2K I più visti

Likes 0

Festa in piscina_(1)

Ehi, tutti, gridò Gene, guardate questo, appena prima di fare una capriola selvaggia dal trampolino nella piscina del suo cortile!!! Il resto della folla gli ha rivolto una finta standing ovation e Tom ha gridato: Darei tre e mezzo a quello, e tutti sono scoppiati a ridere e poi sono tornati a fare conversazione e ad accarezzare i loro drink! Era la solita folla, le quattro coppie che erano state amiche da quando si erano trasferite nella suddivisione vent'anni prima. In estate era il nuoto e il golf, mentre durante la stagione più fredda, era il bowling o le carte, scegli...

1.1K I più visti

Likes 0

Una sorella e l'eroe della sua migliore amica

Questa è la mia prima storia in assoluto, per favore dimmi cosa ne pensi .. Mi chiamo Jack, sono 6'1'' e sono scolpito, voglio dire scolpito, da tutte quelle ore in palestra. A scuola faccio wrestling e sono stato campione dei pesi massimi nei miei ultimi due anni di scuola. Dopo la scuola sono andato a MMA e all'età di 20 anni sono stato campione di MMA. Ho gli occhi azzurri e i capelli castani che tengo corti. Comunque torniamo alla storia. Vivo con mia madre e mia sorella, che ha 3 anni meno di me. Eravamo vicini ma avevamo ancora...

913 I più visti

Likes 0

La storia di Ann parte 2

La storia di Ann parte 2 Ann non era affatto a disagio nel retro di questo veicolo e con gli orgasmi appena avvenuti, insieme a chiunque la stesse succhiando, questo la portò di nuovo a un climax tremante. Le piaceva quando suo marito si contorceva e giocava con i suoi capezzoli, ma quello che amava ancora di più era quando giocava con loro e le succhiava la figa, specialmente il clitoride. Gli uomini che l'avevano presa apparentemente erano molto bravi a dare piacere alle donne. Era sdraiata lì incapace di muoversi ed era così consumata da tre orgasmi piacevoli, quasi di...

870 I più visti

Likes 0

Il migliore amico di mio fratello_(0)

Mio fratello Lance aveva quattro anni più di me, il che significava che aveva una grande quantità di simpatici amici. Avevo appena compiuto 16 anni e adoravo i ragazzi, i loro occhi erano sempre fissi sulle mie tette 36 D e sulla mia figura snella. Avevo lunghi capelli neri e grandi occhi castani. Mio fratello e la maggior parte dei suoi amici erano al college. Aveva un amico dalla scuola media, TJ. All'inizio era un ragazzo goffo, ma quando è andato al liceo è cresciuto in se stesso. Ha iniziato a fare sport e il suo corpo ha continuato a migliorare...

830 I più visti

Likes 0

Ora cosa devo fare?

Sono cresciuto in una città di medie dimensioni, una famiglia della classe media e per lo più al riparo dalla vita della grande città di Chicago, a poche ore di distanza. Non facevamo rave party e orge, ma ovviamente li sapevamo. Ero la più grande di tre anni e sempre molto protettiva nei confronti della mia sorellina. La mia famiglia e io abbiamo cercato di tenerle lontano dalla realtà della vita cittadina il meglio che potevamo. Il mondo mi si è davvero aperto quando sono andato al college alla Northwestern University. Ho trovato le tentazioni della grande città di droghe, orge...

686 I più visti

Likes 0

Omegle Chat #1 - Il nonno e Mariah fanno un giro

Nota: sfortunatamente, la storia è incompleta perché la connessione su Omegle è scaduta. Questo è completamente inedito da me. Godere. xxxxxxxxxxxx Sconosciuto: ((donna di 19 anni (può diventare molto, molto più giovane) in cerca di un maschio più anziano per l'incesto RP come mio padre, zio o nonno)) Tu: Quanto sei giovane, schifosa troia? Sconosciuto: ((Qualsiasi valore inferiore a 17 anni, nessun limite)) Tu: Il cazzo del nonno gli è appena cresciuto nei pantaloni. Quando viene a trovarci sua nipote di 11 anni? Sconosciuto: ((Oh okay! Vuoi che ti dia una descrizione!)) Tu: Sì tesoro. Dì al nonno che aspetto hai...

723 I più visti

Likes 0

Oh ora me lo dice!!

Bene, questa è la mia prima storia ed è vera al 100%. Spero di fare del bene per la mia prima volta.. Quindi in passato andavo a casa di mio zio e aveva un figlio che aveva un anno più di me, (avevo circa 12 anni, forse) Era un ragazzo meraviglioso !! Capelli castani e bellissimi occhi azzurri, era circa 5'5 e aveva un bel corpo :). Si chiamava Ryan e io ero innamorato, non all'inizio, ma è cresciuto con me. Abbiamo passato così tanto tempo insieme e anche se ero giovane sapevo cosa volevo ed era LUI! All'inizio non pensavo...

534 I più visti

Likes 0

Mom Eyes The Kids Capitolo nove e dieci

Diana non era sicura se si vedesse, ma si sentiva come se stesse ansimando come un cane mentre si muoveva verso la figlia nuda mentre la ragazza si adagiava in modo così provocatorio sul letto. E dagli sguardi che l'adolescente le lanciava con i suoi occhi sensuali e abbassati, Diana era abbastanza sicura che la ragazza ne fosse entusiasta quanto lei. Diana si sedette sul lato del letto. Il suo piano originale era stato quello di sedurre la ragazza nello stesso modo in cui aveva fatto con Jimmy, iniziando chiedendole quanto spesso Holly si fosse fregata con una preoccupazione genitoriale fraudolenta...

481 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.